Bibliografia generale

Bibliografia generale

1. Straub RH et al., Energy regulation and neuroendocrine-immune control in chronic inflammatory disease. J Intern Med, 2010,
267(6): 543-60
2. Straub RH, Evolutionary medicine and chronic inflammatory state-known and new concepts in pathophysiology. 2012, J MOL
MED (BERL) 90: 523-53
3. Tsigos C, Stefanaki C, Lambrou GI, Boschiero D, Chrousos GP, Stress and Inflammatory Biomarkers and Symptoms are Associated with Bio-Impedance Measures, Eur J Clin Invest. 2014 nov 28. doi: 10.1111/eci.12388.
4. Ippoliti F, Boschiero D, A Simple Non-Invasive Screening to Prevent Obesity through Body Composition Analysis (Bia-Acc)
J Obes Wt Loss Ther 2013, 3:169.
5. M Nater U; Fischer S; Ehlert U, Stress as a Pathophysiological Factor in Functional Somatic Syndromes, Current Psychiatry Reviews, Volume 7, Number 2, May 2011, pp. 152-169(18)
6. Ippoliti F1, Canitano N, Businaro R., Stress and obesity as risk factors in cardiovascular diseases: a neuroimmune perspective.
J Neuroimmune Pharmacol. 2013 Mar;8(1):212-26. doi: 10.1007/s11481-012-9432-6. Epub 2013 Jan 18.
7. Capuron L1, Poitou C, Machaux-Tholliez D, Frochot V, Bouillot JL, Basdevant A, Layé S, Clément K., Relationship between
adiposity, emotional status and eating behaviour in obese women: role of inflammation. Psychol Med. 2011 Jul;41(7):1517-28.
8. Kozlowska Kasia MBBS, PhD, Perspectives, Stress, Distress, and Bodytalk: Co-constructing Formulations with Patients Who
Presents with Somatic Symptoms, Harvard Review of Psychiatry: nov/dec 2013 – vol 21-Issue 6- p 314-333
9. Adam TC, Epel ES, Stress, eating and reward system, Physiol Behav 2007, 91: 449-458
10. Vachharajani V, Granger DN, Adipose tissue: a motor for the inflammation associated with obesity. 2009, IUBMB Life 61: 424-430
11. Kim JH, Bachmann RA, Chen J, Interleukin-6 and insulin resistance, 2009, Vitam Horm 80: 613-633
12. Huffman DM, Barzilai N, Role of visceral adipose tissue in aging. Biochim Biophys Acta, 2009, 1790: 1117-1123
13. Ellis KJ, Human body composition: in vivo methods. 2000, Physiol Rev, 80: 649-683
14. Heymsfield SB, Wang Z, Baumgartner RN, Ross R, Human body composition: advances in models and methods, 1997, Annu Rev
Nutr, 17: 527-558
15. Jaffrin My, Morel H, Body fluid volumes measurements by impedance: a review of bioimpedance spectroscopy (BIS) and
bioimpedance analysis (BIA) methods. Med Eng Phys 30: 1257-1269
16. Ruiz-Nunez B et al., Lifestyle and nutritional imbalances associated with western disease: causes and consequences of chronic
Systemic low grade inflammation in a evolutionary context. Journal on Nutritional Biochemistry 24, 2013, 1185-1201
17. Schaap LA, Pluijm SM, Deeg DJ, Visser M. Inflammatory markers and loss of muscle mass (sarcopenia) and strength. Am J Med.
2006 Jun;119(6):526.e9-17.
18. Szulc P, Munoz F, Marchand F, Chapurlat R. Rapid loss of appendicular skeletal muscle mass is associated with higher all-cause
mortality in older men: the prospective MINOS study. Am J Clin Nutr. 2010 May;91(5):1227-36. Epub 2010 Mar 17.
19. Kyle UG, Genton L, Hans D, Karsegard L, Slosman DO, Pichard C. J. Age-related differences in fat-free mass, skeletal muscle,
body cell mass and fat mass between 18 and 94 years, Eur J Clin Nutr., 2001 Aug;55(8):663-72.
20. Visser M, Pahor M, Taaffe DR, Goodpaster BH, Simonsick EM, Newman AB, Nevitt M, Harris TB. Relationship of interleukin-6 and
tumor necrosis factor-alpha with muscle mass and muscle strength in elderly men and women: the Health ABC Study. J Gerontol A
Biol Sci Med Sci. 2002 May;57(5):M326-32.
21. Toth MJ, Ades PA, Tischler MD, Tracy RP, LeWinter MM. Immune activation is associated with reduced skeletal muscle mass and
physical function in chronic heart failure. Int J Cardiol. 2006 May 10;109(2):179-87. Epub 2005 Jul 15.
22. David E. Brumbaugh,Tessa L. Crume,Kristen Nadeau,Ann Scherzinger and Dana Dabelea.Intramyocellular Lipid Is Associated with
Visceral Adiposity, Markers of Insulin Resistance, and Cardiovascular Risk in Prepubertal Children: The EPOCH Study.The Journal
of Clinical Endocrinology & Metabolism April 16, 2012.
23. Joerg C.W. Interer, William P.S. Steffee, W. Davy. Whole body protein turnover in aging man. Experimental Gerontology Vom 11,
Issue 3-4, 1976, Pg 79-87
24. Novak LP., Aging, total body potassium, fat-free mass, and cell mass in males and females between ages 18 and 85 years.
Gerontol. 1972 Oct;27(4):438-43.
25. S H Cohn, D Vartsky, S Yasumura, A Sawitsky, I Zanzi, A Vaswani, and K J Ellis. Compartmental body composition based
on total-body nitrogen, potassium, and calcium. The American Physiological Society
26. Sulli A, Montecucco CM, Caporali R, Cavagna L, Montagna P, Capellino S, Fazzuoli L, Seriolo B, Alessandro C,
Secchi ME, Cutolo M, Glucocorticoid effects on adrenal steroids and cytokine responsiveness in polymyalgia
rheumatica and elderly onset rheumatoid arthritis, Ann N Y Acad Sci. 2006 Jun;1069:307-14;
27. Sarzi-Puttini P, Atzeni F, Diana A, Doria A, Furlan R, Increased neural sympathetic activation in fibromyalgia
syndrome, Ann N Y Acad Sci. 2006 Jun;1069:109-17;
28. Geenen R, Van Middendorp H, Bijlsma JW, The impact of stressors on health status and hypothalamic-pituitary­
adrenal axis and autonomie nervous system responsiveness in rheumatoid arthritis, Ann N Y Acad Sci. 2006
Jun;1069:77-97;
29. Harbuz MS, Richards LJ, Chover-Gonzalez AJ, Marti-Sistac O, Jessop DS, Stress in autoimmune disease models,
Ann N Y Acad Sci. 2006 Jun;1069:51-61;
30. Demir H, Tanriverdi F, Ozogul N, Calis M, Kimap M, Ourak AC, Kelestimur F, Evaluation of the hypothalamic-pituitary­
adrenal axis in untreated patients with polymyalgia rheumatica and healthy controls, Scand J Rheumatol. 2006 May­
Jun;35(3):217 -23;
31. O’Kane M, Murphy EP, Kirby B, The role of corticotropin-releasing hormone in immune-mediated cutaneous
inflammatory disease, Exp Dermatol. 2006 Mar;15(3):143-53;
32. Hougee S, Faber J, Sanders A, Berg WB, Garssen J, Smit HF, Hoijer MA, Selective inhibition of COX-2 by a
standardized C02 extract of Humulus lupulus in vitro and its activity in a mouse model of zymosan-induced arthritis,
Pianta Med. 2006 Feb;72(3):228-33;
33. Gabay C, Interleukin-6 and chronic inflammation, Arthritis Res Ther. 2006;8 Suppl 2:S3. Epub 2006 Jul 28;
34. Hamminga EA, van der Lely AJ, Neumann HA, Thio HB, Chronic inflammation in psoriasis and obesity: implications for
therapy, Med Hypotheses. 2006;67(4):768-73. Epub 2006 Jun 15;
35. Richards HL, Ray DW, Kirby B, Mason D, Plant D, Main CJ, Fortune DG, Griffiths CE, Response of the hypothalamic­
pituitary-adrenal axis to psychological stress in patients with psoriasis, Br J Dennato!. 2005 Dee; 153(6): 1114-20;
36. Knoflach M, Kiechl S, Mayr A, Willeit J, Poewe W, Wick G, Allergie rhinitis, asthma, and atherosclerosis in the Bruneck and ARMY studies, Arch Intern Med. 2005 Nov 28;165(21):2521-6; .
37. Cutolo M, Villaggio B, Otsa K, Aakre O, Sulli A, Seriolo B, Altered circadian rhythms in rheumatoid arthritis patients play a role in the disease’s symptoms, Autoimmun Rev. 2005 Nov;4(8):497-502. Epub 2005 Jun 13;
38. Wolters M, Diet and psoriasis: experimental data and clinical evidence, Br J Dermato!. 2005 Oct;153(4):706-14;
39. Lukaczer D, Darland G, Tripp M, Liska D, Lerman RH, Schiltz B, Bland JS, A pilot trial evaluating Meta050, a proprietary combination of reduced iso-alpha acids, rosemary extract and oleanolic acid in patients with arthritis and fibromyalgia, Phytother Res. 2005 Oct;19(10):864-9;
40. Eijsbouts AM, van den Hoogen FH, Laan RF, Hermus AR, Sweep CG, van de Putte LB, Hypothalamic-pituitary­
adrenal axis activity in patients with rheumatoid arthritis, Clin Exp Rheumatol. 2005 Sep-Oct;23(5):658-64;
41. Bos JD, de Rie MA, Teunissen MB, Piskin G, Psoriasis: dysregulation of innate immunity, Br J Dermatol. 2005
Jun; 152(6}: 1098-107;
42. Yahiro K, Shirasaka D, Tagashira M, Wada A, Morinaga N, Kuroda F, Choi O, Inoue M, Aoyama N, Ikeda M, Hirayama
T, Moss J, Noda M, Inhibitory effects of polyphenols on gastric injury by Helicobacter pylori VacA toxin, Helicobacter.
2005 Jun;10(3):231-9;
43. Messmer EM, Ocular allergies, Ophthalmologe. 2005 May;1 02(5):527-43;
44. Goronzy JJ, Weyand CM, Rheumatoid arthritis, Immunol Rev. 2005 Apr;204:55-73;
45. Denburg JA, Hatfield HM, Cyr MM, Hayes L, Holt PG, Sehmi R, Dunstan JA, Prescott SL, Fish oil supplementation in pregnancy modifies neonatal progenitors at birth in infants at risk of atopy, Pediatr Res. 2005 Feb;57(2):276-81;
46. Groneberg DA, Bester C, Grutzkau A, Serowka F, Fischer A, Henz BM, Welker P, Mast cells and vasculature in atopic dermatitis-potential stimulus of neoangiogenesis, Allergy. 2005 Jan;60(1 ):90-7;
47. McBeth J, Chiu YH, Silman AJ, Ray D, Morriss R, Oickens C, Gupta A, Macfarlane GJ, Hypothalamic-pituitary-adrenal
stress axis function and the relationship with chronic widespread pain and its antecedents; Arthritis Res Ther.
2005;7(5):R992-R1000;
48. Mori TA, Beilin LJ, Omega-3 fatty acids and inflammation, Curr Atheroscler Rep. 2004 Nov;6(6):461-7;
49. Crofford LJ, Young EA, Engleberg NC, Korszun A, Brucksch CB, McClure LA, Brown MB, Demitrack MA, Basai circadian and pulsatile ACTH and corti sol secretion in patients with fibromyalgia and/or chronic fatigue syndrome,
Brain Behav Immun. 2004 Jul;18(4):314-25;
50. Barden AE, Mori TA, Dunstan JA, Taylor AL, Thornton CA, Croft KD, Beilin LJ, Prescott SL, Fish oll supplementation in pregnancy lowers F2-isoprostanes in neonates at high risk of atopy, Free Radic Res. 2004 Mar;38(3):233-9;
51. Raap U, Werfel T, Jaeger B, Schmid-Ott G, Atopic dermatitis and psychological stress, Hautarzt. 2003 Oct;54(10):925-
9;
52. Buske-Kirschbaum A, von Auer K, Krieger S, Weis S, Rauh W, Hellhammer D, Blunted cortisol responses to psychosocial stress in asthmatic children: a generai feature of atopic disease?, Psychosom Med. 2003 Sep­ Oct;65(5):806-10;
53. Buske-Kirschbaum A, Hellhammer OH, Endocrine and immune responses to stress in chronic inflammatory skin disorders, Ann N Y Acad Sci. 2003 May;992:231-40;
54. Cutolo M, Sulli A, Pizzorni C, Craviotto C, Straub RH, Hypothalamic-pituitary-adrenocortical and gonadal functions in
rheumatoid arthritis, Ann N Y Acad Sci. 2003 May;992:107-17;
55. Ataoglu S, Ozcetin A, Yildiz O, Ataoglu A, Evaluation of dexamethasone suppression test in fibromyalgia patients with
orwithout depression, Swiss Med Wkly. 2003Apr 19;133(15-16):241-4;
56. Eichenfield LF, Hanifin JM, Beck LA, Lemanske RF Jr, Sampson HA, Weiss ST, Leung DY, Atopic dennatitis and
asthma: parallels in the evolution of treatment. Pediatrics. 2003 Mar; 111 (3):608-16;
57. Harle P, Cutolo M, Scholmerich J, Straub RH, Rheumatoid arthritis – pathogenetic role of neuroendocrine axes and the
peripheral nervous system, Med Klin (Munich). 2002 Dec 15;97(12):720-9;
58. Simopoulos AP, Omega-3 fatty acids in inflammation and autoimmune diseases, J Am Coli Nutr. 2002 Oec;21(6):495-
505;
59. Gii A, Polyunsaturated fatty acids and inflammatory diseases, Biomed Pharmacother. 2002 Oct;56(8):388-96;
60. Tsigos C, Chrousos GP, Hypothalamic-pituitary-adrenal axis, neuroendocrine factors and stress, J Psychosom Res.
20020ct;53(4):865-71;
61. Harbuz M, Neuroendocrine function and chronic inflammatory stress, Exp Physiol. 2002 Sep;87(5):519-25;
62. Bennett RM, Adult growth hormone deficiency in patients with fibromyalgia, Curr Rheumatol Rep. 2002 Aug;4(4):306-
12;
63. Okifuji A, Turk DC, Stress and psychophysiological dysregulation in patients with fibromyalgia syndrome, Appl
Psychophysiol Biofeedback. 2002 Jun;27(2):129-41;
64. Mayser P, Mayer K, Mahloudjian M, Benzing S, Kramer HJ, Schill WB, Seeger W, Grimminger F, A double-blind, randomized, placebo-controlled trial of n-3 versus n-6 fatty acid-based lipid infusion in atopic dermatitis, JPEN J
Parenter Enteral Nutr. 2002 May-Jun;26(3):151-8;
65. Geenen R, Jacobs JW, Bijlsma JW, Evaluation and management of endocrine dysfunction in fibromyalgia, Rheum Ois
Clin North Am. 2002 May;28(2):389-404;
66. Cutolo M, Straub RH, Foppiani L, Prete C, Pulsatelli L, Sulli A, Boiardi L, Macchioni P, Giusti M, Pizzomi C, Seriolo B, Salvarani C, Adrenal gland hypofunction in active polymyalgia rheumatica. effect of glucocorticoid treatment on adrenal hormones and interleukin 6, J Rheumatol. 2002 Apr;29(4):748-56;
67. Mayser P, Grimm H, Grimminger F, n-3 fatty acids in psoriasis, Br J Nutr. 2002 Jan;87 Suppl1 :S77-82;
68. Cutolo M, Foppiani L, Minuto F, Hypothalamic-pituitary-adrenal axis impairment in the pathogenesis of rheumatoid arthritis and polymyalgia rheumatica, J Endocrinollnvest. 2002;25(10 Suppl):19-23;
69. Parker AJ, Wessely S, Cleare AJ, The neuroendocrinology of chronic fatigue syndrome and fibromyalgia, Psychol
Med. 2001 Nov;31(8):1331-45;

70. Morand EF, Leech M, Hypothalamic-pituitary-adrenal axis regulation of inflammation in rheumatoid arthritis, Immunol
Celi Biol. 2001 Aug;79(4):395-9;
71. Furse RK, Rossetti RG, Zurier RB, Gammalinolenic acid, an unsaturated fatty acid with anti-inflammatory properties, blocks amplification of IL-1 beta production by human monocytes, J Immunol. 2001 Jul 1;167(1 ):490-6;
72. Oekkers JC, Geenen R, Godaert GL, Glaudemans KA, Lafeber FP, van Ooornen LJ, Bijlsma JW, Experimentally
challenged reactivity of the hypothalamic pituitary adrenal axis in patients with recently diagnosed rheumatoid arthritis, Rheumatol. 2001 Jul;28(7):1496-504;
73. Neeck G, Crofford LJ, Neuroendocrine perturbations in fibromyalgia and chronic fatigue syndrome, Rheum Ois Clin
North Am. 2000 Nov;26(4):989-1002;
74. Straub RH, Gluck T, Cutolo M, Georgi J, Helmke K, Scholmerich J, Vaith P, Lang B, The adrenal steroid status in relation to inflammatory cytokines (interleukin-6 and tumour necrosis factor) in polymyalgia rheumatica, Rheumatology (Oxford). 2000 Jun;39(6):624-31;
74. Torpy DJ, Papanicolaou DA, Lotsikas AJ, Wilder RL, Chrousos GP, Pillemer SR, Responses of the sympathetic nervous system and the hypothalamic-pituitary-adrenal axis to interleukin-6: a pilot study in fibromyalgia, Arthritis Rheum. 2000 Apr;43(4):872-80;
75. Mastorakos G, llias I, Relationship between interleukin-6 (IL-6) and hypothalamic-pituitary-adrenal axis hormones in
rheumatoid arthritis, Z Rheumatol. 2000;59 SuppI2:lIfi5-9;
76. Eijsbouts AM, Murphy EP, The role of the hypothalamic-pituitary-adrenal axis in rheumatoid arthritis, Baillieres Best
Pract Res Ciin Rheumatol. 1999 Dec;13(4):599-613;
77. Winfield J8, Pain in fibromyalgia, Rheum Dis Clin North Am. 1999 Feb;25(1):55-79;
78. Oemir H, Kelestimur F, Tunc M, Kimap M, Ozugul Y, Hypothalamo-pituitary-adrenal axis and growth hormone axis in patients with rheumatoid arthritis, Scand J Rheumatol. 1999;28(1):41-6;
79. Buske-Kirschbaum A, Jobst S, Hellhammer OH, Altered reactivity of the hypothalamus-pituitary-adrenal axis in patients with atopic dermatitis: pathologic factor or symptom?, Ann N V Acad Sci. 1998 May 1;840:747-54;
80. Demitrack MA, Crofford LJ, Evidence for and pathophysiologic implications of hypothalamic-pituitary-adrenal axis dysregulation in fibromyalgia and chronic fatigue syndrome, Ann N Y Acad Sci. 1998 May 1;840:684-97;
81. Crofford lJ, The hypothalamic-pituitary-adrenal stress axis in fibromyalgia and chronic fatigue syndrome, Z Rheumatol. 1998;57 SuppI2:67-71;
82. Jongen-Lavrencic M, Peeters HR, Wognum A, Vreugdenhil G, Breedveld FC, Swaak AJ, Elevated levels of
intlammatory cytokines in bone marrow of patients with rheumatoid arthritis and anemia of chronic disease, J Rheumatol. 1997 Aug;24(8): 1504-9;
83. Buske-Kirschbaum A, Jobst S, Psych O, Wustmans A, Kirschbaum C, Rauh W, Hellhammer D, Attenuated free
cortisol response to psychosocial stress in children with atopic dermatitis, Psychosom Med. 1997 Jul-Aug;59(4):419-
26;
84. Di Girolamo N, Visvanathan K, lloyd A, Wakefield D, Expression of TNF-alpha by human plasma cells in chronic
intlammation, J leukoc Biol. 1997 Jun;61 (6):667-78;
85. Calder PC, n-3 polyunsaturated fatty acids and cytokine production in health and disease, Ann Nutr Metab.
1997;41(4):203-34;
86. Crofford LJ, Engleberg NC, Demitrack MA, Neurohormonal perturbations in fibromyalgia, Baillieres Clin Rheumatol.
1996 May; 10(2):365-78;
87. Nishioka T, Kurokawa H, Takao T, Kumon V, Nishiya K, Hashimoto K, Differential changes of corticotropin releasing
hormone (CRH) concentrations in plasma and synovial fluids of patients with rheumatoid arthritis (RA), Endocr J. 1996
Apr;43(2):241-7.
88. Biol Psychol. 2005 Feb;68(2):147-62.Cardiac Vagal Tone, defensiveness, and motivational style. Movius HL, Allen JJ.
89. Psychosom Med. 1994 May-Jun;56(3):181-6.Low vagal activity as mediating mechanism for the relationship between personality
factors and gastric symptoms in functional dyspepsia. Haug TT, Svebak S, Hausken T, Wilhelmsen I, Berstad A, Ursin H
90. Cardiol J. 2010;17(6):638-44.Vagus nerve stimulation: A new approach to reduce heart failure. Klein HU, Ferrari GM
91. Am J Cardiol. 1997 Aug 1;80(3):302-5.Differing effects of age on heart rate variability in men and women. Stein PK, Kleiger RE,
Rottman JN.
92. J Manipulative Physiol Ther. 2007 Jun;30(5):374-9.Effect of age and sex on heart rate variability in healthy subjects. Zhang J.
Pacing Clin Electrophysiol. 1996 Nov;19(11 Pt 2):1863-6.Changes in heart rate variability with age. Reardon M, Malik M.
93. Am J Cardiol. 2010 Apr 15;105(8):1181-5. Epub 2010 Feb 20.Relation of high heart rate variability to healthy longevity. Zulfiqar U,
Jurivich DA, Gao W, Singer DH.
94. Int J Geriatr Psychiatry. 2006 Feb;21(2):147-50.Differences in heart rate variability between depressed and non-depressed
elderly.van der Kooy KG, van Hout HP, van Marwijk HW, de Haan M, Stehouwer CD, Beekman AT.
95 Swiss Med Wkly. 2004 Sep 4;134(35-36):514-22. Heart rate variability: a noninvasive electrocardiographic method to measure the
autonomic nervous system. Sztajzel J.
96. Am Heart J. 1994 May;127(5):1376-81.Heart rate variability: a measure of cardiac autonomic tone. Stein PK, Bosner MS, Kleiger
RE, Conger BM.
97. Indian Pacing Electrophysiol J. 2003 Jan-Mar; 3(1): 34–40. Heart Rate Variability Analysis in General Medicine. Yi Gang, MD,
and Marek Malik, PhD, MD, FACC, FESC.
98. Am J Cardiol. 2013 May 16. Relation of Short-Term Heart Rate Variability to Incident Heart Failure (from the Multi-Ethnic Study of
Atherosclerosis). Shah SA, Kambur T, Chan C, Herrington DM, Liu K, Shah SJ.
99. Ann NY Acad Sci. 2006 Nov;1088:361-72. Beyond heart rate variability:vagal regulation of allostatic systems. Thayer JF,SternbergE
100. Swiss Med Wkly. 2004 Sep 4;134(35-36):514-22. Heart rate variability: a noninvasive electrocardiographic method to measure the
autonomic nervous system. Sztajzel J.
101. Psychoneuroendocrinology. 2008 Nov;33(10):1305-12. doi: 10.1016/j.psyneuen.2008.08.007. Epub 2008 Sep 25.The relationship
between heart rate variability and inflammatory markers in cardiovascular diseases. Haensel A, Mills PJ, Nelesen RA, Ziegler MG,
Dimsdale JE.
102. Clin Rheumatol. 2012 Sep;31(9):1377-81. doi: 10.1007/s10067-012-2015-3. Epub 2012 Jun 7.Decreased heart rate variability in
patients with psoriatic arthritis. Gaydukova I, Rebrov A, Nikitina N, Poddubnyy D.
103. Published online 2012 May 10. Heart Rate Variability Predicts Cell Death and Inflammatory Responses to Global Cerebral Ischemia.
Greg J. Norman, Kate Karelina, Gary G. Berntson, John S. Morris, Ning Zhang, and A. Courtney DeVries.
104. Psychosom Med. 2007 Nov;69(8):709-16. Epub 2007 Oct 17.Stimulated production of proinflammatory cytokines covaries inversely
with heart rate variability. Marsland AL, Gianaros PJ, Prather AA, Jennings JR, Neumann SA, Manuck SB.
105. Am Heart J. 2008 Oct;156(4):759.e1-7. doi: 10.1016/j.ahj.2008.07.009.Decreased heart rate variability is associated with higher
levels of inflammation in middle-aged men. Lampert R, Bremner JD, Su S, Miller A, Lee F, Cheema F, Goldberg J, Vaccarino V.
106. Int J Psychophysiol. 2012 Dec;86(3):269-75. doi: 10.1016/j.ijpsycho.2012.10.004. Epub 2012 Oct 13.The relationships among heart
rate variability, executive functions, and clinical variables in patients with panic disorder. Hovland A, Pallesen S, Hammar Å, Hansen
AL, Thayer JF, Tarvainen MP, Nordhus IH.
107. J Cardiovasc Dis Res. 2011 Apr;2(2):115-22. Heart rate variability study of childhood anxiety disorders. Sharma RK, Balhara YP,
Sagar R, Deepak KK, Mehta M.
108. Acta Paediatr. 2010 Apr;99(4):604-11. Epub 2010 Jan 28.Heart rate variability (HRV) in adolescent females with anxiety disorders
and major depressive disorder. Henje Blom E, Olsson EM, Serlachius E, Ericson M, Ingvar M.
110. Am Heart J. 2000 Oct;140(4 Suppl):77-83.Heart rate variability in depressive and anxiety disorders. Gorman JM, Sloan RP.
111. Aust N Z J Psychiatry. 2012 Oct;46(10):946-57. Epub 2012 Apr 23.Mind and heart: heart rate variability in major depressive disorder
and coronary heart disease a review and recommendations. Stapelberg NJ, Hamilton-Craig I, Neumann DL, Shum DH,
McConnellH.
112. Basic Res Cardiol. 2013 May;108(3):345. Vagal stimulation triggers peripheral vascular protection through the cholinergic anti-
inflammatory pathway in a rat model of myocardial ischemia/reperfusion. Zhao M, He X, Bi XY, Yu XJ, Gil Wier W, Zang WJ.
113. Cleve Clin J Med. 2009 Apr;76 Suppl 2:S23-6. Vagal tone and the inflammatory reflex. Thayer JF.
114. BMC Complement Altern Med. 2012; 12(Suppl 1): P46. Assessment of autonomic tone at rest and during meditation in a longitudinal
study of an eight-week meditation intervention. G Desbordes, R Barbieri, L Citi, S Lazar, L Negi, C Raison, and E Schwartz
115. Medicine and Science in Sports and Exercise [2013]. High-Intensity Interval Exercise Improves Vagal Tone and Decreases
Arrhythmias in CHF. Guiraud T, Labrunee M, Gaucher-Cazalis K, Despas F, Meyer P, Bosquet L, Gales C, Vaccaro A, Bousquet M,
Galinier M, Sénard JM, Pathak A.
116. Shock. 2007 Nov;28(5):549-53.Depressed heart rate variability is associated with high IL-6 blood level and decline in the blood
pressure in septic patients. Tateishi Y, Oda S, Nakamura M, Watanabe K, Kuwaki T, Moriguchi T, Hirasawa H.
117. Kardiol Pol. 2005 Nov;63(5):478-85; discussion 486-7.Cytokines and heart rate variability in patients with chronic heart
failure.Straburzyńska-Migaj E, Ochotny R, Wachowiak-Baszyńska A, Straburzyńska-Lupa A, Leśniewska K, Wiktorowicz K,
Cieśliński A.
118. J Cardiol. 2013 Apr 20. pii: S0914-5087(13)00090-7. An inverse correlation between TNF alpha serum levels and heart rate
variability in patients with heart failure. Nikolic VN, Jevtovic-Stoimenov T, Stokanovic D, Milovanovic M, Velickovic-Radovanovic R,
Pesic S, Stoiljkovic M, Pesic G, Ilic S, Deljanin-Ilic M, Marinkovic D, Stefanovic N, Jankovic SM.
119. Brain Behav Immun. 2008 May;22(4):461-8. Epub 2007 Oct 30.Relationship between heart rate variability, interleukin-6, and soluble
tissue factor in healthy subjects. von Känel R, Nelesen RA, Mills PJ, Ziegler MG, Dimsdale JE.
120. A. Barbiero, Punti dolorosi. Neuroriflesoterapia personalizzata. Cleup Ed. Università di Padova. 2013
121. Manchikanti L, et al. An Update of Comprehensive Evidence-Based Guidelines for Interventional Techniques in Chronic
SpinalPain.Part II: Guidance and Recommendations.. 
Pain Physician 2013;16:S49-S283.
122. Van Buyten JP, et al. “The failed back surgery syndrome”: Definition and therapeutic 
algorithms — An update. European Journal
of Pain Supplements 2010;4:273–286.
123. Rossana Dezzoni, Anna Poggi, Manuela Soiat, Marino Viviani, Giorgio Berlot.
DAI-MPTIE (Dipartimento ad attività integrata di
Medicina Perioperatoria, Terapia Intensiva ed Emergenza) Ambul. di Terapia del Dolore, Osp. di Cattinara, Trieste. 
A.I.R.A.S.
FBSS (failed back surgery syndrome): Controllo del dolore e miglioramento della qualità di vita con tecniche riflessoterapiche– Atti
XXVIII Congresso Nazionale S.I.R.A.A. Aosta, 4-5 ottobre 201
124. Nahler G, Metelmann H, Sperber H, Terapia della gonartrosi con Zeel versus acido ialuronico. Risultati di uno studio clinico
controllato randomizzato. Orthopadische Praxis, 1996, 5. (in italiano da La Medicina Biologica 1997/2; 11-16)
125. Weiser M, Strosser W, Klein P, Trattamento omeopatico delle sindromi vertiginose versus farmaci convenzionali. Risultati di uno
studio clinico in doppio cieco randomizzato. Archives of Otolaryngology – Head and neck Surgery (American Medical Association),
1998, August. (In italiano da La Medicina Biologica 1999/1: 43-44)
126. Maronna U, Weiser M, Klein P, Studio comparativo: Zeel versus Diclofenac. Orthopadische Praxis, 2000, 5. (in italiano da La
Medicina Biologica, 1999/4; 74. NdR l’abstract è stato pubblicato in italiano prima del testo in tedesco. E’ disponibile la traduzione
integrale in italiano non pubblicata)
127. Stam C, Bonnet M.S., Van Haselen RA, Effiicacia e sicurezza di un gel omeopatico nel trattamento del dolore lombare acuto:
sperimentazione multicentrica, randomizzata in doppio cieco. British Homeopathic Journal, 2001/90, 21-28
128. Wolschner U, Strosser W, Weiser M, Klein P, Terapia delle vertigini: Cocculus-Heel versus dimenidrinato. Risultati di uno studio
multicentrico controllato. Biologische Medizin, 2001, 4. (in italiano da La Medicina biologica, 2002/1; 15-20)
129. Haase R1, Piatkowski J, Ziemssen T. Long-term effects of Bio-Electromagnetic-Energy Regulation therapy on fatigue in patients
with multiple sclerosis. Altern Ther Health Med. 2011 Nov-Dec;17(6):22-8.
130. Piatkowski J1, Kern S, Ziemssen T. Effect of BEMER magnetic field therapy on the level of fatigue in patients with multiple sclerosis:
a randomized, double-blind controlled trial. J Altern Complement Med. 2009 May;15(5):507-11. doi: 10.1089/acm.2008.0501.
131. Mostert S1, Kesselring J. Effect of pulsed magnetic field therapy on the level of fatigue in patients with multiple sclerosis—a
randomized controlled trial. Mult Scler. 2005 Jun;11(3):302-5.
132. Walther M1, Mayer F, Kafka W, Schütze N. Effects of weak, low-frequency pulsed electromagnetic fields (BEMER type) on gene
expression of human mesenchymal stem cells and chondrocytes: an in vitro study. Electromagn Biol Med. 2007;26(3):179-90.
133. Tartaglia F., Estetica sanitaria, Editore Libreria Universitaria.it, 1° edizione, settembre 2009.
134.Tsigos C, Stefanaki C, Lambrou GI, Boschiero D, Chrousos GP, Stress And Inflammatory Biomarkers And Symptom Are Associated With Bio-Impedance Measures, Eur J Clin Invest. 2014 Nov 28. Doi: 10.1111/eci.12388.
135. Gimeno D., Kivimäki M., Brunner E.J., Elovaini M. Associations of C-reactive protein and interleukin-6 with cognitive symptoms of depression: 12-year follow-up of the Whitehall II study o Psycho Med vol 39, issue 3 march 2009, pp 413-423
136. MacfarlaneGl et all., Eular revised recommendations for the management of fibromyalgia, Ann Rheum Dis, 2016 jul 4. pii: annrehumdis-2016-209724. don: 10.1136/annrheumdis-2016-209724

Medicina anti-aging

Medicina antiaging

vivere meglio, anche di più

Senza titolo-1

Non solo un prolungamento della vita,
ma una vita vissuta con le minori limitazioni quotidiane.

Un viaggio coraggioso e risoluto verso la salute!

Potremo definire la medicina antiaging semplicemente come una buona gestione di un normale invecchiamento (antiaging management). L’intervento medico in questo caso sarà indirizzato  a migliorare la nostra qualità di vita e raggiungere un maggior benessere psicofisico.
Qualora invece siano già presenti alterazioni dei parametri fisiologici o psichici, si agirà su un processo in atto di invecchiamento precoce o patologico.
Il “target” cui si rivolge la medicina antiaging, essendo prevalentemente azione preventiva, non è la popolazione anziana, ma principalmente una popolazione giovane, perché già dopo i 20 anni inizia una lenta fisiologica involuzione dei vari sistemi funzionali del nostro organismo, come quello metabolico o immunitario.
Sarà dunque in una fase non avanzata della nostra vita che l’intervento “antiaging” potrà avere maggior efficacia.

Numerosi sono i comportamenti, stili di vita e fattori di rischio statisticamente correlati ad un aumento della mortalità: i fattori più conosciuti dalla popolazione, ma non in assoluto i più rilevanti, sono l’ipertensione e il fumo di tabacco.
A questi tuttavia se ne aggiungono molti altri, come il sovrappeso e obesità, il rialzo della glicemia ematica e colesterolo LDL, la sedentarietà, l’uso di alcool, l’eccessiva assunzione di grassi idrogenati, la scarsa assunzione di grassi polinsaturi, di pesce, di frutta e verdura. (The preventable causes of death in the United States: comparative risk assessment of dietary, lifestyle, and metabolic risk factors. Danaei G1, Ding EL, Mozaffarian D, Taylor B, Rehm J, Murray CJ, Ezzati M. PLoS Med. 2009 Apr 28;6(4): e1000058. doi: 10.1371/journal.pmed.1000058. Epub 2009 Apr 28.)

Inoltre, una riduzione degli ormoni sessuali femminili (estrogeni) e maschili (testosterone) coincidenti con la menopausa e l’andropausa (mediamente tra i 45 e i 55 anni), è responsabile di un declino delle condizioni fisiche , psichiche, e più in generale, di un invecchiamento e mortalità precoce. Tra i sintomi principali legati a questi fattori ormonali ricorrono la stanchezza cronica, depressione, riduzione delle ore di sonno, diminuzione della libido e propensione all’accumulo di tessuto adiposo.

Un miglioramento dello stile di vita è in grado di influenzare i livelli ormonali e ridurre la mortalità precoce. Ne è un caratteristico esempio la popolazione di Okinawa, isola del Giappone, i cui abitanti sono tra i più longevi e in salute del pianeta, e le cui abitudini di vita e alimentari vengono considerate ottimali: frutta, verdura, pesce, grassi di buona qualità, alimenti ricchi di vitamine, sali minerali e antiossidanti, esercizio fisico e indipendenza dai propri figli fino ad età avanzata, aspetti psicologici improntati all’ottimismo e forte spiritualità …

La medicina antiaging non deve essere quindi solo un prolungamento della vita (l’aspettativa di vita è già aumentata considerevolmente negli ultimi 50 anni), ma una vita vissuta senza più o meno gravi limitazioni delle attività quotidiane. Al contrario, in questi ultimi decenni, assieme all’aumento dell’aspettativa di vita è aumentato anche il numero di anni da vivere con disabilità.

Per realizzare i nostri obiettivi si dovranno ricercare le alterazioni funzionali e i sintomi, inizialmente solo vaghi e aspecifici (vedi M.U.S.), anche se talvolta tutt’altro che irrilevanti. Questi, pur non ancora inquadrabili in una malattia o sindrome ben codificata, sono spesso sottovalutati dal medico: cefalea miotensiva, nausea, vertigini, disturbi digestivi e colon irritabile, ansia, attacchi di panico …
Il persistere di sintomi “MUS” e di specifiche alterazioni dei parametri fisiologici al test di impedenziometria clinica multi-compartimentale (Bibliografia generale, 134) e ad altri tests neurofisiologici,  può portare entro 3-5 anni allo sviluppo di una vera e propria malattia, acuta o cronico-degenerativa.
L’attuale medicina, quella più spesso offerta nei nostri ospedali o ambulatori, è solitamente poco incline alla prevenzione, ed opera quando i sintomi sono già manifesti ed evidenti. Il nostro medico generale o specialista, ad esempio, può prescrivere a carico del SSN, accertamenti diagnostici solo quando la patologia ha raggiunto una determinata gravità o abbia già avuto delle conseguenze gravi: ad esempio una prescrizione di densitometria ossea può essere fatta solo se si è già verificata una frattura da fragilità … , ovvero a malattia già presente.

Al contrario la Medicina Funzionale prevede un’azione di contrasto prima che la malattia vera e propria si presenti. Trae origine dalle più recenti scoperte scientifiche e si focalizza sulla funzione fisiologica e sugli scostamenti da range di normalità, e non solo sul sintomo e la correzione di questo.
E’ una medicina che si basa sui risultati della più recente ricerca e su pubblicazioni mediche internazionali ad alto impact factor.

Esistono malattie molto diffuse nelle società occidentali, come ad esempio la sindrome metabolica (insulino-resistenza o iperinsulinemia, obesità, diabete tipo 2, ipertensione arteriosa), ma anche numerosi tumori, malattie neurologiche come la sclerosi multipla, il Parkinson, malattie autoimmuni ed altre ancora, strettamente legate a scorretti stili di vita, tutte convergenti verso una infiammazione sistemica cronica di basso grado (Bibliografia generale, 1-119). E’ questa uno stato di “pre-patologia” che funziona da forte impulso nei confronti di queste gravi patologie e può essere considerata come una delle più importanti recenti scoperte della ricerca.

In relazione all’infiammazione sistemica cronica di basso grado, si hanno alterazioni del sistema neurovegetativo, alterazioni ormonali, aumento del tessuto adiposo e produzione di citochine infiammatorie (tra cui IL1, IL6, TNF-alfa).
Il trattamento e la prevenzione non si basa su costosi o invasivi farmaci, ma prevalentemente su metodologie naturali  di autoregolazione, in controtendenza rispetto ad un andamento generale aggressivo e “consumistico” della medicina.

I presupposti che sono alla base della medicina antiaging qui applicata sono:

1) Valutazione previsionale

È attuata attraverso l’analisi di più elementi (circa 60 parametri organici) che valutano la funzione metabolica,  quella neuro-funzionale e indici generali di salute, ad esempio l’HRV (variabilità della frequenza cardiaca), importanti per la comprensione delle influenze di regolazione del sistema neuro-vegetativo e cerebrale.

2) Prevenzione personalizzata

Sulla base della personale situazione fisiologica o delle proprie disfunzioni è possibile quindi rallentare il processo di invecchiamento, sia quello fisiologico-normale che quello precoce o patologico, ma anche fare prevenzione di una vasta gamma di gravi malattie.

3) Compliance

Ovvero aderenza naturale e poco faticosa alle strategie di comportamento suggerite dal medico attraverso un coinvolgimento attivo nel processo di prevenzione / cura e dalla comprensione dei meccanismi messi in atto. Ciò nasce da un’aperta comunicazione: un’alleanza medico – soggetto che desidera attuare concrete azioni di miglioramento delle proprie prestazioni psicofisiche nel tempo.

 

La medicina antiaging si concretizza attraverso i seguenti interventi:

corrette sequenze alimentari individualizzate”: alimentazione antinfiammatoria
nutraceutica (supplementazione alimentare di microelementi, sali minerali, vitamine, fitoelementi, proteine, aminoacidi, ecc., utili qualora l’alimentazione e/o lo stile di vita non risultino sufficienti a mantenere una corretta omeostasi)
riabilitazione fisico-motoria (massa muscolare, capacità aerobica, postura, forza, velocità, resistenza, equilibrio …)
– controllo dello stress emotivo e degli stress cronici più in generale
miglioramento complessivo dello stile di vita (lifestyle), attraverso un insieme di comportamenti quotidiani mirati al miglioramento della qualità di vita e alla prevenzione delle malattie croniche.

Senza tidtolo-1

Eventuali sintomi dolorosi dovranno essere trattati con il minor grado possibile di invasività, tossicità ed effetti collaterali, attraverso un uso “discreto” ed essenziale dei farmaci tradizionali (antiinfiammatori, cortisonici, ecc.) sostituiti, quando possibile, da farmaci low dose, omeopatici o omotossicologici scelti sulla base di una comprovata efficacia ed evidenza scientifica (EBM) e la “Good Clinical Practice” (Bibliografia generale, 124-128).

Si utilizzeranno, nel rispetto di una medicina etica:

  • tecniche di neuro-agopuntura (Bibliografia generale, 120-123) e micro-infiltrazioni locali low dose.
  • terapia manuale ortopedica, miofasciale, osteopatica, rieducazione posturale e massaggio .

Infiammazione sistemica cronica

Infiammazione sistemica cronica low grade

… malattia subdola di recente scoperta.
E’ terreno di sviluppo di gravi malattie acute e croniche,
oltre che di invecchiamento precoce

Alla ricerca del killer misterioso

1) narrazione
(n.d.r. prologo “semiserio” per migliorare la compliance e attenzione del lettore nei confronti di un argomento “serio” e poter così prevenire gravi e frequenti malattie)

Nonostante gli incredibili successi della chirurgia robotica, della genomica, della bioingegneria medica applicata ai materiali, ai farmaci, ai tessuti bioartificiali o ibridi e quant’altro, rimane ancora una banda di assassini, killers e “malintenzionati” che da sempre sfugge anche ai più ostinati e pervicaci medici-detective.

Senza titolo-1

Dopo una lunga ricerca di indizi e segni (recenti importanti studi scientifici europei e statunitensi), nell’intento di formulare ipotesi e di analizzare nei più piccoli dettagli la scena del delitto, si è arrivati alla risoluzione del “caso”, come nei migliori “gialli”.

2) descrizione generale della malattia
Ruolo determinante nello sviluppo di un gran numero di malattie, si è scoperto, è l’infiammazione sistemica cronica low grade (di basso grado)(nel testo ISC).

Ci sono infatti gravi malattie come il diabete, malattie cardiovascolari, numerosi tumori, malattie degenerative, che hanno questo stesso denominatore comune.
Si tratta di una condizione patologica subdola, talvolta occulta per anni, dalle conseguenze importanti e di rilevante insospettata frequenza (Bibliografia generale).

3) sintomi prodromici
Tali gravi patologie possono essere precedute, talvolta per lungo tempo, da una serie di disturbi aspecifici e solo funzionali, anche non trascurabili (M.U.S. o Medically Unexplained Symptoms), spesso ignorati dalla medicina fino ad ora, in quanto non evidenziabili da esami di routine (Rx, esami ematologici …).

4) antropogenesi
La genesi di questo stato infiammatorio, in realtà, è da ricercare lontano, nello “sviluppo” dell’uomo e nelle modifiche del suo ambiente fisico, sociale ed in particolar modo nelle accresciute necessità di reperimento di alimenti con caratteristiche di alta e sana qualità. Tale necessità è in rapporto sia al suo aumentato bisogno nel corso dell’evoluzione (grande sviluppo del volume cerebrale), sia per l’enorme sviluppo demografico mondiale che ha richiesto una produzione alimentare di massa (di scarsa qualità).

Dal punto di vista antropologico infatti, l’uomo attuale, l’uomo moderno (homo sapiens sapiens), presenta un genoma pressoché identico a quello posseduto dai nostri antenati di 1,5 milioni di anni fa (homo erectus, migrato dall’africa orientale all’asia), quando invece le condizioni attuali di vita e di alimentazione sono radicalmente cambiate.

La genesi dell’ISC sta proprio qui. E’ la difficolta di adattamento del nostro sistema immunitario a quello che è il diverso stile di vita dei paesi industrializzati.

5) cause specifiche di insorgenza di ISC
Fattori pro-infiammatori sono quindi prevalentemente alimentari, ma riguardano anche lo stile di vita più in generale. Ricordiamo sinteticamente i principali:

– Eccessivo consumo di grassi saturi di origine animale e vegetale (carne, latte, burro, strutto, olio di palma, cocco, ecc.)
– Acidi grassi trans di origine industriale
– Scarso introito di acidi grassi polinsaturi a lunga catena di tipo omega 3 (pesce)
– Scarsa quantità di fibre vegetali
– Scarsa quantità di frutta e verdura
– Eccessivo uso di carboidrati ad alto indice glicemico
– Alterata distribuzione degli alimenti nel corso della giornata (non rispettando i fisiologici cicli cicardiani metabolici-ormonali)
– Distress cronico (psico-emotivo, ma non solo)
– Scarsa attività fisica (talvolta anche un eccesso)
– Deficit di sonno, o spostamento dell’addormentamento ad ore non fisiologiche e più tardive
– Inquinamento ambientale e fumo di sigaretta
– Infezioni e infiammazioni acute risolte parzialmente o troppo velocemente per uso di terapie farmacologiche soppressive

6) cause generali (gruppi di stress cronico)
In sintesi l’ISC può essere innescata da vari stress cronici, quali quelli di tipo:

– Metabolico: alimentazione scorretta, malattia cronica, farmaci …
– Fisico: sedentarietà e sarcopenia (ridotta massa muscolare), sovraccarico sportivo, lavoro pesante, riduzione delle ore di sonno, aumento dell’età …
– Emotivo: traumi e incidenti, lutti, maltrattamenti fisici o psichici, riduzione dello status socio-economico, divergenze tra valori propri e sociali comuni, fattori ereditari o acquisiti durante il periodo fetale …

7) ancora antropologia
Tornando per un momento alle osservazioni antropologiche, possiamo notare come lo sviluppo del cranio dell’uomo (e parimenti il suo volume cerebrale) si è sviluppato, andando dall’astralopitecus afarensis, volume cerebrale di 400 cm3, ai 1450 cm3 dell’homo sapiens sapiens.

Senza titolo-2

Le conseguenze di ciò si sono riflesse sul bilancio energetico e sul metabolismo dell’uomo: il cervello dello scimpanzè consuma il 10% del proprio metabolismo basale (a riposo) contro 25% dell’uomo moderno. In condizioni di stress psichico, ancora, ci potrà essere un ulteriore importante dispendio energetico, anche del 50%. Il deficit energetico risultante dovrà essere coperto dall’utilizzo dei depositi di glicogeno muscolare (danno muscolare).

8) conseguenze specifiche (patogenesi)
In condizioni di stress cronico (di qualunque tipo) si avrà dunque una riduzione della massa muscolare, già spesso depauperata dalla sedentarietà. Lo stress attiva ancora l’asse ormonale ipotalamo-ipofisi-surrenalico con aumento dell’ormone cortisolo  e catabolismo-riduzione muscolare,  oltre all’attivazione del sistema nervoso simpatico.

In sintesi, si potrà avere:

– rialzo dell’ormone cortisolo  e dell’angiotensina (ipertensione arteriosa)
– aumento di adrenalina e noradrenalina (sistema nervoso simpatico sovra-stimolato)
aumento della glicemia ematica > iper-insulinemia > resistenza insulinica > diabete (DM2)
aumento del tessuto adiposo (specialmente pericoloso quello addominale) sia da alimentazione non idonea che per via metabolica indiretta.
Qui avviene un’ipertrofia-iperplasia delle cellule adipose  > richiamo di macrofagi (cellule del sistema immunitario) >  produzione di importanti fattori pro-infiammatori (interlochine IL2, IL6, TNFalfa).
– la combinazione di sovrappeso/obesità, iperglicemia, ipertensione arteriosa e dislipidemia (aumento degli acidi grassi liberi o FFA) causa aumento del rischio cardio-vascolare: infarto miocardico, ictus, ischemia cerebrale cronica, ecc.
aumento degli ormoni tiroidei
riduzione degli anticorpi
riduzione di testosterone, dell’ormone della crescita (GH), delle vitamine del gr. B
– tendenza ad acidosi metabolica prontamente “neutralizzata” dai sistemi organici: quello osseo con “consumo” di fosfati, calcio, magnesio (osteoporosi), quello ematico-albumina, quello renale e respiratorio.
alterazioni della composizione corporea come riduzione dell’acqua corporea totale, riduzione del calcio, magnesio, potassio, aumento del sodio, ..), aumento o perdita di peso (a seconda delle alterazioni presenti)
sviluppo anomalo della flora batterica del cavo orale/gengivale e intestinale con le derivate conseguenze …

9) malattie organiche indotte dalla ISC
Il perdurare di tale situazione di scompenso metabolico-ormonale, oltre a determinare sintomatologie aspecifiche prima accennata (vedi MUS), potrà causare, anche a distanza di anni, una vera e propria patologia organica:

malattie infiammatorie croniche quali artrite reumatoide, polimialgia reumatica, fibromialgia, sindrome da stanchezza
cronica, artrite psoriasica
riduzione delle difese immunitarie (malattie auto-immunitarie) come dermatite atopica, psoriasi, congiuntiviti allergiche ..
malattie croniche degenerative (sclerosi multipla, M. di Parkinson, SLA, …)

malattie tumorali (in particolare della mammella, prostata, colon-retto)
obesità addominale, diabete, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia
patologie cardio-vascolari, infarto miocardico, ictus
osteoporosi
patologie delle vie respiratorie (riniti allergiche, forme asmatiche)
sindrome dell’ovaio policistico
invecchiamento precoce

10) diagnosi di ISC
avviene attraverso un’attenta raccolta della storia clinica del paziente (anamnesi), del  tipo di alimentazione, della presenza di stress cronici (anche attraverso esame strumentale PPG), della quantità e qualità di attività fisica, della composizione corporea e metabolismo tramite apparecchio BIA (analisi bio-impedenziometrica multicanale).

11) prevenzione o riabilitazione da ISC
La prevenzione dell’ISC si dovrebbe fare già in giovane età.
A 18-20 anni iniziano le prime modificazioni neuronali e degli equilibri immuno-metabolici. Un corretto stile di vita, da valutare e attuare in relazione ai propri parametri vitali e abitudini, è già una saggio comportamento (anche se questa è un età in cui non frequentemente si è disposti ad accettare consigli!).
Tuttavia, non è mai troppo tardi. Anche persone di 30-40 anni, persone mature, o già in età senile, possono trarre notevole vantaggio da un corretto stile di vita. Si tratta, in questi casi di un vero trattamento, più che di prevenzione.
La prevenzioneriabilitazione delle persone con infiammazione sistemica cronica si attua attraverso i seguenti interventi:

correzione nutrizionale
aumento della massa muscolare e dell’efficienza aerobica

– riduzione dello stress psico-emotivo ed eventuale riequilibrio del sistema nervoso simpatico / parasimpatico
miglioramento del proprio lifestyle
risoluzione del dolore locale / segmentario, spesso espressione della stessa infiammazione sistemica cronica.

Tecniche

fisiokinesiterapia

La fisiokinesiterapia (fkt) è quella branca della medicina volta alla prevenzione o al recupero funzionale in varie specialità mediche e chirurgiche, tra cui (ma non solo) il campo ortopedico e traumatologico, quello neurologico, cardiologico e respiratorio.

Tali azioni si potranno realizzare essenzialmente attraverso due modalità di intervento:

– Terapia fisica strumentale
– Tecniche riabilitative

TERAPIA FISICA STRUMENTALE

In epoca passata (ma non così remota), la fisioterapia è stata oggetto di critiche che trovavano riscontro nell’utilizzo di apparecchiature elettromedicali di vecchia concezione, derivate dalla mancanza di una seria ricerca clinica e di laboratorio. Allo stesso modo alcune sorgenti di energia utilizzate con profitto nel trattamento di alcune patologie non erano altrettanto efficaci per altre, né talvolta era ben chiaro il quadro clinico-patologico (una corretta diagnosi) per sfruttare appieno la potenzialità della terapia.

Fortunatamente la conoscenza delle teorie biologiche sull’interazione tra energie fisiche utilizzate e organismo, e l’individuazione di efficaci protocolli di trattamento, frutto di ricerca clinica e sperimentale, ha migliorato enormemente l’efficacia della terapia fisica che in tempi recenti và assumendo sempre maggior importanza come presidio terapeutico non invasivo nelle patologie osteo-muscolo-articolari.

Va ricordato infine come spesso, proprio in relazione alla miglior conoscenza del quadro patologico (e dei vari elementi patologici da correggere in una stessa malattia), il miglior effetto terapeutico sia raggiungibile con l’impiego in associazione di diverse apparecchiature.

Tra le più utilizzata ricordiamo:
– le termoterapie (cioè terapie che utilizzano il calore) quali:
infrarossi, paraffinoterapia, fangoterapia, radarterapia, marconiterapia, ipertermia (ma possiamo includere anche pratiche “igeniche” tradizionali quali la sauna finlandese, il bagno turco ecc.)
– crioterapia
– laserterapia
– ultrasuonoterapia
– elettroterapie
– magnetoterapia
– massoterapia

Laserterapia

Descrizione generale
Il laser è una sorgente di radiazione elettromagnetica, che potremmo definire con semplicità, come un mezzo fisico che produce energia sotto forma di un’onda luminosa.
In realtà la ‘luce’ (i fotoni) liberata dal laser ha caratteristiche del tutto particolari (ad esempio non è sempre visibile), ma è comunque in grado di raggiungere intensità di energia elevata in aree molto ristrette.
In terapia vengono utilizzati vari tipi di laser che differiscono tra loro per energia, capacità di penetrazione e caratteristiche d’azione. Tra i più usati ricordiamo i laser a:
– elio-neon
– co2
– diodico a semiconduttore ad arseniuro di gallio
– neodimio-yag

Principio d’azione
A seconda del tipo di laser e delle modalità di applicazione, si può svolgere un’azione prevalentemente:
– antiinfiammatoria e antiedimigena (aumento della velocità del microcircolo ematico, aumento del drenaggio veno-linfatico, attivazione macrofagica ecc.)
– biostimolante (stimolazione di attività biochimiche, fisiologiche e proliferative della cellula)
– antalgica (innalzamento della soglia dolorifica per azione diretta sulle terminazioni nervose e per liberazione di endorfine)
– decontratturante (normalizzazione del potenziale di riposo della cellula muscolare)

Indicazioni
Numerose patologie dell’apparato locomotorio risentono favorevolmente dell’azione dell’energia laser.
Tra le malattie più frequentemente trattate ricordiamo:
– patologie infiammatorie di tendini e tessuti molli (tendiniti,borsiti,entesiti)
– algie articolari superficiali (le articolazioni più profonde vengono in parte raggiunte solo con particolari accorgimenti o da laser particolari, come ad esempio il neodimio-yag)
– sindrome del tunnel carpale
– ulcere e piaghe da decubito
– forme cicatriziali
– trattamento dell’edema localizzato

Modalità di applicazione
– a scansione: la luce laser si ‘disegna’ sulla cute lungo un tratto (fisso o mobile) di superficie cutanea. Viene utilizzata per trattare aree più o meno estese.
– a contatto: particolarmente utile per raggiungere le articolazioni più profonde o su superfici non piane (il raggio laser ha la massima penetrazione quando raggiunge la superficie cutanea perpendicolarmente).

Controindicazioni
– pazienti con carcinoma sospetto o conclamato
– irradiazione diretta sull’utero in gravidanza
– aree di emorragia

Attenzione !!
Le radiazioni laser dirette all’occhio rappresentano un potenziale rischio per lo stesso. L’uso di appositi occhiali protettivi (da portare sempre con il laser in funzione) elimina tale rischio.

Ultrasuoni

Descrizione generale
E’ una tecnica fisioterapica che utilizza a scopo terapeutico gli effetti biologici prodotti dagli ultrasuoni (onde sonore con frequenza superiore alla soglia uditiva).
La produzione degli ultrasuoni si ottiene sfruttando l’effetto piezoelettrico inverso (proprietà di alcuni cristalli minerali di dilatarsi e comprimersi e, quindi, di emettere vibrazioni quando sono sottoposti all’azione di un campo elettrico di corrente alternata).
La frequenza di emissione degli apparecchi può essere di 1 MHZ o di 3 MHZ.
Può essere applicata una tecnica a contatto (con l’interposizione di un gel tra la testina dell’ultrasuono e la cute) o in immersione in acqua quando si trattano superfici cutanee irregolari (ad esempio mani, piedi, ecc.).

Principio d’azione
La penetrazione delle onde sonore ha un’azione di tipo meccanico (micromassaggio) e termico.
Gli effetti terapeutici sono:
– analgesico e antiinfiammatorio
– decontratturante (rilasciamento muscolare)
– fibrinolitico e trofico (riassorbimento di ematomi, eliminazione di tenui calcificazioni, stimolazione della guarigione dei tessuti)

Indicazioni
Sono essenzialmente patologie delle strutture periostali, tendinee e capsulari.
– periartrite calcifica di spalla
– tendiniti, capsuliti e borsiti (ad esempio l’epicondilite)
– coccigodinie (dolore del coccige)
– contratture muscolari
– artrosi (vertebrale, anca, ginocchio, ecc.)
– morbo di Dupuytren
– tessuti cicatriziali ipertrofici ed ematomi organizzati

Controindicazioni
Non vanno applicati sull’area cardiaca, e su tessuti specializzati (ad esempio cartilagini di accrescimento del bambino, in corrispondenza dell’ovaio, ecc.)
Non vanno usati su zone cutanee infiammate acutamente o nelle neoplasie.

Attenzione!!
Possono verificarsi ustioni se la dose erogata è eccessiva.

Elettroterapia
E’ l’impiego della corrente elettrica per scopi terapeutici.
Nelle sue varie forme esplica effetti differenti che si possono riassumere in:
– azione analgesica
– azione eccitomotoria (stimolazione muscolare)
– azione trofica (miglior apporto vascolare e di nutrizione)
Le correnti più frequentemente usate in terapia sono:

Corrente galvanica
E’ una corrente continua, unidirezionale ad intensità costante.
E’ utilizzata soprattutto come ionoforesi: possibilità di far penetrare attraverso la cute (follicoli piliferi e dotti ghiandolari della cute) dei farmaci, sfruttando la dissociazione elettrolitica del farmaco e la sua migrazione da un polo elettrico all’altro.
Principio d’azione
– effetto trofico (vasodilatazione e attivazione del metabolismo cellulare)
– effetto analgesico (attraverso la variazione dell’eccitabilità dei nervi)
Indicazioni
Trattamento di patologie articolari e periarticolari
Controindicazioni
– pacemaker
– mezzi di sintesi metallici (utilizzati ad esempio nella consolidazione chirurgica delle fratture)
– patologie cutanee superficiali
Attenzione!
Utilizzare elettrodi ben imbottiti e bagnati (spugne) per evitare pericolose ustioni cutanee.
Si possono verificare reazioni allergiche legate all’uso del farmaco.

Corrente diadinamica
E’ una corrente unidirezionale ed emisinusoidale a bassa frequenza.
Principio d’azione
Stimola la cute e i piani sottostanti con diversi patterns di impulsi elettrici creando effetti diversi (a seconda della frequenza di stimolazione):
– effetto antalgico e miorilassante
– effetto trofico ed eccitomotorio
Indicazioni
– tendiniti, borsiti, periartriti ecc.
– postumi dolorosi di traumi articolari e artropatie acute e croniche (trattamento dell’edema, stimolazione del tessuto connettivo, dolore muscolare e radicolare, algodistrofie riflesse, ecc.)
Controindicazioni
– pace-maker cardiaci
– patologie cutanee (dermatiti, soluzioni di continuo della cute, ecc.)
– mezzi di sintesi ossea metallici

Corrente interferenziale
E’ una corrente bidirezionale e a bassa frequenza. Si forma ed interferisce con i tessuti nel punto in cui due correnti a media frequenza si incrociano.
Principio d’azione
Essenzialmente analgesica e trofica con effetto in profondità (dà vasodilatazione a frequenze inferiori a 50 Hz, un’azione eccitomotoria a frequenze superiori).
Indicazioni
– artrosi e tendinopatie profonde
– ipotrofia muscolare
– disturbi neurovegetativi e morbo di Raynaud
– fibromialgia, cefalea ed emicrania
Controindicazioni
– pace-maker cardiaci
– gravidanza
– sedi di neoplasie

Corrente TENS
Elettrostimolazione nervosa transcutanea o letteralmente Transcutaneus electrical nerve stimulator.
E’ una corrente rettangolare a bassa frequenza.
Principio d’azione
Ha un’azione prevalentemente antalgica: se gli impulsi sono di breve durata e a maggior frequenza l’analgesia è a insorgenza rapida ma di breve durata, se gli impulsi sono di lunga durata e a più bassa frequenza l’analgesia insorge più lentamente ma dura più a lungo.
Indicazioni
– sindromi algiche radicolari (brachialgie, sciatalgie, nevralgie post-erpetiche, dolore del moncone d’amputazione)
– artralgie e mialgie localizzate, dolore acuto post-operatorio
– algie odontoiatriche e maxillo-facciali
– artrite reumatoide
Controindicazioni
– pace-maker cardiaci
– gravidanza
– uso in prossimità della zona cardiaca

Correnti ad alto voltaggio
E’ una corrente pulsata, monofasica e ad alto voltaggio (150 volt) con durata fissa e frequenza variabile. E’ formata da una coppia di impulsi con salita rapida-istantanea e discesa lenta.
Principio d’azione
– effetto eccitomotorio
– effetto trofico
– effetto antalgico
Indicazioni
– ipotrofia muscolare
– nevralgie ed algie profonde
– piaghe ed ulcere cutanee
Controindicazioni
– pace-maker cardiaci

Corrente unipolare pulsata a voltaggio costante
E’ una corrente che si adatta in relazione alla resistenza dei tessuti interessati.
Principio d’azione
– incremento della rete capillare
– riduzione dell’edema
– diminuzione della contrattura muscolare
– regressione del dolore
Indicazioni
– edema nel rallentamento del drenaggio linfatico
– contratture muscolari
– flogosi acute e croniche dei tessuti di varia natura

TECNICHE RIABILITATIVE

E’ senz’altro una branca fondamentale della riabilitazione.
Si tratta di tecniche terapeutiche basate sul movimento (ma in realtà troveremo anche tecniche ed esercizi di natura statica, come a titolo d’esempio le contrazioni muscolari isometriche o gli esercizi d’equilibrio e propriocettivi su pedana stabilometrica, ecc.).
Tra le più utilizzate ricordiamo:

– rieducazione funzionale segmentaria (attiva e passiva) e generale
– esercizi posturali-propriocettivi
– training deambulatori e del passo
– rieducazione neuromotoria
– manipolazioni vertebrali
– terapia isocinetica
– idrokinesiterapia (in piscina o in vasca)
– ginnastica respiratoria
– riabilitazione cardiologica
– vari training per dislessia, disfasia, disturbi cognitivi, ecc.

E’ così proprio nel settore della fisiokinesiterapia, a nostro avviso, (più che in campo chirurgico o farmacologico) che è perseguibile l’ideale obiettivo della massima efficacia con la minima invasività.

Prevenzione

Consigli per la prevenzione e la rieducazione delle lombalgie

In via generale la miglior condizione per il disco intervertebrale e le altre strutture muscolo-articolari, ma in definitiva anche il più saggio consiglio ergonomico (che ricerca la miglior tollerabilità di posizioni e movimenti) in qualsiasi condizione e per qualsiasi soggetto, consiste in frequenti variazioni di carico (di posizione), che sono anche le condizioni per un miglior nutrimento del disco, evitando le situazioni di stress meccanico eccessivo.

Detto ciò risulta indispensabile l’osservazione clinica di ogni paziente e una minuziosa anamnesi (“storia clinica”) sulla natura e sulle modalità di comparsa del dolore lombare.
Pur essendoci ad esempio pazienti che trarranno maggior beneficio da posture prevalentemente in estensione della colonna vertebrale (stanno meglio in piedi o in posizione prona) ed altri prevalentemente in flessione (stanno meglio in posizione seduta), esistono consigli che in linea generale si possono utilizzare per la prevenzione o il recupero del dolore lombare (validi per tutti).

Assumere posizioni corrette.

L’ergonomia è la ricerca del miglior rapporto tra attività della vita quotidiana e ambiente su cui si interagisce (ad esempio tra lavoratore e ambiente di lavoro) attraverso:
– le più corrette modalità di esecuzione dei movimenti
– l’uso di strumenti idonei (sedie, tavoli, supporti, ecc.).

Ognuno deve muoversi correttamente per prevenire (e curare) le lombalgie:
non bisogna pensare di cambiare il proprio modo di muoversi solo “a causa” del dolore lombare.

Bisogna pensare prima di eseguire qualsiasi movimento, finchè il modo corretto di muoversi non è entrato automaticamente nei nostri schemi.

E’ pericoloso per la schiena sia un carico elevato istantaneo (ad esempio il sollevamento di un peso) che, allo stesso modo, bassi carichi ripetuti frequentemente nel tempo.

Forse il più importante intervento che il paziente può mettere in pratica è comunque quello di cambiare frequentemente la propria posizione (anche se corretta).

1) Sollevare pesi
– E’ necessario piegare le ginocchia e sollevare il peso mantenendolo vicino al corpo (anche per trasportarlo).
– Molto pericoloso è il movimento di flessione associato a torsione-rotazione del busto (anche per il sollevamento di minimi pesi).

sollevarepesi1

– Evitare i movimenti bruschi.

– Se si deve prendere un oggetto posto in alto (armadi, mensole, ecc.) non allungarsi inarcando la schiena, ma salire su una sedia o uno sgabello.

– Meglio distribuire i pesi sulle due braccia (equilibrandoli) che tutto su un lato

sollevarepesi2

– Per sollevare o coricare un bambino piccolo nella culla o carrozzina piegarsi sulle ginocchia e tenerlo vicino al corpo.

– Per cambiarlo usare il fasciatoio (che è ad altezza di braccia) e non il letto.

– Quando gli si fa il bagno, inginocchiarsi davanti alla vasca.

– Evitare di tenere un bambino in braccio per lugo tempo, privilegiando in assoluto la posizione a “cavalcioni” sul fianco.
Utile l’uso del marsupio (anteriore) per il neonato o dello zaino (posteriore) per il bambino più grandicello.

sollevarepesi3

2) Uso della scopa, aspirapolvere, lavare i pavimenti, ecc.
Mantenere una gamba semiflessa in avanti e l’altra in dietro senza flettere o compiere torsioni con il tronco.

usoscopa

3) Lavare la biancheria a mano
– E’ consigliabile usare un lavatoio sufficientemente alto e appoggiarsi con il bacino in avanti sullo stesso.
– Per caricare o scaricare la lavatrice è opportuno inginocchiarsi.

bucato

4) Stirare
– E’ impegnativa la posizione eretta statica prolungata, specie se con una leggera flessione in avanti del busto.
– Cambiare frequentemente la posizione (ad esempio appoggiando alternativamente un piede su un piccolo sgabello) ed alternare questa attività ogni 20′-30′ con altre (riporre gli indumenti stirati, ecc.).

stirare

5) Cucinare
– Anche qui il problema maggiore è relativo al mantenimento prolungato della posizione eretta statica.
– Appoggiare il bacino al piano di lavoro. Usare possibilmente piani di lavoro alti (il tavolo è basso e obbliga ad una posizione flessa del busto):
– Caricare la lavastoviglie non un oggetto alla volta (con un movimento ripetitivo di flessione e torsione), ma riporre dopo il risciacquo tutte le stoviglie sopra al suo piano e disporsi in modo da flettere le ginocchia senza compiere torsioni col busto.

6) Rifare i letti
– Inginocchiarsi e rialzarsi ai vari lati del letto evitando di rimanere con il busto flesso nell’azione di infilare lenzuola e coperte sotto al materasso.

letti

7) Posizione in piedi
– Attenzione alla posizione eretta statica prolungata (ad esempio attesa alla fermata dell’autobus, al negozio, in banca, ecc.) in quanto frequente causa di dolore.
– Consigliamo di cambiare frequentemente la base di appoggio (su due piedi a gambe divaricate, alternativamente su una e l’altra gamba) e se possibile trovare un appoggio per la schiena.
– Per lavarsi i denti si può scaricare parte del peso trovando un appoggio con la mano non impegnata sul lavabo.

inpiedi

– Per lavarsi viso e mani si mantengono le ginocchia semiflesse o si cerca un appoggio (piccolo sgabello) per l’uno o l’altro piede.

8) Posizione seduta
Prendendo in considerazione, come per le altre posture, sia lo stress sul disco intervertebrale che quello articolare, legamentoso e muscolare, anche qui il danno maggiore deriva dal mantenere a lungo la stessa posizione (forse non è inutile ripeterlo ad ogni paragrafo).
– Buona norma è quindi non mantenere la posizione seduta per più di 30′-60′, alternandola con altre attività o semplicemente con brevissime pause in piedi o di deambulazione (si prenderà l’occasione di alzarsi ad esempio per rispondere al telefono).
– Risulta raccomandabile naturalmente l’uso di una sedia ergonomicamente corretta: uno schienale comodo, leggermente inclinato e flessibile (ma non deformabile), con un buon appoggio lombare. Il sedile adattabile in altezza, con possibilità di rotazione sul proprio asse. Preferibile la sedia su ruote per eliminare i movimenti di flessione e rotazione necessari per raggiungere gli oggetti vicini (cassettiere, libreria, ecc.) che verrebbero comunque fatti senza alzarsi.
– Tutti questi accorgimenti tuttavia non bastano se la postura è scorretta:
non mantenere il busto flesso in avanti ne sprofondare “infossandosi” sulla sedia
(specie se con le gambe sollevate e appoggiate su uno sgabello davanti a sé).
– Va variata frequentemente la posizione seduta sia scaricando il peso con l’appoggio della schiena allo schienale (una posizione rilassata e comoda è ergonomicamente migliore di una posizione rigida con il busto mantenuto eretto a 90°, come erroneamente insegnato fino a poco tempo fa da medici ed educatori), sia alternativamente scaricando in avanti il peso mediante l’appoggio degli arti superiori sul tavolo.
– Per chi studia è consigliabile inclinare il piano d’appoggio del tavolo (o la base del libro) evitando la flessione del collo e della schiena.

posture2

– Se è possibile, una buona soluzione ergonomica di seduta (da alternare con altre) è quella che utilizza: sedie ad appoggio instabile (posizione assunta talvolta spontaneamente rimanendo in equilibrio dinamico sulla parte anteriore della sedia); sedie con appoggio tibiale (della gamba) che mantengono una corretta posizione in lordosi lombare (curvatura fisiologica lombare); appoggio sul sedile di un cuneo ischiatico (cuneo semi-rigido ad inclinazione anteriore) che faciliti la corretta inclinazione del busto.

9) Guidare
Soprattutto per le professioni che richiedono un prevalente o frequente uso di automezzi, la guida rappresenta un discreto rischio di insorgenza di lombalgie.
Si somma qui l’effetto negativo dovuto alla posizione seduta prolungata (senza la possibilità di alcun movimento alternativo), l’effetto delle vibrazioni (microtraumi ripetuti) e del sedile non sempre ergonomicamente corretto.
– è consigliabile fare frequenti interruzioni (sono sufficienti pochi minuti in piedi o di deambulazione)
– un buon sedile con supporto lombare (o un piccolo cuscino) che mantenga la fisiologica lordosi lombare
– una guida non “distesa” che obblighi, azionando i pedali di guida, ad una ipercifosi lombare (il sedile va portato un po’ più avanti)

10) Posizione distesa (a letto)
Frequentissima è la domanda che il paziente si pone riguardo alle caratteristiche del letto, materasso, cuscino, ecc., poiché spesso rimane il dolore anche dopo che il negoziante ha assicurato che quelli sono “ortopedici”!
– Il letto deve essere sufficientemente rigido da impedire un’accentuazione delle curvature fisiologiche della colonna vertebrale (ad esempio impedire la cifosi lombare – “affossamento” del tratto più basso della schiena – in posizione supina), senza risultare eccessivamente rigido e tale da impedire l’adattamento delle salienze ossee (eccessiva pressione ad esempio sull’anca in posizione laterale).
Spesso (erroneamente) si considera che più il materasso è rigido e più è “ortopedico”!
– Ideale è una rete con doghe di legno e un materasso in lana (da cardare 1-2 volte l’anno e ruotato frequentemente) o in altri materiali (ad esempio lattice) della giusta consistenza (da provare!).
– Non esistono posizioni ideali a letto e l’osservazione della posizione personale più confortevole (senza dolore) deve essere la nostra guida.
– Difficilmente si potranno cambiare le proprie abitudini riguardo alle posizioni tenute a letto. In caso di lombalgia quindi può risultare talvolta utile l’uso di cuscini che riducono l’accentuazione o la comparsa di curvature della colonna vertebrale altrimenti dolorose.
A seconda del paziente può essere consigliabile:

> Ridurre la curvatura lombare in posizione supina mettendo 1-2 cuscini sotto le gambe (che risulteranno leggermente rialzate)
> O al contrario aumentare la curvatura lombare ponendo un piccolo cuscino sotto la schiena.
> Dormendo di fianco può essere utile sostenere la gamba non in appoggio sul materasso con un cuscino, in modo da evitare la rotazione-torsione del bacino rispetto alla colonna vertebrale.
> Sempre sul fianco si può provare ad utilizzare un piccolo cuscino da sistemare subito sopra all’ala del bacino (alla vita) che sostenga lateralmente la schiena.
> In posizione prona sarà invece spesso utile utilizzare un cuscino sotto l’addome (ma andrà tolto il cuscino sotto la testa).

distesa1
distesa2

– E’ interessante ricordare che se mettersi a letto in caso di dolore può dare sollievo, talvolta, in relazione al crescente numero di ore trascorse in posizione distesa, può riacutizzarsi il dolore stesso, per il fisiologico aumento della pressione intra-discale da reidratazione del disco in assenza di carico.

Ambulatorio Osteoporosi

AMBULATORIO OSTEOPOROSI

Uomo. Osteoporosi
Frattura vertebrale lombare
Alimentazione scorretta
Scarsa attività fisica

Big Horn sheep. Corna ricurve
Assenza di osteoporosi
Alimentazione con alta percentuale di minerali
Intensa attività fisica

 

 

L’osteoporosi è una malattia dello scheletro che causa una riduzione della massa ossea. Ciò rende l’osso fragile e predisposto alle fratture spontanee (da traumi di minima entità).

STRUTTURA DELL’OSSO

L’osso è una struttura rigida capace di sopportare forti carichi ma allo stesso tempo leggera, e ciò in relazione alla sua particolare architettura : una parte corticale esterna (osso compatto e resistente), e una parte trabecolare interna (osso poroso “orientato” secondo le linee di forza).
Il tessuto osseo è costituito da tessuto connettivo, sostanza minerale (circa il 70% dell’osso), e cellule “specializzate” (osteoblasti e osteoclasti) capaci di rinnovare-rimodellare continuamente il tessuto osseo.
Quando l’equilibrio tra l’azione dei due tipi di cellule è per varie cause alterato, ovvero prevale l’azione distruttrice degli osteoclasti rispetto a quella formativa degli osteoblasti, l’osso si indebolisce.

DIAMO I NUMERI

L’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) ha dichiarato l’osteoporosi, per la sua alta diffusione, malattia sociale. Uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità Italiano (G.Franchi, Osteoporosi. Le dimensioni del problema in Italia – 2001) ha evidenziato la gravità della situazione e la precoce comparsa della malattia:

.                                             osteopenia    osteoporosi

donne oltre 40 anni           47,2 %             9,4 %

uomini oltre 60 anni              46,1 %           11,8 %

A fronte di ciò, i costi ospedalieri per fratture da osteoporosi in Italia ammontano attualmente a circa 500 milioni di euro all’anno.
Ovviamente i costi complessivi che riguardano la malattia (perdita di produttività lavorativa, riabilitazione, spese diagnostiche e farmacologiche, ecc.) sono enormemente maggiori. Il costo umano, psicologico e sociale, incalcolabile.

CAUSE

L’osteoporosi può essere considerata una malattia “multifattoriale”, in cui la presenza contemporanea di vari fattori di rischio aumenta la probabilità di ammalarsi.

Per mettere in atto una terapia con successo è necessario quindi prendere in considerazione le varie cause dell’osteoporosi, e tra queste individuare quelle prevalenti. La strada terapeutica più breve, e più spesso attuata, non è sempre la strada migliore: infatti l’uso esclusivo o prioritario di farmaci come i bifosfonati, può presentare pesanti effetti collaterali, mentre la semplice prescrizione di calcio come integratore, può essere inutile se non dannoso. E ciò è vero soprattutto se le cause principali di demineralizzazione ossea (fattori endocrini e metabolici) possono essere corrette in molti casi con strategie terapeutiche mirate sul singolo individuo, innocue e prive di effetti collaterali.

– Fattori endocrini:

riduzione degli ormoni sessuali (estrogeni e testosterone) legato in parte all’età e in parte allo stile di vita, e aumento cronico di glucocorticoidi (ormone cortisolo) in relazione a stress cronici (alimentazione scorretta da deficit di acidi grassi omega3, scarsa assunzione di fibre, uso di cibi “processati”, alterazione del ritmo cicardiano alimentare – vedi alimentazione antinfiammatoria – ma anche in presenza di stress psico-emotivi, malattie e processi infiammatori cronici, ecc.). L’aumento di cortisolo, in particolare, causa ridotto assorbimento di calcio intestinale e aumentata eliminazione renale, attivazione degli osteoclasti (perdita di osso), ancora riduzione degli ormoni sessuali, infiammazione sistemica cronica di basso grado.

– Fattori metabolici:

Acidosi, conseguenza di un’alimentazione scompensata in nutrienti come formaggi stagionati, insaccati, carboidrati, ma anche da stress cronici, digiuno protratto, diabete, ecc.

Ereditarietà: esiste maggior rischio di comparsa della malattia, rispetto alla popolazione generale, se i propri genitori sono stati colpiti dalla stessa malattia.

Menopausa: in questo periodo della vita, a causa della ridotta produzione di estrogeni (ma anche in giovani donne a cui siano state asportate le ovaie), si ha una accelerata perdita della massa ossea.

Dieta povera di calcio: è solitamente un fattore sopravalutato (spesso il paziente osteoporotico ha normale calcemia e talvolta ipercalcemia, ed una sua supplementazione può provocare calcolosi o calcificazioni dei tessuti molli).

Magrezza: L’eccessiva magrezza è causa di una perdita della massa ossea, sia perché il minor peso corporeo diminuisce lo stimolo utile (il carico), sia perché una quantità decisamente bassa di tessuto adiposo diminuisce la produzione di estrogeni.

Immobilizzazione prolungata e vita sedentaria: L’immobilizzazione generale (ad esempio per allettamento, malattia), così come un’eccessiva sedentarietà, accelerano la perdita di massa ossea, venendo a ridursi lo stimolo maggiore alla rigenerazione dell’osso: il carico.

Fumo di sigaretta: L’aumentato rischio è probabilmente legato alla diminuzione di peso corporeo, all’anticipata menopausa nelle fumatrici, ma anche all’acidosi da aumento della CO2 (vedi anche inquinamento ambientale).

Eccesso di alcool e caffeina: Il primo diminuisce l’assorbimento del calcio a livello intestinale, la seconda aumenta la sua eliminazione per via urinaria e fecale.

Effetti collaterali di alcuni farmaci:
Cortisone, se assunto per lunghi periodi, diminuisce la massa ossea
Anticoagulanti
Antiacidi gastrici utilizzati in malattie come gastriti, ulcere, ecc.
Diuretici utilizzati ad esempio nelle malattie ipertensive
Ormoni tiroidei
Antiepilettici

DIAGNOSI

La diagnosi precoce è l’elemento fondamentale per un corretto ed efficace approccio alla malattia.

La prima importante valutazione, non invasiva, che riteniamo di dover fare, consiste nello studio delle variazioni della composizione corporea (Bioimpedenziometria clinica multifattoriale) da cui trarre informazioni sullo stato minerale osseo (calcio, magnesio, fosfati), sulla densità ossea (con dati sulla variazione, in deviazioni standard, rispetto alla media della normalità, ovvero il T-score scheletrico, comparabile ad una MOC), la presenza di acidità corporea extracellulare, ecc. …

Una valutazione dello stato di stress cronico inoltre (valutazione dell’iperattività del sistema nervoso simpatico o  parasimpatico con strumento non invasivo PPG) permette la correzione dei valori fisiologici destrutturanti l’osso.

Quelle descritte sono tutte informazioni indispensabili per mettere in atto uno stile di vita personalizzato preventivo nei confronti dell’osteoporosi o, se necessario, di un vero trattamento, anche in questo caso aderente alle necessità personali dell’individuo (e non un trattamento standard farmacologico per la “malattia osteoporosi “). La possibilità di ripetere secondo necessità l’esame, del tutto non invasivo, dà la possibilità di correggere la strategia terapeutica, senza attendere l’intervallo minimo di 30 mesi consigliato per la densitometria ossea DEXA.

La Densitometria ossea DEXA a raggi x, esame  anch’esso utile per quantificare la perdita di tessuto osseo è infatti gravato dall’utilizzo di radiazioni e quindi da limitare nel tempo.

Le più comuni indagini bioumorali che possono inoltre essere richieste per valutare la malattia e/o il trattamento sono: calcemia, fosfatemia, fosfatasi alcalina, calciuria, fosfaturia, idrossiprolinuria, elettroforesi proteica, dosaggio della vitamina D .

SINTOMI

Una progressiva diminuzione della massa ossea con l’età è fisiologica (ritenuta normale) senza per questo determinare una importante sintomatologia. Nell’uomo anziano (dopo i 70 anni d’età) o più precocemente nella donna in post-menopausa, un leggero mal di schiena è generalmente il primo sintomo di questa malattia (ma ovviamente non è specifico della stessa).

L’osteoporosi, purtroppo, frequentemente non da alcun sintomo rilevante finchè non si arriva alla frattura ossea .

Tra i sintomi e le conseguenze della malattia ricordiamo:
dolore frequente alla schiena, specie in seguito a movimenti bruschi o sforzi eccessivi
dolore muscolare da contrattura
diminuzione dell’altezza corporea, sia per aumentata cifosi dorsale (curvatura in avanti della schiena a livello dorsale), sia per diminuita altezza degli stessi corpi vertebrali (da fratture o microfratture vertebrali)
fratture: si verificano quando la perdita della massa ossea è più marcata, talvolta per un banale movimento come la flessione in avanti per rifare il letto o per sollevare un oggetto, e naturalmente, in seguito a cadute.
Oltre alle ossa vertebrali, possono fratturarsi, con una certa frequenza, il femore e il polso.
E’ importante, per la prevenzione delle fratture, eliminare tutte le cause che favoriscono le cadute: usare tappeti di gomma nella doccia e nella vasca da bagno, applicare maniglie vicino agli stessi per degli spostamenti più sicuri, assicurare i tappeti al pavimento con delle apposite reti in gomma, ed evitare tutto ciò che possa far inciampare (fili elettrici, ecc.), usare scarpe con tacchi bassi e suola in gomma, evitare i piegamenti in avanti del busto ed in genere tutti i movimenti bruschi.

PREVENZIONE / TRATTAMENTO – linee generali 

n.b.  per un’azione incisiva è necessaria una valutazione personale dello stato minerale, metabolico ed energetico.

Il trattamento va attuato non solo quando iniziano ad essere presenti i fattori di rischio menopausali, ma dalle età più giovani.

1)  Alimentazione corretta

Particolare attenzione deve essere posta alla correzione dell’acidosi latente, disturbo molto frequente nelle diete dei paesi industrializzati. Una dieta “anti-osteoporosi” oltre a garantire una bassa acidità deve offrire un adeguato apporto di minerali ed essere cicardiana (in sincronia con l’orologio biologico ormonale).

Sarà necessario quindi favorire la presenza di alimenti alcalinizzanti (ricca di verdure) per equilibrare l’acidità derivante da carboidrati, proteine, e da alimenti “pro-osteoporosi” come in particolare i formaggi stagionati, ma anche il latte (ricchi si di calcio, ma decisamente acidificanti). In presenza di potenziale acidosi metabolica il nostro organismo dovrà necessariamente neutralizzarla (tamponare è il termine corretto) utilizzando fosfati, magnesio e calcio “rubati” all’osso (vedi articoli più sotto).

Un’alimentazione con un buon apporto di calcio (senza necessità di supplementazione) e ricca di vitamina C, D e ferro, elementi che favoriscono l’assorbimento di calcio a livello intestinale, è normalmente sufficiente per la “nutrizione” dell’osso, così come la presenza di magnesio e silicio.

In caso di acidosi alimentare infatti,  l’osso svolge un’azione  di correzione a scapito di una sua decalcificazione: libera calcio ed altri ioni nel sangue = ipercalcemia.  Anziché attuare la classica integrazione di Ca, spesso è più utile correggere l’acidosi con un’integrazione di fosfati e bicarbonati.

Il calcio alimentare, invece molto utile, è presente in particolare nel pesce (merluzzo, alici, gamberi, frutti di mare, polpi, calamari) e legumi (fagioli, ceci, lenticchie). Nelle verdure in genere, il calcio presente è particolarmente biodisponibile,  cioè facilmente assorbibile e utilizzabile.  Ad esempio nelle crucifere (verze, cavoletti di Bruxelles …) l’assorbimento del calcio è tra il 40-60 %, mentre il calcio presente nel latte lo è solo per circa il 30 %.

Recenti studi, a dispetto del classico consiglio impartito, attribuiscono al latte un’azione tutt’altro che protettiva per l’osso, specie per la sua azione di incremento dello stress ossidativo nell’organismo, per un’azione pro-infiammatoria di basso grado e per l’acidità potenziale (i latticini in genere hanno quindi anche effetti di accelerazione dell’invecchiamento).

(Manolagas SC, Parfitt AM. What old means to bone. Trends Endocrinol Metab, 2010; 21:369-74)

(Michaelsson K, Milk intake and risk of mortality and fractures in women and men: cohort studies. British Medical Journal 2015; 351 dos: http://dx.doi.org/10.1136/BMI.h4825)

Ricordiamo ancora come l’assunzione eccessiva di alcolici impedisce l’assorbimento del calcio oltre ad avere un’azione negativa sulle cellule specializzate dell’osso.

Utile può essere infine l’assunzione abbondante di acqua (la quantità deve essere determinata individualmente), necessaria ad un buon funzionamento dei meccanismi fisiologici – metabolici , evitando insieme ad un corretto stile di vita l’insorgenza di infiammazione sistemica cronica di basso grado (vedi).

2) Supplementazione alimentare

A seconda dei casi può essere utile l’integrazione con tamponi per l’acidità potenziale (bicarbonato di sodio, carbonato di magnesio, ecc.), vitamina D3, acidi grassi omega3, antiossidanti, ecc.

3) Attività fisica

Il carico sui vari segmenti ossei (sia in compressione che in trazione, flessione, torsione ecc.), come avviene nell’esercizio fisico mirato, è lo stimolo adeguato all’incremento della massa ossea (specie gli esercizi “di contatto”).

Oltre agli esercizi specifici, utili sono le attività sportive di tipo aerobico come la bicicletta, correre, saltare … (se in fase preventiva), o le passeggiate a passo sostenuto, la ginnastica dolce, nuotare … (in osteoporosi già presente). Anche qui, specifiche attività motorie, anche di aumento della massa muscolare, possono essere indicate singolarmente in base alle caratteristiche fisico-metaboliche.

Esercizi specifici appositamente studiati per i vari segmenti scheletrici, pur se generici e non personali, sono quelli qui sotto riportati (vedi link palestra qui sotto), con l’avvertenza di seguire attentamente  le indicazioni e limitazioni suggerite:

Palestra osteoporosi (clicca qui per vedere gli esercizi. n.b. il fisiatra vi indicherà quali tra questi sono per voi indicati)

4) Terapia omeopatica-omotossicologica 

con componenti omeopatizzate di calcarea fluorica, carbonica e phosphorica, calcitonina, ghiandola paratiroidea, …

5) Correzione dei patterns respiratori

utile soprattutto in condizioni di stress (dove c’è sovra-stimolazione del sistema nervoso simpatico) che struttura una respirazione veloce e superficiale responsabile di acidosi respiratoria e, conseguente, osteoporosi.

6) Trattamento non invasivo del micro-circolo con onde Bemer-type

sono onde elettro-magnetiche a bassa intensità ed alta efficenza (brevetto specifico) con effetti positivi sul microcircolo arterioso-venoso, osteopenia e osteoporosi, consolidazione più rapida delle fratture.

7) Esposizione al sole

L’esposizione frequente al sole, 20-30′ più volte alla settimana (mantenendo presenti i rischi cutanei di un suo eccesso), favorisce la produzione di vitamina D da parte dell’organismo, con conseguente miglior assorbimento di fosforo e calcio a livello intestinale.

Protesi anca

Protesi anca

E’ la sostituzione chirurgica completa dell’articolazione dell’anca con una protesi, comprendente quindi sia la testa del femore che l’acetabolo (la parte dell’osso del bacino che accoglie la testa femorale e ne permette il suo ampio movimento).

Questo “colloquio virtuale” con i nostri medici (qualora vi sia stata prospettata la necessità di tale intervento e vogliate entrare in quest’ordine di idee con miglior cognizione di causa) vi permetterà di comprendere i benefici e le eventuali limitazioni derivanti da tale intervento, i tempi e le modalità di trattamento e recupero, nonchè gli esercizi utili al miglior ripristino della funzionalità e resistenza dell’articolazione.

Generalità
E’ doveroso innanzitutto ricordare come l’intervento di artroprotesi d’anca abbia permesso a centinaia di migliaia di persone di condurre una vita attiva e normale quando tale articolazione era stata gravemente danneggiata dall’artrosi, da una frattura o da altre malattie che limitavano o impedivano le normali attività quotidiane come camminare, alzarsi da una sedia o anche riposare senza dolore.
Dagli anni ’60 (data dei primi impianti protesici) ad oggi le tecniche chirurgiche e la tecnologia dei materiali sono notevolmente migliorate permettendo un’alta percentuale di ottimi risultati in relazione a funzionalità e durata dell’impianto.
Ciò ha permesso l’esecuzione di interventi in età più giovane rispetto al passato con i grossi e indubbi vantaggi che questo ha comportato.

Preparazione e materiali
L’intervento di artroprotesi dell’anca necessita generalmente di una degenza ospedaliera di 7-15 giorni (con una ampia variabilità in relazione al tipo di intervento, all’eventualità di complicanze o semplicemente in relazione alle procedure standard della struttura sanitaria che si è prescelta: riabilitazione post-intervento, ecc.).
L’impianto protesico è composto da 3 parti:
– una parte sferica che sostituisce la testa femorale
– lo “stelo” della protesi che verrà inserito nel femore e darà la stabilità alla protesi
– il nuovo acetabolo (una specie di tazza rovesciata) che accoglierà e permetterà il movimento di “circumduzione” della testa femorale sull’osso del bacino.
Ognuna di queste parti della protesi dovrà essere “personalizzata” per essere cioè adeguata alla struttura corporea del paziente (età, peso, tipo di attività, qualità dell’osso, ecc.).
Anche l’esperienza e la familiarità del vostro ortopedico con determinate protesi, nonchè il costo dell’impianto possono influenzare le scelte, e di questo si può discutere con il vostro chirurgo.
Il materiale di costruzione può essere costituito, per la testa della protesi, da leghe a base di cromo-cobalto, ceramiche, titanio ecc., per l’acetabolo si tratterà di polietilene o polietilene-metallo, ecc.
I materiali utilizzati dovranno essere bio-compatibili (per evitare reazioni di rigetto locale o generale) ed offrire adeguata resistenza all’usura. Dovranno garantire una buona funzionalità complessiva ed evitare che eventuali residui polverizzati da usura della protesi causino reazioni infiammatorie e di osteolisi. Le cellule infiammatorie cercheranno infatti di eliminare questi frammenti indebolendo ulteriormente l’osso e creando instabilità all’impianto.
Il chirurgo, una volta fatta l’incisione e spostati i grossi muscoli dell’anca, rimuoverà la testa femorale usurata, preparerà la cavità che dovrà accogliere lo “stelo” femorale protesico, ed infine preparerà, ingrandendolo, l’acetabolo del bacino su cu verrà impiantato quello della protesi.

Protesi cementate e non-cementate
Un’altra importante distinzione (con riflessi sulle fasi riabilitative) è quella tra protesi cementate e non-cementate (ed ibride).
La scelta tra queste potrà variare caso per caso in relazione alla specifica situazione, anche se esistono degli orientamenti generali che potranno indirizzare il vostro ortopedico verso l’una o l’altra.
– Protesi cementate: il “cemento” utilizzato è un polimero acrilico (polimetilmetacrilato).
La protesi cementata permette una deambulazione (con carico completo) praticamente subito dopo l’intervento, consentendo una rapida riabilitazione e la diminuzione di tutte le complicanze legate ad una ritardata mobilizzazione.
Possibili tuttavia, specie nei pazienti con peso eccessivo o molto attivi, una rottura da “fatica” del cemento.
Le protesi cementate sono utilizzate soprattutto nei pazienti sopra i 60 anni, nei pazienti con deficit qualitativo dell’osso o con artrite reumatoide.
– Protesi non-cementate: queste protesi si fissano direttamente sull’osso senza l’uso di cemento, favorite in questo dalla particolare conformazione dello stelo (e della sua superficie) che favorisce lo sviluppo (neoformazione) di tessuto osseo attorno alla superficie della protesi.
Naturalmente la stabilità osso-protesi avviene in un tempo più lungo, rendendo necessaria una deambulazione con carico parziale (usando stampelle) per un periodo di 6-12 settimane.
Tali protesi sono utilizzate più frequentemente in pazienti più giovani (con meno di 50 anni), con una migliore qualità-densità dell’osso e fisicamente più attivi.

Anestesia e analgesia
alcuni giorni prima dell’intervento verranno effettuati dei prelievi di sangue che verrà opportunamente conservato: sarà necessario per un’autotrasfusione al momento dell’intervento allo scopo di rimpiazzare la normale perdita di sangue che si verifica durante l’operazione chirurgica ed eliminare ogni possibile rischio trasfusionale.
Uno o due giorni prima dell’intervento il medico anestesista effettuerà una visita allo scopo di valutare le condizioni generali di salute e la possibile presenza di rischi (difficoltà respiratorie, malattie cardiache, ecc.). Vorrà conoscere se avete avuto precedenti esperienze anestesiologiche, qual’è il vostro peso, se bevete alcolici, se fumate, se assumete farmaci, se avete reazioni allergiche, e così via. Vi chiederà se avete delle preferenze tra i tipi di anestesia che vi illustrerà e discuterà con voi la scelta pur tenendo conto dell’esperienza e delle preferenze dell’equipe chirurgica.
E’ una decisione che merita attente considerazioni, anche se molto probabilmente la vostra richiesta sarà: “mi addormenti subito e mi svegli quando sarà tutto finito!”.
– Anestesia generale: è usata soprattutto quando l’intervento chirurgico si prevede di lunga durata. Agisce sul cervello (sul sistema nervoso) inducendo un sonno profondo. Viene somministrata mediante iniezione endovenosa o inalazione.
Una volta indotta l’anestesia il medico posizionerà un “tubo” in trachea per la somministrazione di ossigeno e facilitare la respirazione. Al risveglio ciò potrà lasciare una irritazione tracheale e un abbassamento di voce per alcuni giorni.
Anche la nausea, la cefalea e la sonnolenza sono frequenti effetti indesiderati.
– Anestesia regionale (spinale e peridurale): questa anestesia rende insensibile un’area specifica del proprio corpo, senza avere effetti sulla coscienza o sulla respirazione. Dei sedativi saranno comunque utilizzati per mantenere un maggior rilassamento del paziente.
Il medico inietterà in regione lombare un farmaco (o lascerà a parmanenza un piccolo catetere per l’infusione continua) che interessando la parte inferiore del midollo spinale, rendera insensibile rapidamente e per diverse ore tutta la parte inferiore del vostro corpo.
I vantaggi dell’anestesia regionale consistono nella minor perdita di sangue e minor pericolo di complicanze coagulative.
Tra gli effetti secondari, talvolta di una certa importanza, le emicranie, le reazioni allergiche e la ritenzione urinaria.
Dopo l’intervento chirurgico può essere necessaria la somministrazione di analgesici per il controllo del dolore.

Ripresa dell’attività quotidiana
La vostra attiva partecipazione è essenziale per la ripresa delle normali attività quotidiane.
Potrete certamente riprendere gran parte delle attività effettuate prima dell’intervento (e senza dolore), anche se sarà necessario talvolta modificare il modo in cui tali attività saranno svolte.

Periodo post-operatorio (in fase di ricovero).
Il dolore nel post-operatorio è variabile individualmente e spesso non prevedibile, ma certamente è sempre possibile un buon controllo dello stesso attraverso l’uso di analgesici per via orale (o per infusione continua controllata).
Per un periodo variabile vi verranno somministrati farmaci antibiotici (per controllare eventuali infezioni) e farmaci anticoagulanti (per evitare complicanze trombo-emboliche agli arti inferiori).
E’ molto frequente l’inappetenza e la nausea per un paio di giorni dopo l’intervento (in relazione all’anestesia).
Sarà spesso necessario mantenere un catetere urinario e assumere farmaci per la stipsi nei primi giorni del post-operatorio.
Un terapista della riabilitazione vi istruirà sulla necessità di eseguire i movimenti e gli esercizi per l’anca dai primissimi giorni e sull’uso di calze compressive per prevenire le complicanze coagulative.

Periodo post-dimissione.
– la medicazione della ferita chirurgica, fatta in ospedale, sarà rinnovata secondo le istruzioni in modo da mantenerla asciutta e pulita.
– un edema locale (gonfiore) è da considerarsi normale per i primi 3-5 mesi: è possibile applicare impacchi freddi (ghiaccio) alcune volte al giorno per 20-30’ ogni volta.
– i punti di sutura saranno tolti dopo 15-20 giorni evitando durante questo periodo di bagnare la ferita (bagno, doccia ecc.).
– un arrossamento o un dolore nella zona della ferita chirurgica dovranno attrarre la vostra attenzione e portarvi ad un controllo medico.
– un controllo Rx sarà effettuato solitamente in questo periodo (o entro un mese dall’intervento) per valutare il corretto posizionamento della protesi.
– potrete seguire una dieta normale cercando di controllare tuttavia il peso corporeo: il sovrappeso sarà una sollecitazione aggiuntiva sulla vostra protesi!
– mantenete una vita attiva senza eccedere nel sovraccarico degli arti inferiori: in particolare il vostro medico vi informerà sulla possibilità di deambulazione e di carico in relazione al tipo di protesi utilizzata e alle vostre condizioni generali.
– nelle protesi cementate potrete camminare subito (anche se inizialmente con un carico parziale) aiutandovi con 1 o 2 stampelle da utilizzare per 30-40 giorni.
– nelle protesi non cementate va generalmente evitato qualsiasi carico sull’arto operato per i primi 40-50 giorni (camminando con l’aiuto di 2 stampelle). Successivamente e gradualmente sarà concesso un carico parziale usando una stampella.
E’ concessa una deambulazione normale generalmente dopo 90 giorni (3 mesi).
– è consigliabile dormire in posizione supina o sul fianco sano (utilizzando un cuscino da porre tra le due ginocchia) almeno per 40-50 giorni. Dopo lo stesso periodo potrà essere ripresa anche una normale attività sessuale.
– per sedersi, nei primi mesi, è consigliabile utilizzare una sedia con braccioli (per aiutarsi nelle fasi di seduta e nel rialzarsi) e con sedile non eccessivamente basso.
Non rimanere consecutivamente seduti per periodi superiori a 30-40’.
Utilizzare un rialzo anche per la tavoletta del wc.
– utilizzare un calzante a manico lungo per infilare le scarpe
– cercare di eliminare ogni possibile motivo di inciampare o scivolare in casa (tappeti, fili elettrici, ecc.)
Per alcune settimane avrete certamente necessità di un aiuto in casa. Se ciò non è possibile sarà necessario il trasferimento presso un centro di riabilitazione residenziale.

Programma di esercizi fisici
– esercizi post-intervento
– esercizi avanzati
– Deambulazione con stampelle
– Salire e scendere le scale

anca_fratture06

Dolore del gomito

DOLORE DEL GOMITO

Tra le più frequenti malattie che colpiscono il gomito ricordiamo le seguenti:
EPICONDILITE (nella zona esterna-laterale del gomito: epicondilo)
EPITROCLEITE (nella zona interna-mediale del gomito: epitroclea)

EPICONDILITE (gomito del tennista)

Non è, innanzitutto, una malattia di esclusivo appannaggio del giocatore di tennis, ma piuttosto di tutti coloro che sottopongono il gomito a sollecitazioni eccessive o ripetitive e/o a microtraumi ripetuti. Tutto ciò è comunque solo un fattore predisponente, per cui può comparire anche in chi non svolge lavori o sport di tale tipo.
E’ una tendinopatia inserzionale dei muscoli brachioradiale ed estensori radiali (ossia un’infiammazione – acuta o cronica – dell’inserzione di questi tendini muscolari al gomito).

Sintomi:
– dolore spontaneo in prossimità dell’epicondilo (vedi figura) con irradiazione dello stesso dolore all’avambraccio e più raramente alla mano (soprattutto durante e dopo uno sforzo, talvolta anche di minima entità, come il versare dell’acqua da una bottiglia).
– Nei casi più gravi può insorgere un’importante incapacità di movimento.

Diagnosi:
– esame fisico del paziente (dolore alla pressione sull’epicondilo e dolore ad alcuni movimenti contro resistenza)

Terapia:
– riposo dell’arto (nei casi più gravi e reiterati può essere necessaria l’immobilizzazione per 10-15 giorni)
farmaci analgesici antiinfiammatori (per via generale o locale)
– infiltrazioni locali con preparati cortisonici (nei casi resistenti)
– fkt (ultrasuoni, ionoforesi laserterapia)
– solo in rari casi si ricorre alla terapia chirurgica (escissione del tessuto degenerato ecc.)

Terapia naturale:
– applicazioni di ghiaccio nella fase acuta (20’ più volte al giorno) e l’uso di appositi bracciali che detendono i muscoli estensori sia a scopo preventivo (quando è frequentemente recidivante) che curativo.

EPITROCLEITE (gomito del giocatore di golf)

E’ decisamente più rara rispetto alla precedente, ed anche in questo caso spesso la causa è sconosciuta (seppure sono predisponenti determinate attività sportive o lavorative come appunto il gioco del golf).
E’ una tendinopatia inserzionale dei muscoli flessori del polso (infiammazione – acuta o cronica – di questi tendini al gomito).

Sintomi:
– dolore in corrispondenza dell’epitroclea (vedi figura)

Diagnosi:
– esame fisico del paziente (dolore alla pressione sull’epitroclea e dolore ad alcuni movimenti contro resistenza)

Terapia:
– è abitualmente conservativa e prevede il riposo
farmaci analgesici antiinfiammatori (per via generale o locale)
– fkt (ionoforesi, laserterapia preferibilmente a contatto)
– nei casi resistenti, infiltrazione locale con cortisonici

img_gomito

Policy

Privacy Policy

Mission

L’informazione medica è lo scopo principale di fkt virtual clinic.
Principale interesse dei soggetti che vengono al nostro ambulatorio virtuale è rivolto agli apparati osteo-muscolari e di movimento.
Altre fonti di “disturbo” generale della salute, tuttavia, sono importanti nel determinismo di dolori locali o generalizzati dell’apparato locomotore, come di altre importanti e gravi malattie.
Il riferimento è all’infiammazione sistemica cronica di basso grado, malattia ormai ben codificata a coronamento di una vasta serie di studi e pubblicazioni internazionali ma ancora poco conosciuta da molti medici.

Il nostro intento, tramite l’educazione sanitaria, è quello di prevenire o curare precocemente tali disturbi, sia quelli locali tipicamente fisiatrici, che quelli legati all’infiammazione sistemica cronica, patologia insospettabilmente frequente nelle popolazioni dei paesi industrializzati: dai disturbi funzionali (che i normali esami diagnostici umorali-ematici e radiologici non evidenziano) come ad esempio la non rara stanchezza cronica, alterazioni del battito cardiaco, sindromi vertiginose, dolori addominali e disturbi digestivi, ansia e attacchi di panico, ecc., alle gravi malattie acute e croniche degenerative come l’artrite reumatoide, psoriasi e dermatite atopiche, disturbi cardio-vascolari (infarto, ictus, ecc.), neurologiche (Parkinson, Alzheimer, ecc.), osteoporosi, patologie tumorali (specie mammella, prostata, colon-retto).

Legata alla prevenzione, a tutti gli effetti, è inoltre la medicina anti-aging: è prevenzione dell’invecchiamento precoce attraverso uno stile di vita corretto, possibilmente mirato alle personali necessità e condizioni fisiologiche e ritmi dell’organismo, a ridotto distress.

Note legali

Fkt.it non è un prodotto editoriale, mancando la periodicità degli aggiornamenti o articoli informativo-educativi.
Parte delle immagini presenti nel sito sono tratte da internet, laddove non espressamente indicato il diritto d’autore. Qualora fossero stati presenti e quindi violati i diritti d’autore, portati a conoscenza di ciò dai diretti interessati, si provvederà a rimuovere tempestivamente le immagini.
I testi presentati nel sito, i dati e i link ad altre fonti, hanno esclusivamente un fine informativo, semplificato e non esaustivo, non essendo fkt.it una pubblicazione scientifica e non rivestendo il carattere di ufficialità.
I contenuti di queste pagine web, pur nella loro sostanziale correttezza e soggetti a verifica accurata, non pretendono di essere esenti da errori e/o omissioni.
Ogni eventuale danno, diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura dei contenuti del sito non è quindi imputabile agli autori o responsabili di fkt.it

Le informazioni sanitarie contenute in queste pagine non sono in alcun modo riferibili al singolo individuo, né sostitutive di un consulto con il proprio medico curante o specialista.
Per questo motivo fkt.it non garantisce in alcun caso il conseguimento di un qualsiasi risultato derivante dall’applicazione delle informazioni presenti, né l’utente è tenuto in alcun modo a mettere in pratica le informazioni disponibili sul sito.

Finanziamento

Fkt.it è finanziato, parzialmente, dai redditi derivanti dalla pubblicità presente sul sito internet, per la restante parte autofinanziato.

Pubblicità

A seguito della recente ristrutturazione del sito, è in corso il processo di revisione per la certificazione di fkt.it da parte della Health On the Net Foundation, secondo le proprie linee guida HonCode.
La pubblicità presente in fkt.it è una fonte di sovvenzione del sito. Ogni apporto pubblicitario (banner, vignette o inserti pubblicitari) inserito nelle varie pagine del sito, è presentato all’utente in modo chiaro ed è visivamente differenziato dal materiale originale prodotto dalla redazione che gestisce il sito.

La suddetta pubblicità verrà identificata dalle diciture “pubblicità” ai piedi dello stesso spazio. In caso di “link commerciali”, un click del mouse sulla pubblicità aprirà una nuova pagina del browser con l’indicazione del sito oggetto di pubblicità.
Eventuali avvisi/articoli pubblicitari (redazionali) avranno un testo concordato con lo sponsor, e saranno chiaramente identificabili mediante la scritta “publiredazionale”.
L’intero contenuto del sito fkt.it è svincolato e indipendente da qualsiasi influenza, al di fuori dei contrassegnati publiredazionali.

Redazione e organizzazione interna

Fkt.it nasce per iniziativa di un gruppo di medici fisiatri, terapisti della riabilitazione e altri collaboratori qualificati, i cui nomi sono riportati, con le relative professionalità, nelle pagine di cui sono autori.
Le referenze, professionalità e possibilità di contatto con gli autori delle pagine (in accordo ai principi HONcode, Health On the Net Foundation, for medical and health web sites) sono riportate qui di seguito.

Dott. Paolo Bortolotto, medico chirurgo, specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione (Fisiatra), Studio Medico Specialistico Manual Therapy, Piazzetta Pedrocchi 12, Padova (rehab.mth@gmail.com), consulente fisiatra presso il Poliambulatorio Arcella (PD) e il Centro di Fisiokinesiterapia di Treviso, Direttore Sanitario del Centro di Fisiokinesiterapia di Jesolo (Ve). Vedi curriculum.

Dott. Michele Sarto, fisioterapista, master in Osteopatia nelle disfunzioni neuro-muscolo-scheletriche Univ. di Verona – EOM Escuela de Osteopatia de Madrid International. Vedi curriculum‎

Le pagine di fkt.it che non riportano referenze sono prodotte dal redattore responsabile del sito, Dott. Paolo Bortolotto.
Ogni pagina del sito riporta la data dell’ultimo aggiornamento.

Il servizio di fkt.it è assolutamente gratuito.

MUS

M.U.S. Medically Unexplained Symptoms

Si tratta di sintomi riscontrati molto frequentemente nei pazienti di medicina generale (1, 2, 11, 14, 17, 21), e spesso anche nei pazienti che afferiscono a medici fisiatri, ortopedici e neurologi.

Nella letteratura scientifica anglosassone tali sintomi vengono individuati con l’acronimo M.U.S., ovvero, si potrebbe tradurre, sintomi vaghi e aspecifici: non corrispondono infatti a patologie correlate a dati clinici conclamati, tuttavia sono spesso tutt’altro che trascurabili per il paziente e, è stato recentemente accertato, rivestono un ruolo non trascurabile di correlazione con vere e proprie patologie croniche specifiche, benigne e maligne.

Sono, questi, sintomi identificati come dolori aspecifici, articolari e/o muscolari talvolta migranti, stanchezza cronica (24), vertigini e nausea, disturbi del sonno (insonnia, risvegli notturni o ipersonnia)(6, 7, 9, 19, 27), sudorazione durante il sonno, disturbi dell’appetito, colon irritabile e disturbi digestivi (23), stipsi o diarrea, disturbi del tono dell’umore, depressione (2, 12), attacchi di panico (5, 33, 38), perdita di memoria a breve termine (6), difficoltà di concentrazione, pensieri ricorrenti o costante preoccupazione, aritmie o tachicardia, evidente perdita di peso (in pochi mesi) senza cause obiettive riscontrabili.

Tali disturbi, presenti singolarmente o talora più d’uno contemporaneamente, sono spesso sottostimati, non collegati a precise patologie o ancor peggio declinati come sintomi di tipo psicosomatico o psicosociale, impedendo il loro trattamento così come la prevenzione di gravi malattie che possono essere collegate o consequenziali ad esse (17).

Tra queste ricordiamo:
– malattie infiammatorie croniche quali artrite reumatoide, artrite psoriasica, polimialgia reumatica (4, 20), fibromialgia, sindrome da stanchezza cronica
– riduzione delle difese immunitarie (malattie auto-immunitarie)(10, 31) come dermatite atopica, psoriasi, congiuntiviti allergiche, sclerosi multipla, malattie tumorali (in particolare della mammella, prostata, colon-retto)
– obesità addominale, diabete, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia (35, 8, 18, 25, 26, 30, 32)
– patologie cardio-vascolari, infarto miocardico, ictus cerebrale
– osteoporosi
– patologie delle vie respiratorie (riniti allergiche, forme asmatiche)
– sindrome dell’ovaio policistico
– invecchiamento precoce

La difficoltà di diagnosi di tali disturbi deriva sia dalla frequente difficoltà, da parte del paziente stesso, di descrivere con chiarezza e/o riconoscere questi sintomi, sia per l’assenza di riscontri organici evidenziabili dai normali esami di routine.
Talvolta, ancora, vengono poste diagnosi errate (ed errati tentativi di cura), in particolare per mancata conoscenza delle evidenze scientifiche riguardanti tali disturbi e le relative possibilità di diagnosi e trattamento. Evidenze, queste, andatesi infittendo negli ultimi dieci anni, ed in rapida accelerazione negli ultimi due o tre.

In particolare, un importante strumento di valutazione e di controllo nel tempo dei MUS, si è rivelato il dispositivo di Analisi Clinica della Composizione Corporea BIA-ACC (39). Le misure oggettive e precise dei parametri correlati ai MUS, espressione di infiammazione cronica, permette di differenziare questi soggetti, dai soggetti sani.

Al centro dei meccanismi di infiammazione cronica stanno l’attivazione persistente dell’asse HPA (ipotalamo-ipofisi-surrenalico)(28, 29) e la conseguente alterazione della secrezione cicardiana (il normale ritmo di secrezione nel corso della giornata) dell’ormone cortisolo, che dovrebbe essere massimo al mattino (o acrofase, entro le primissime ore del mattino) per poi calare gradualmente durante il corso della giornata fino al suo minimo nelle ore notturne.

Al contrario un livellamento nel corso della giornata del livello di cortisolo (aumento flat o anche flat low), legato a stress cronico ( alimentare-metabolico, fisico o psichico), si associa alla manifestazione delle numerose patologie prima citate (aumento glucosi ematico, stimolazione SNSimpatico, riduzione tasso metabolico e funzione riproduttiva, depressione sistema immunitario).

La stessa cronicizzazione dei processi infiammatori (vedi Infiammazione Sistemica Cronica Low Grade) causa l’attivazione persistente dell’asse HPA, attraverso le alterazioni degli elettroliti intra- ed extracellulari > disidratazione e col tempo > riduzione dei sistemi tampone fosfato e bicarbonato (ridotto turnover osseo) > alterazione dei potenziali di membrana cellulare > mal funzionamento delle cellule muscolari e nervose (stanchezza cronica, crampi, alvo alterno, aritmie-tachicardia, stati ansiosi, panico).

Bibliografia
1. Epstein RM, Shields CG, Meldrum SC, Fiscella K, Carroll J, Carney PA, Duberstein PR, Physicians’ responses to patients’ medically unexplained symptoms, Psychosom Med, 2006 Mar-Apr, 68(2):269-76;
2. Keller J, Flores B, Gomez RG, Solvason HB, Kenna H, Williams GH, Schatzberg AF, Cortisol Circadian Rhythm Alterations in Psychotic Major Depression, Biol Psychiatry, 2006 Feb 1;
3. Ringsberg KC, Krantz G, Coping with patients with medically unexplained symptoms: work-related strategies of physicians in primary health care, J Health Psychol, 2006 Jan, 11(1):107-16;
4. Cutolo M, Villaggio B, Otsa K, Aakre O, Sulli A, Seriolo B, Altered circadian rhythms in rheumatoid arthritis patients play a role in the disease’s symptoms, Autoimmun Rev. 2005 Nov, 4(8):497-502;
5. Takahashi T, Ikeda K, Ishikawa M, Kitamura N, Tsukasaki T, Nakama D, Kameda T, Anxiety, reactivity, and social stress-induced cortisol elevation in humans, Neuro Endocrinol Lett, 2005 Aug, 26(4):351-4;
6. Buckley TM, Schatzberg AF, Aging and the role of the HPA axis and rhythm in sleep and memory-consolidation, Am J Geriatr Psychiatry, 2005 May, 13(5):344-52;
7. Buckley TM, Schatzberg AF, On the interactions of the hypothalamic-pituitary-adrenal (HPA) axis and sleep: normal HPA axis activity and circadian rhythm, exemplary sleep disorders, J Clin Endocrinol Metab, 2005 May, 90(5):3106- 14;
8. Gluck ME, Geliebter A, Hung J, Yahav E, Cortisol, hunger, and desire to binge eat following a cold stress test in obese women with binge eating disorder, Psychosom Med, 2004 Nov-Dec;66(6):876-81;
9. Backhaus J, Junghanns K, Hohagen F, Sleep disturbances are correlated with decreased morning awakening salivary cortisol, Psychoneuroendocrinology, 2004 Oct, 29(9):1184-91;
10. 10Crofford LJ, Young EA, Engleberg NC, Korszun A, Brucksch CB, McClure LA, Brown MB, Demitrack MA, Basal circadian and pulsatile ACTH and cortisol secretion in patients with fibromyalgia and/or chronic fatigue syndrome, Brain Behav Immun, 2004 Jul, 18(4):314-25;
11. Woivalin T, Krantz G, Mantyranta T, Ringsberg KC, Medically unexplained symptoms: perceptions of physicians in primary health care, Fam Pract, 2004 Apr, 21(2):199-203;
12. SmithRC,KorbanE,KanjM,HaddadR,LylesJS,LeinC,GardinerJC,HodgesA,DwamenaFC,CoffeyJ,Collins C, A method for rating charts to identify and classify patients with medically unexplained symptoms, Psychother Psychosom, 2004 Jan-Feb;73(1):36-42;
13. Mello Ade A, Mello MF, Carpenter LL, Price LH, Update on stress and depression: the role of the hypothalamic- pituitary-adrenal (HPA) axis, Rev Bras Psiquiatr, 2003 Oct, 25(4):231-8;
14. Smith RC, Lein C, Collins C, Lyles JS, Given B, Dwamena FC, Coffey J, Hodges A, Gardiner JC, Goddeeris J, Given CW, Treating patients with medically unexplained symptoms in primary care, J Gen Intern Med, 2003 Jun, 18(6):478-89;
15. Chan O, Inouye K, Riddell MC, Vranic M, Matthews SG, Diabetes and the hypothalamo-pituitary-adrenal (HPA) axis, Minerva Endocrinol, 2003 Jun;28(2):87-102;
16. Gaillard RC, [Interactions between the immune and neuroendocrine systems: clinical implications], J Soc Biol, 2003, 197(2):89-95;
17. Albrecht S, Naugle AE, Psychological assessment and treatment of somatization: adolescents with medically unexplained neurologic symptoms, Adolesc Med, 2002 Oct, 13(3):625-41;
18. Vicennati V, Ceroni L, Gagliardi L, Gambineri A, Pasquali R, Comment: response of the hypothalamic-pituitary- adrenocortical axis to high-protein/fat and high-carbohydrate meals in women with different obesity phenotypes, J Clin Endocrinol Metab, 2002 Aug, 87(8):3984-8;
19. Rodenbeck A, Huether G, Ruther E, Hajak G, Interactions between evening and nocturnal cortisol secretion and sleep parameters in patients with severe chronic primary insomnia, Neurosci Lett, 2002 May 17;324(2):159-63;
20. Crofford LJ, The hypothalamic-pituitary-adrenal axis in the pathogenesis of rheumatic diseases, Endocrinol Metab Clin North Am, 2002 Mar, 31(1):1-13;
21. Reid S, Whooley D, Crayford T, Hotopf M, Medically unexplained symptoms–GPs’ attitudes towards their cause and management, Fam Pract, 2001 Oct, 18(5):519-23;
22. Gaillard RC, Interaction between the hypothalamo-pituitary-adrenal axis and the immunological system, Ann Endocrinol (Paris), 2001 Apr, 62(2):155-63;
23. Elsenbruch S, Orr WC, Diarrhea and constipation-predominant IBS patients differ in postprandial autonomic and cortisol responses, Am J Gastroenterol, 2001 Feb, 96(2):460-6;
24. Racciatti D, Guagnano MT, Vecchiet J, De Remigis PL, Pizzigallo E, Della Vecchia R, Di Sciascio T, Merlitti D, Sensi S, Chronic fatigue syndrome: circadian rhythm and hypothalamic-pituitary-adrenal (HPA) axis impairment, Int J Immunopathol Pharmacol, 2001 Jan, 14(1):11-15;
25. Epel E, Lapidus R, McEwen B, Brownell K, Stress may add bite to appetite in women: a laboratory study of stress- induced cortisol and eating behavior, Psychoneuroendocrinology, 2001 Jan, 26(1):37-49;
26. Vicennati V, Pasquali R, Abnormalities of the hypothalamic-pituitary-adrenal axis in nondepressed women with abdominal obesity and relations with insulin resistance: evidence for a central and a peripheral alteration, J Clin Endocrinol Metab, 2000 Nov, 85(11):4093-8;
27. Blazejova K, Nevsimalova S, Illnerova H, Hajek I, Sonka K, [Sleep disorders and the 24-hour profile of melatonin and cortisol], Sb Lek, 2000, 101(4):347-51;
28. HarbuzMS,Chronicinflammatorystress,BaillieresBestPractResClinEndocrinolMetab,1999Dec,13(4):555-65;
29. ShanksN,HarbuzMS,JessopDS,PerksP,MoorePM,LightmanSL,Inflammatorydiseaseaschronicstress,Ann N Y Acad Sci, 1998 May 1, 840:599-607;
30. Leal AM, Moreira AC, Food and the circadian activity of the hypothalamic-pituitary-adrenal axis, Braz J Med Biol Res, 1997 Dec, 30(12):1391-405;
31. HarbuzMS,CondeGL,MartiO,LightmanSL,JessopDS,Thehypothalamic-pituitary-adrenalaxisinautoimmunity, Ann N Y Acad Sci, 1997 Aug 14, 823:214-24;
32. Van Cauter EV, Polonsky KS, Blackman JD, Roland D, Sturis J, Byrne MM, Scheen AJ, Abnormal temporal patterns of glucose tolerance in obesity: relationship to sleep-related growth hormone secretion and circadian cortisol rhythmicity, J Clin Endocrinol Metab, 1994 Dec, 79(6):1797-805;
33. Yehuda R, Boisoneau D, Mason JW, Giller EL, Glucocorticoid receptor number and cortisol excretion in mood, anxiety, and psychotic disorders, Biol Psychiatry, 1993 Jul 1-15, 34(1-2):18-25;
34. Tsigos C, Young RJ, White A, Diabetic neuropathy is associated with increased activity of the hypothalamic- pituitary-adrenal axis, J Clin Endocrinol Metab, 1993 Mar, 76(3):554-8;
35. Mantero F, Boscaro M, Glucocorticoid-dependent hypertension, J Steroid Biochem Mol Biol, 1992 Oct, 43(5):409- 13;
36. Angeli A, Glucocorticoid secretion: a circadian synchronizer of the human temporal structure, J Steroid Biochem, 1983 Jul, 19(1B):545-54;
37. Zhurova MV, Lugovaia NA, [Carbohydrate tolerance and islet apparatus function in patients with different forms of hypothyroidism], Probl Endokrinol (Mosk), 1983 May-Jun, 29(3):36-40;
38. Curtis GC, Nesse R, Buxton M, Lippman D, Anxiety and plasma cortisol at the crest of the circadian cycle: reappraisal of a classical hypothesis, Psychosom Med, 1978 Aug, 40(5):368-78.
39. Tsigos C, Stefanaki C, Lambrou GI, Boschiero D, Chrousos GP, Stress And Inflammatory Biomarkers And Symptoms Are Associated With Bio-Impedance Measures, Eur J Clin Invest. 2014 Nov 28. Doi: 10.1111/eci.12388.

Sindrome cervicale complessa

Sindrome cervicale complessa

Tensione a collo e spalle, cefalea, nausea,
vertigini, ansia, attacchi di panico …

Si tratta di un insieme di disturbi che si possono presentare in modo variabile per intensità e frequenza (solo alcuni sintomi o numerosi tra questi), talvolta con prevalenza di uno di essi, ad esempio il dolore cervicale o la cefalea.
Nel corso del tempo si può manifestare un cambiamento nella rilevanza di alcuni di questi sintomi.

 I sintomi che si presentano con maggior frequenza sono:
dolore cervicale (al collo e base della testa)
cefalea gravativa o miotensiva (più raramente  emicrania o cefalea vasomotoria)
instabilità posturale o vertigini accompagnate da sudorazione
disturbi della vista, offuscamento della vista
tachicardia, sensazione di mancamento o svenimento (crisi vagale)
difficoltà di concentrazione, sensazione di testa piena o confusa
formicolii, brividi o calore, sensazione di compressione toracica
ansia, sensazione di perdere il controllo, di impazzire, di morire
o un quadro di sintomi polimorfi chiamato attacco di panico

Dal punto di vista diagnostico, una volta escluse la cause di maggior gravità, ad esempio i disturbi vestibolari (orecchio interno), cardiologici ecc. andranno valutati i problemi più specificatamente fisiatrici: articolari o posturali, irradiazioni dolorose agli arti superiori da ernie discali, problemi mandibolari o di masticazione ecc.

In presenza di tali sintomi, le più frequenti diagnosi che vengono poste (spesso “di comodo”) sono: dolore cervicale da artrosi (la classica “cervicale” secondo la dizione popolare), discopatia o ernia discale o, più raramente, uno stato d’ansia. Molto spesso, tuttavia, non viene trovato un vero rimedio ai disturbi, consistendo questo in analgesici, o al più ansiolitici, entrambi non in grado di risolvere il problema, ma anzi gravarli di non indifferenti effetti collaterali.
La mancata risoluzione del problema porta spesso il paziente all’estenuante ricerca di nuovi medici e specialisti.

La presenza di un’ernia cervicale alla risonanza magnetica, inoltre, o una marcata artrosi alla radiografia non sono necessariamente elementi di diagnosi sicura; infatti molti riscontri di ernia discale o di artrosi si osservano in persone che non hanno mai sofferto di alcun disturbo.
Nel formarsi di questa sindrome, piuttosto, più cause si intrecciano o si sommano, alcune prevalendo sulle altre e funzionando da fattore scatenante necessario ad oltrepassare la soglia di benessere o di lieve disturbo, per trasformarsi nel tempo in disturbo importante e limitante le normali attività quotidiane.

Sta nella sensibilità ed esperienza del fisiatra dare valore e consistenza a sintomi e parole del paziente.

In questi pazienti sono spesso presenti squilibri metabolico-funzionali con o senza disturbi posturali. Frequentemente quest’insieme di sintomi è legato ad un stato di infiammazione sistemica cronica di basso grado (è un’entità patologica di recente scoperta, vedi in questo sito: ISC low grade)(1-119). 

Ecco quindi l’importanza di lavorare terapeuticamente su i vari campi di disturbo prima di affrontare la sintomatologia con i farmaci (approccio dagli effetti temporanei e gravato da effetti tossici e dannosi).
________________________________________________________________________

Uno degli effetti principali è la rigidità muscolare che può derivare da:

– scorretta respirazione, prevalentemente toracica anziché diaframmatica, con iperattività in particolare del m. trapezio
– disturbi posturali generali (ad esempio scoliosi, ipercifosi dorsale, dismetrie degli arti inferiori)
– esiti di traumi (ad esempio colpo di frusta cervicale)
– disturbi oculari

Anche una debolezza dei muscoli cervicali, che si tramuterà poi in rigidità (i muscoli deboli per sostenere comunque la testa diventano rigidi) può essere una concausa importante di questa sindrome. Tale debolezza può essere dovuta a:

inattività e sedentarietà (la debolezza muscolare porterà iper–sollecitazione > rigidità)
un sovraccarico posturale lavorativo o sportivo (è uno stress fisico cronico)
uno stile di vita eccessivamente logorante o stressante
riposo notturno insufficiente o non regolare
stress emotivo cronico (aumento dell’ ormone cortisolo – come in tutti gli stress > riduzione della massa muscolare)
alimentazione scorretta (infiammatoria): disidratazione, iperglicemia o picchi glicemici nei momenti della giornata in cui l’organismo è più vulnerabile (pomeridiani-serali), errata distribuzione giornaliera dei carboidrati, alimentazione acida (PRAL+) con alterazione degli elettroliti, obesità …

Trattamento riabilitativo:

Innovativi ed efficaci interventi di contrasto e prevenzione degli stati infiammatori sistemici cronici di basso grado (1-119), sono:
– la correzione alimentare
– l’ esercizio fisico (aumento della massa muscolare e della capacità aerobica)
– il controllo / riduzione dello stress psico-emotivo

Per un’azione da subito rapida su dolore e rigidità cervicali, troviamo invece:

– la terapia manuale ortopedica, miofasciale, osteopatica correzione posturale
– la neuro-agopuntura o stimolazione riflessa sui painful points (neuro-riflessoterapia)(120-123)
– le micro-infiltrazioni locali con farmaci low dose omeopatici scelti sulla base di comprovata efficacia ed evidenza scientifica (EBM)(124-128)
energie fisiche non invasive come le onde elettromagnetiche Bemer-type con frequenze brevettate ad alta efficenza dello stimolo (129-132) …

La mancata correzione dei fattori alimentari, dell’esercizio fisico, e del controllo dello stress emotivo, pur in presenza di un significativo miglioramento della sintomatologia cervicale, è spesso solo transitoria, e con buona probabilità il dolore si ripresenterà, così come tenderà a peggiorare lo stato generale di salute.

Se desideri un aiuto per migliorare i tuoi disturbi

CONTATTACI

troverai indicazioni sulla nostra attività clinica ambulatoriale.

DOTT. PAOLO BORTOLOTTO   medico fisiatra, responsabile di redazione del sito fkt.it (curriculum)
se vuoi conoscere meglio la mia attività e cosa ispira il mio lavoro clicca su questi links:
team, mission, phylosophy, nature & technology.

IMG_3898 (2)

il mio lavoro in ambulatorio è in collaborazione con il
DOTT. MICHELE SARTO   fisioterapista e posturologo (curriculum)

1157637_10201050783966446_253527204_n

Life Style

Life style

 

E’ un modo per migliorare la nostra qualità di vita attraverso una serie di interventi individualizzati, sulla base di valutazione medica e strumentale, e di indirizzi generali per affrontare correttamente la quotidianità, dall’alimentazione all’attività fisica, dalla gestione dell’attività lavorativa al tempo libero, passando attraverso un gran numero di importanti, ma talvolta anche piccoli comportamenti.
Questo stesso stile di vita coincide con la migliore possibilità di prevenire le malattie, o per quelle inevitabili (ad esempio infettive o traumatiche) di affrontarle, dal punto di vista immunitario e della risposta di reazione dell’organismo, nel migliore dei modi.
Attraverso un corretto stile di vita ci si può avvicinare o raggiungere il concetto di Salute, così come l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’ha definita, ovvero non solo come assenza di malattia, ma come stato di benessere psicofisico.

Il rischio di malattie cronico-degenerative dell’invecchiamento è legato per circa 1/3 a fattori genetici, ma per ben 2/3 al proprio stile di vita: alimentazione, attività motoria, stress, attività igienico-comportamentale, relazioni sociali, fattori ambientali, e così via.
E’ evidente come per poter attuare tale prevenzione non ci si rivolga ad una popolazione anziana, ma ad una popolazione principalmente giovane, poichè precocemente inizia una fisiologica involuzione dei vari sistemi funzionali del nostro organismo.

Le basi di un corretto lifestyle sono:

– Corrette sequenze alimentari individualizzate (alimentazione antinfiammatoria)
l’alimentazione più indicata per tale scopo dovrà essere genericamente con:

• un basso carico glicemico complessivo giornaliero (GL) nonché l’assunzione preferenziale di cibi a basso indice glicemico (GI).
Ciò si traduce in una riduzione della glicemia e della secrezione di insulina, riduzione del colesterolo totale e miglioramento del rapporto LDL-HDL, miglioramento della funzionalità renale e dell’attività fermentativa del colon.
Il controllo del GL ha dimostrato attività di prevenzione del diabete tipo 2, patologie cardiovascolari, numerose neoplasie, e obesità.
Per quest’ultima, come si noterà, non tutta l’attenzione è posta sul carico lipidico degli alimenti, come fino a pochi anni fa è stato fatto, riconoscendo invece un ruolo importante al carico glicemico sulla base di numerosi studi.

– Liu S, Manson JE, Stampfer MJ, Holmes MD, Hu FB, Hankinson SE, Willett WC, Dietary glycemic load assessed by food-frequency questionnaire in relation to plasma high-density- lipoprotein cholesterol and fasting plasma triacylglycerols in postmenopausal women, Am J Clin Nutr, 2001 Mar, 73(3):560-6;
– Jenkins DJ, Kendall CW, Augustin LS, Franceschi S, Hamidi M, Marchie A, Jenkins AL, Axelsen M, Glycemic index: overview of implications in health and disease, Am J Clin Nutr, 2002 Jul, 76(1):266S-73S;
– Bell SJ, Sears B, Low-glycemic-load diets: impact on obesity and chronic diseases, Crit Rev Food Sci Nutr, 2003, 43(4):357-77;
– Brand-Miller JC, Glycemic load and chronic disease, Nutr Rev, 2003 May, 61(5 Pt 2):S49- 55;

E’ stata dimostrata inoltre una migliore risposta glicemica alla colazione del mattino nel caso in cui sia limitato il carico glicemico della cena precedente.
La personalizzazione della valutazione metabolica dell’individuo, possibile con sistemi di elaborazione dei dati, ci permette di interagire anche con altri fattori capaci di alterare il metabolismo glicidico, come il metabolismo basale e gli scostamenti dell’equilibrio dell’asse HPA (ipotalamo-ipofisi-surrenalico) legato allo stress cronico con aumento o alterazione flat dell’ormone cortisolo e a sua volta infiammazione cronica, riduzione delle difese immunitarie, sviluppo di sintomatologia aspecifica cronica (MUS) e cronica degenerativa.

Un’alimentazione a carico acido renale potenziale negativo (PRAL -)
un’alimentazione “acida” (PRAL+), infatti, concorre negativamente al danno muscolo-scheletrico. Tale acidità renale potenziale, dovuta ad un eccesso di farinacei, formaggi, insaccati, carni e povera di vegetali, viene corretta dall’organismo attraverso i vari sistemi tampone con un consumo di ioni Ca++ (calcio) e K+ (potassio) di cui sono ricchi i tessuti muscolari e ossei. Muscoli e ossa risulteranno quindi indeboliti da questa condotta alimentare favorendo con ciò dolori articolari e muscolari, oltre a favorire l’osteoporosi per il consumo di fosfati da parte dell’osso.

Un’alimentazione cicardiana, che rispetta cioè i ritmi fisiologici giornalieri (gli orari stabiliti dal nostro orologio biologico), ossia la corretta distribuzione delle varie componenti alimentari nel corso della giornata.
Al contrario i ritmi alimentari a cui spesso nella società occidentale siamo costretti, dal lavoro e dai ritmi frenetici di vita, determina delle alterazioni ormonali (principalmente del cortisolo) con azione di indebolimento e riduzione della massa muscolare, ancor esso fattore determinante nell’insorgenza e mantenimento di dolori articolari e muscolari.  In particolare tale effetto negativo in rapporto al ciclo cicardiano riguarda i cibi ad alto indice glicemico (pane, pasta, farinacei) e gli zuccheri (dolci e frutta) che se consumati nella seconda metà della giornata, o ancor più alla sera, mantengono alti i livelli di glucosio e insulina notturna (favorendo l’insorgenza di diabete di tipo 2 e sindrome metabolica).

– Nutraceutica: integrazione alimentare di microelementi, sali minerali, vitamine, fitoelementi, proteine, aminoacidi, ecc., utili qualora l’alimentazione e/o lo stile di vita non risultino sufficienti a mantenere una corretta omeostasi)

– Riabilitazione posturale e fisico-motoria
tale riabilitazione dovrà essere mirata a:
– incrementare la propria massa muscolare, ciò ha un’importanza fondamentale nel mantenere gli equilibri metabolici in quanto nel muscolo risiedono le principali riserve energetiche (deposito di glicogeno) e dal muscolo vengono prodotte importanti sostanze ad azione antinfiammatoria (miochine e citochine)
– curare la postura, ovvero la posizione complessiva e reciproca dei segmenti corporei, normalizzare i distretti disfunzionali e le catene mio-fasciali alterate, riveste spesso un’importanza che va al di là degli stessi segmenti corporei trattati.
– migliorare la capacità aerobica, in quanto stimolo del metabolismo cellulare (formazione di ATP/energia), nonché incremento dell’ossigenazione ematica per contrastare l’acidosi respiratoria e migliorare il tono della muscolatura liscia viscerale

– Controllo dello stress emotivo e degli stress cronici più in generale
Tali comportamenti che andranno a modificare la nostra vita, se compresi appieno, non saranno percepiti come un obbligo o una costrizione, ma anzi espressione di una positiva voglia di cambiare e capaci di generare entusiasmo e felicità nel riuscire a modificare il proprio comportamento, specie se le abitudini, le resistenze altrui, il radicato modus operandi della società e del mercato ci avesse creato più di qualche difficoltà.

curare le sofferenze articolari e muscolari

Curare le sofferenze articolari e muscolari
(anche) con l’alimentazione

Una medicina innovativa
curare sofferenze muscolari e articolari

Un tempo sarebbe stata un’affermazione propria di una “medicina alternativa”, ora è la più innovativa e aggiornata medicina, validata da un gran numero di studi internazionali.
E’ un modo di operare che integra, coerentemente, tutte le conoscenze scientifiche per trattare un disturbo o preservare la salute globale dell’individuo.
Interagire con i vari parametri fisiologici (metabolici, endocrini, immunologici, neurologici e psicologici) attraverso l’alimentazione, il controllo dell’attività fisica e dello stress, rappresenta una vera trasformazione della medicina.
Sono principi, questi, che stanno già entrando nella pratica quotidiana di numerosi Paesi, specie nord-europei e nord-americani, pur essendo in altri ambiti sanitari, ancora poco conosciuti e praticati.

L’alimentazione, oltre che un piacere, è infatti un’efficace medicina!
O, inversamente, può essere causa di malattia.
E non basta conoscere un concetto astratto, spesso ripetuto dai media. E’ necessario conoscere la precisa portata dell’affermazione, le conseguenze concrete, attuali e previsionali sul singolo individuo che derivano da un’alimentazione non appropriata e le possibilità di guarigione o di prevenzione.

Esiste infatti una stretta connessione tra disturbi muscolo-scheletrici (dolore cervicale, lombare, dolori articolari migranti ecc.) e stress cronici di varia origine: stress metabolico – alimentari, ma anche stress psico-emotivi e stress fisici come sedentarietà o eccessiva attività fisica, inquinanti, addittivi, ecc. (vedi Infiammazione sistemica cronica in www.fkt.it).
In tutte queste situazioni si creano squilibri della composizione corporea e del sistema nervoso, riduzione della massa muscolare, degli ormoni cortisolo, estrogeni, testosterone, del calcio osseo e osteoporosi, tutti fattori che favoriscono fortemente i dolori articolari.

Non solo. Gli alimenti, oltre ad influenzare quotidianamente il metabolismo, possono realmente condizionare il comportamento delle cellule deprimendo il sistema immunitario e favorendo la degenerazione tumorale.
Il Prof. Antonio Moschetta, vincitore del premio R. Weitzman Memorial Award 2014, assegnato dalla Società di Endocrinologia USA, afferma che “i nutrienti entrano in noi, agganciano il nostro DNA e ci cambiano dall’interno”: la relazione tra geni e ambiente (epigenetica) avviene tramite recettori nucleari “appoggiati” sul DNA che funzionano come una sorta di interruttore capace di accendere o spegnere i geni.

Il cibo è in grado di determinare importanti regolazioni nell’organismo, tra le quali indurre uno stato infiammatorio cronico.
Le stesse cellule adipose in surplus partecipano all’attivazione delle malattie, producendo molecole pro-infiammatorie (citochine) che alterano il metabolismo degli estrogeni ed il sistema immunitario.

L’alimentazione dovrà essere basica (PRAL-):
infatti un’alimentazione “acida” da eccesso di farinacei, formaggi, insaccati, carni e povera di vegetali, determina un consumo di ioni calcio e potassio sottratti a osso e muscolo, che risultano indeboliti e facilmente dolenti, oltre a favorire l’osteoporosi per il consumo di fosfati.

L’alimentazione dovrà essere cicardiana:
una dieta che non rispetta i ritmi fisiologici cicardiani-giornalieri (gli orari del nostro orologio biologico), ovvero la corretta distribuzione e quantità dei vari alimenti nel corso della giornata, determina alterazioni ormonali (cortisolo ecc.) con riduzione di massa e forza muscolare, anch’essi fattori rilevanti nell’insorgenza di dolori articolari e muscolari.

L’alimentazione dovrà essere a basso indice glicemico:
il danno da dieta non cicardiana riguarda in particolare i cibi ad alto indice glicemico (zuccheri, carboidrati raffinati) che se consumati in eccesso, ed in particolare alla sera, mantengono alti i livelli di glucosio e insulina notturna favorendo l’insorgenza di diabete di tipo 2 e sindrome metabolica.

L’alimentazione anti-infiammatoria (www.fkt.it) dovrà dunque essere abbondante al mattino, meno a pranzo e ancor meno a cena, riducendo e riservando i cereali (pane, pasta, farinacei) e gli zuccheri (dolci e frutta) alla prima parte della giornata in cui tali alimenti vengono più correttamente assimilati e non interferiscono con i cicli ormonali ed il riposo notturno.

1a

 

Una corretta e “personalizzata” sequenza alimentare, basata sulle specifiche carenze o necessità, sarà possibile mediante una valutazione con apparecchiatura bio-impedenziometrica BIA-ACC, ripetuta nel corso della correzione alimentare, e con PPG-Stress Flow (analisi del sistema nervoso autonomo, variabilità della frequenza cardiaca HRV, …).
(Tsigos C, Stefanaki C, Lambrou GI, Boschiero D, Chrousos GP, Stress And Inflammatory Biomarkers And Symptom Are Associated With Bio-Impedance Measures, Eur J Clin Invest. 2014 Nov 28. Doi: 10.1111/eci.12388.).

In sintesi, di fronte ad un dolore muscolo-scheletrico è essenziale non limitarsi alla semplice soppressione del sintomo (per via farmacologica o fisioterapica), ma ricercare un concreto equilibrio dell’organismo, misurabile e confrontabile.

La riabilitazione di un paziente con disturbi muscolo-articolari, specie se interessanti più distretti corporei, verrà affrontata sia sul piano fisico-motorio (riequilibrio articolare e posturale, azione antiinfiammatoria locale), sia su un piano alimentare e metabolico, o se necessario, anche su quello psico-emotivo, ricercando comportamenti, stile di vita e opportune tecniche che riducano gli stress.

Straub RH, Evolutionary medicine and chronic inflammatory state-known and new concepts in pathophysiology. 2012, J MOLMED (BERL) 90: 523-53
Leal AM, Moreira AC, Food and the circadian activity of the hypothalamic-pituitary-adrenal axis, Braz J Med Biol Res, 1997 Dec, 30(12):1391-40
Cutolo M, Villaggio B, Otsa K, Aakre O, Sulli A, Seriolo B, Altered circadian rhythms in rheumatoid arthritis patients play a role in the disease’s symptoms, Autoimmun Rev. 2005 Nov, 4(8):497-50
Leal VO, Delgado AG, Leite M Jr, Mitch WE, Mafra D, Influence of renal function and diet on acid-base status in chronic kidney disease patients, J Ren Nutr. 2009 Mar;19(2):178-82;
Wynn E, Lanham-New SA, Krieg MA, Whittamore DR, Burckhardt P, Low estimates of dietary acid load are positively associated with bone ultrasound in women older than 75 years of age with a lifetime fracture, J Nutr. 2008 Jul;138(7):1349-54; 2; 5;
Barclay AW, Petocz P, McMillan-Price J, Flood VM, Prvan T, Mitchell P, Brand-Miller JC, Glycemic index, glycemic load, and chronic disease risk–a meta-analysis of observational studies, Am J Clin Nutr. 2008 Mar;87(3):627-37;
Chrousos, G.P., Stress and disorders of the stress systems. Nature Rewiews Endocrinology 5, 374-381 (2009)
Beyer et al. Chronic low-grade inflammation and sarcopenia. Curr Opin Clin Nutr Metab Care 2012, 15: 12-22

(per una bibliografia più completa si rimanda a Bibliografia generale)

Farmaci in FKT

FARMACI ANTI-INFIAMMATORI (FANS)

Terapia farmacologica per malattia artrosica (osteoartrite)

e altre malattie dell’apparato muscolo-scheletrico

Generalità:

Va evidenziato innanzitutto che ogni trattamento farmacologico ha migliore effetto se associato a misure non farmacologiche consigliate dal proprio medico (ad esempio il riposo funzionale dell’articolazione, le terapie fisiche, ecc.).

Non esiste un farmaco anti-infiammatorio di scelta, ma caso per caso si dovrà valutare la risposta, molto individuale, del paziente, ed altri importanti fattori tra cui gli effetti collaterali, le controindicazioni, e non ultimo il costo del farmaco stesso.

Nella terapia pratica non sempre i più recenti farmaci anti-infiammatori sono più efficaci dei farmaci di “consolidata tradizione”, come ad esempio l’aspirina, ma possono essere meglio tollerati o richiedere un minor numero di somministrazioni al giorno.

Principio d’azione:

Lo scopo del trattamento farmacologico con anti-infiammatori è di alleviare il dolore, ridurre l’infiammazione articolare o muscolare, ristabilire la capacità funzionale e ritardare o arrestare i danni conseguenti ad una infiammazione prolungata nel tempo dell’articolazione stessa.

I trattamenti farmacologici nella fase infiammatoria acuta (o subacuta) sono generalmente utili agli scopi predetti, ma sono occasionalmente associati ad effetti nocivi secondari che possono variare da un grado lieve ad uno grave.

Effetti collaterali (in via generale per i FANS):

Gli effetti collaterali che si manifestano con maggior frequenza consistono in:

lesività gastro-intestinale (nausea, diarrea, nei casi più gravi ulcere gastro-intestinali e sanguinamento). Per ridurre tali rischi si consiglia l’assunzione a stomaco pieno.
aumento del rischio cardio-vascolare e trombosi a dosi elevate e trattamenti prolungati(probabilmente tale rischio è maggiore per i farmaci inibitori della cox-2)
potenziamento dell’effetto di alcuni farmaci, quali gli antidiabetici orali, i dicumarolici, gli antiaggreganti piastrinici e il litio; riduzione dell’effetto dei diuretici.
nefrotossicità (tossicità renale)
reazioni di ipersensibilità – allergie (arrossamento cutaneo, orticaria, asma, rinite, cefalea, nervosismo, depressione, vertigini, ecc.)
riduzione dell’aggregazione piastrinica
tossicità epatica per terapie croniche
eruzioni cutanee

La scelta del farmaco:

Il medico sulla base dei dati a sua disposizione, effettuerà una prima scelta che sarà influenzata sia dalla gravità del disturbo che dalla sensibilità del paziente a determinati effetti secondari.

Il primo tentativo farmacologico può essere riservato in realtà a farmaci che offrono solo azione analgesica, ma non anti-infiammatoria (quindi non classificati tra i FANS), come il PARACETAMOLO (farmaco di prima scelta).

Qualora il controllo del dolore non risulti sufficiente con una dose piena di paracetamolo (generalmente 3 gr. / al dì nell’adulto), si può associare un farmaco anti-infiammatorio (FANS) a dose ridotta oppure un’applicazione locale di FANS (crema, gel, cerotto, ecc.)

PARACETAMOLO
CATEGORIA DEL FARMACO: ANALGESICO
Descrizione: analgesico semplice dotato anche di attività anti-piretica (riduzione della febbre) e debole attività anti-infiammatoria. Dovrebbe essere il farmaco di prima scelta per le malattie articolari (es. artrosi), muscolari o tendinee. E’ spesso efficace per il controllo del dolore, con efficacia spesso sovrapponibile agli altri FANS. Al contrario di questi dà ridotti disturbi gastrointestinali.

Modalità di assunzione: orale adulti, 500 – 1000 mg. ogni 4-6 ore, fino ad un massimo di 3-4 gr. al giorno (esiste anche la formulazione rettale).

Più frequenti effetti secondari: raramente rash cutaneo (arrossamento), discrasie ematiche (riduzione piastrinica e di globuli bianchi), il sovradosaggio (dosi di 10 gr. o 150 mg./kg. nell’arco delle 24 ore) può comportare danno epatico (necrosi epatocellulare) o meno frequentemente danno renale.

Nome commerciale: PARACETAMOLO (generico), TACHIPIRINA R, EFFERALGAN R, ecc.

Farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS)

Tali farmaci se somministrati in dose singola hanno un’efficacia quantitativamente simile al paracetamolo.Se somministrati continuativamente a dosi piene hanno azione analgesica (antidolore) e anti-infiammatoria, utilizzati quindi, ad esempio, nell’artrosi grave, nelle lombalgie e nelle malattie dei tessuti molli di maggior gravità.

Le differenze nell’attività-efficacia dei vari FANS sono modeste, anche se la risposta individuale (e la tolleranza) possono risultare assai diverse da persona a persona.

Un completo effetto analgesico si ottiene generalmente dopo 1 settimana di trattamento, mentre possono essere necessarie 3 settimane per un effetto annti-infiammatorio completo (sia pur gravati da maggior incidenza di effetti indesiderati).

L’ IBUPROFENE è considerato il FANS con meno effetti indesiderati, ma con un effetto anti-infiammatorio moderato. Seguono via via altri farmaci come (in via non esaustiva) il NAPROXENE e il DICLOFENAC dotati di discreta efficacia ma con effetti collaterali maggiori rispetto all’Ibuprofene, il KETOPROFENE con efficacia simile all’Ibuprofene ma con effetti indesiderati più rilevanti, il PIROXICAM con efficacia simile al Naproxene ma in monosomministrazione giornaliera pur con maggiori effetti collaterali, i farmaci inibitori della COX-2 (vedi di seguito).

IBUPROFENE CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO Descrizione: farmaco analgesico, anti-infiammatorio, anti-febbrile con azione da lieve a moderata. Modalità di assunzione: orale adulti, inizialmente 1,2 – 1,8 gr. al giorno in 3-4 somministrazioni, e dose di mantenimento di 0,6 – 1,2 gr. al giorno. Più frequenti effetti secondari: vedi effetti collaterali generali Nome commerciale: ARFEN R, BRUFEN R, CIBALGINA R, MOMENT R, ecc.

NAPROXENE CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO Descrizione: analgesico e anti-infiammatorio usato in malattie muscolo-scheletriche e artrite reumatoide. Modalità di assunzione: orale adulti, 250 mg. ogni 6-8 ore Più frequenti effetti secondari: vedi effetti collaterali generali Nome commerciale: ALEVE R, MOMENDOL R, NAPROSYN R, SYNFLEX R, ECC

DICLONENAC CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO Descrizione: analgesico e anti-infiammatorio, nell’artrite reumatoide, e altre malattie muscolo-scheletriche, gotta acuta, dolore post-operatorio. Controindicazioni: pazienti in terapia anticoagulante, frequenti emorragie, asma, insufficienza renale lieve-moderata, disidratazione Più frequenti effetti secondari: vedi effetti collaterali generali Modalità di assunzione: orale adulti, 75-100 mg. al dì in 2-3 somministrazioni (per iniezione intramuscolare profonda al gluteo nel dolore acuto o post-operatorio: 75 mg. 1 volta al dì o 2 volte se molto grave per 1-2 giorni) Nome commerciale: DICLOFENAC (generico), DICLOREUM R, VOLTADVANCE R, VOLTAREN R, ecc. Per uso topico (locale esterno): DICLOREUM SCHIUMA 3 % R, DOLAUT GEL 4 % R, PENNSAID 1,6 % GOCCE R, VOLTAREN EMULGEL 1% R, DICLOREUM tissugel 180 mg. R, FLECTOR cerotti 180 mg. R, ITAMI cerotti 180 mg. R, VOLTADOL cerotti 140 mg. R, ecc.

KETOPROFENE CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO Descrizione: dolore e infiammazione in malattie muscolo-scheletriche, reumatologiche e dopo chirurgia ortopedica, gotta acuta. Modalità di assunzione: orale adulti, 80 mg. 2 volte al dì Più frequenti effetti secondari: vedi effetti collaterali generali Nome commerciale: ARTROSILENE R, OKI R, ORUDIS R, ecc.

TENOXICAM CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO Descrizione: analgesico e anti-infiammatorio in malattie reumatologiche e altre malattie muscolo-scheletriche. Più frequenti effetti secondari: vedi effetti collaterali generali Modalità di assunzione: orale adulti 20 mg. al dì per 7 giorni Nome commerciale: DOLMEN R, REXALGAN R, TILCOTIL R, ecc.

MELOXICAM CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO Descrizione: dolore e infiammazione in malattie reumatologiche, artrosi, spondilite anchilosante. Modalità di assunzione: orale adulti, 7,5 mg. 1 volta al giorno (massimo 15 mg. 1 volta al giorno) Controindicazioni: insufficienza renale cronica, scompenso cardiaco grave Più frequenti effetti secondari: vedi effetti collaterali generali Nome commerciale: MELOXICAM (generico), MOBIC R, ecc.

PIROXICAM CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO Descrizione: dolore e infiammazione in malattie muscolo-scheletriche, reumatologiche, gotta acuta.

Modalità di assunzione: orale adulti, 20 mg. al giorno (in fase acuta 40 mg. al giorno per 1-2 giorni)

Più frequenti effetti secondari: vedi effetti collaterali generali Nome commerciale: PIROXICAM (generico), BREXIN R, CICLADOL R, FELDENE R, ecc.

FANS INIBITORI della COX-2 (ciclo ossigenasi 2)

Hanno efficacia simile a naproxene/ diclofenac ma riescono a ridurre il maggiore effetto collaterale, la gastrolesività, specie per gli eventi gravi come ulcerazioni gastro-intestinali e sanguinamenti. Sembrano esserci maggiori rischi cardio-vascolari.

CELECOXIB CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO INIBITORE COX-2 Descrizione: analgesico e anti-infiammatorio in artrosi, artrite reumatoide, spondilite anchilosante. Modalità di assunzione: orale adulti. 200 mg. 1 volta al dì Dopo 2 settimane senza beneficio valutare altro trattamento. Più frequenti effetti secondari: meteorismo, insonnia, faringite, sinusite. Nome commerciale: CELEBREX R

ETORICOXIB CATEGORIA DEL FARMACO: ANTI-INFIAMMATORIO INIBITORE COX-2 Descrizione: analgesico e anti-infiammatorio in artrosi, artrite reumatoide, gotta acuta. Modalità di assunzione: orale adulti, per artrosi 30-60 mg. al dì, artrite reumatoide 90 mg. al dì, gotta acuta 120 mg. 1 volta al dì Più frequenti effetti secondari: flatulenza, palpitazioni, astenia, ecchimosi. Controindicazioni: nella cardiopatia ischemica, malattie cerebrovascolari, scompenso cardiaco, ipertensione arteriosa mal controllata Nome commerciale: ARCOXIA R, TAUXIB R, ecc.

ACIDO IALURONICO

Generalità:
Nell’artrosi, e soprattutto nelle fasi di ri-acutizzazione infiammatoria, il liquido sinoviale (liquido viscoso presente all’interno dell’articolazione, con una funzione di facilitazione allo scorrimento), presenta una riduzione della sua viscosità, per “degradazione” delle molecole di acido ialuronico, perdendo così un’importante funzione di “lubrificazione” delle superfici articolari.

Principio d’azione:
La somministrazione per via articolare di acido ialuronico determina:

aumento della viscosità articolare (la “lubrificazione” articolare)
stimolo alla produzione – riparazione di nuova superficie cartilaginea (è il rivestimento alterato dell’articolazione)
inibisce l’infiammazione in sede articolare e riduce il versamento articolare
azione analgesica
CATEGORIA DEL FARMACO: CONDROPROTETTORE

Principio farmacologico: ACIDO IALURONICO
Nome commerciale: HYALGAN R, HYALART R
Modalità di assunzione: serie di 5 iniezioni (infiltrazioni intra-a rticolari) a cadenza settimanale eseguite dal proprio medico (ortopedico, fisiatra); l’efficacia persiste per 6-12 mesi.
Più frequenti effetti secondari: occasionalmente dolore e/o edema nella zona dell’iniezione.

CORTISONICI
Generalmente scarso è l’utilizzo dei cortisonici per via orale nelle patologie osteo-articolari degenerative o infiammatorie, specie se a carattere locale, sia per la scarsa efficacia nel sito doloroso, sia per i potenziali gravi effetti collaterali sistemici.
Molto più utilizzati sono invece per via infiltrativa locale.

Lo scopo delle infiltrazioni con cortisonici è quello di ridurre o di eliminare l’infiammazione articolare (o periarticolare, tendinea, ecc.).
I corticosteroidi infatti inibiscono l’edema, la dilatazione capillare, i depositi di fibrina, l’attività fagocitica ecc. , agendo in via quasi esclusiva a livello locale (cioè con ridottissimi effetti sistemici).
A tal scopo vengono utilizzati sospensioni microcristalline che si dissolvono lentamente in situ.

Spesso, unitamente al cortisonico, viene iniettato un anestetico locale (lidocaina, mepivacaina, bupivacaina, ecc.) allo scopo di ridurre il dolore post-infiltrazione.

Tra i farmaci corticosteroidi più utilizzati ricordiamo:
Metilprednisolone (Depomedrol R, ecc.), Triamcinolone (kenacort R ecc.), Betametasone (Bentelan R, ecc.).

Controindicazioni ed effetti collaterali:
– l’infezione articolare è la principale controindicazione all’infiltrazione con cortisonici.
– l’emartro (presenza di sangue in articolazione) rappresenta ugualmente una controindicazione.
– il diabete (per l’effetto di innalzare la glicemia dei farmaci cortisonici)
– l’abuso nell’utilizzo di cortisonici a livello locale può determinare effetti sistemici (inibizione ipotalamo-ipofisaria, inibizione surrenalica, ritenzione sodica, osteopenia, ecc.)
– non è consigliabile la mobilizzazione post-infiltrazione in quanto ciò facilita la fuoriuscita del farmaco dalla cavità articolare e il passaggio a livello sistemico
– un uso non corretto può favorire atrofia cutanea, ipopigmentazione e teleangectasie locali.
– Dopo 2-6 ore dall’infiltrazione può aversi un aumento transitorio del dolore locale (nel 5% dei casi si ha una transitoria artrite da microcristalli) che consiglia l’uso di ghiaccio sulla parte interessata e, se necessario, l’assunzione di farmaci antiinfiammatori.

LE INFILTRAZIONI
Generalità
La terapia infiltrativa articolare e periarticolare ha acquistato sempre più, negli ultimi anni, importanza nel trattamento di malattie osteo-muscolari.
Notevole è il numero di pazienti che si avvalgono di questa metodica e vari sono anche i farmaci utilizzati (con indicazioni e aspettative differenti).

La corretta esecuzione di una infiltrazione richiede una perfetta conoscenza dell’anatomia (osteo-articolare, peri-articolare e dei tessuti molli) associata ad una buona manualità, propria di uno specialista che con frequenza esegue tali metodiche.

Indicazioni
Il trattamento infiltrativo locale è indicato sia nei processi infiammatori acuti (con dolore e limitazione funzionale) specie quando abbia fallito il trattamento farmacologico e/o fisioterapico tradizionale, sia in patologie degenerative delle articolazioni non in fase algica (con l’utilizzo di farmaci condroprotettori).
Le più frequenti patologie d’utilizzo sono dunque:
– artrosi
– artriti (non infettive)
– tendiniti, peritendiniti e tenosinoviti
– borsiti
– fasciti
– fibrositi-fibromialgie
– sindromi radicolari

Farmaci
Inizialmente solo i cortisonici furono utilizzati nelle infiltrazioni articolari. Allo stato attuale anche altri farmaci vengono impiegati per determinate patologie o nei pazienti in cui l’uso dei cortisonici è controindicato. Ricordiamo quindi tra i farmaci utilizzati per infiltrazione:
– cortisonici
– acido ialuronico
– farmaci omotossicologici (omeopatici)

Metodica
La buona riuscita dell’infiltrazione presuppone, oltre alla perfetta conoscenza dell’anatomia articolare, il corretto posizionamento del paziente e la ricerca della miglior tranquillità possibile del paziente, possibile solo dopo una corretta e completa informazione riguardo a ciò che si sta per fare.

Una volta posizionato l’ago all’interno dell’articolazione, prima di iniettare il farmaco, và aspirato il liquido articolare infiammatorio quando presente.

L’articolazione và poi mantenuta a riposo per almeno 24 ore.

Pur non essendoci un preciso schemo posologico (dose e frequenza di somministrazione) che è in realtà dettato dall’esperienza personale, nella maggior parte dei casi si usa un totale di tre infiltrazioni a frequenza settimanale (o maggiore se è un farmaco omeopatico).

Team

Team

team_icon

In una società in cui è disponibile una grande mole di “informazione” (internet, social media, televisione ecc.), le persone si sentono disorientate: spesso in questi ambiti ogni idea o teoria troverà il suo contrario … ogni persona sarà “esperta”, ogni notizia dovrà creare clamore.
Noi pensiamo che, per tutelare il paziente, sia necessario mettere a disposizione le “fonti”, qualifiche, referenze e, specie in medicina, gli studi scientifici pubblicati su riviste internazionali (indicizzate).

In questo sito il responsabile di redazione, oltre alle proprie idee, riporterà e coordinerà idee, ricerche e studi altrui, badando per quanto possibile ai riferimenti bibliografici.
Ancora, metterà la propria esperienza fisiatrica, e quella di altri colleghi in ambito riabilitativo, in rapporto con la visione di altre discipline mediche: è questa la forza della medicina più innovativa e più aggiornata!
L’approccio interdisciplinare, cioè l’interagire di saperi di più branche mediche, neuroscienze, immunologia, metabolismo, nutrizione clinica, hanno permesso alla riabilitazione di trarre grandi benefici.

Ciò che trovate scritto in queste pagine risente degli studi ed esperienza clinica di endocrinologi, internisti, neurologi, immunologi, gerontologi, psicologi, bio-ingegneri … di fama internazionale provenienti dalle maggiori università, che personalmente, negli ultimi anni, più volte ho avuto modo di vedere e con i quali ho potuto confrontare e talvolta modificare i miei precedenti convincimenti formativi. Tra questi ricordo:

Prof. Eric Ravussin Univ. Luisiana – USA, nutrizione-obesità- attività fisica
Prof. Rainer H. Straub Univ. Ratisbona – Germany, sistema psico-neuro- endocrino-immune
Prof. G.P. Chrousos Univ. Atene e Mariland – USA, stress-alimentazione- infiammazione
Prof. E. Mayer Univ. California – USA, enterologo-neuroscienze- mal. immuno-infiammatorie
Prof. J. F. Thayer Univ. Ohio – USA, psicologia-invecchiamento- memoria-HRV
Prof. B.Clark Univ. Ohio – USA, performance fisico-muscolare in anziani e mal. ortopediche
Prof. R. Gradini Univ. Sapienza Roma – I, psico-neuro- immunologia, patologia generale
Prof. N.Botta Univ. Napoli – I, psicologia clinica-psicoterapeuta
Prof. A.D. De Grey Univ. Cambridge – UK, bio-gerontologo al dipartimento di genetica
Bio-Ing. D.Boschiero – I, dir. ricerca progetto MUS-infiammazione cronica-nutrizione clinica

In ambito riabilitativo, rivolto agli apparati osteo-muscolare e di movimento, ci si avvarrà inoltre della conoscenza ed esperienza di fisiatri e fisioterapisti:
Dott. Paolo Bortolotto Medico Chirurgo, specialista Fisiatra, responsabile di Fkt.it (vedi curriculum)

IMG_3898 (2)

Dott.  Michele Sarto, Fisioterapista, Master in Osteopatia nelle disfunzioni neuro-muscolo-scheletriche (vedi curriculum)

1157637_10201050783966446_253527204_n

Altri specialisti hanno iniziato la loro collaborazione con il nostro sito, e presto verrano ad aggiungersi in modo “istituzionale” in queste pagine.

Alimentazione anti infiammatoria

Alimentazione anti infiammatoria

Numerosi stressors (agenti stressanti cronici) quali quelli
psichici, emotivi e socio-relazionali
fisici, ad esempio sedentarietà o sovraccarico lavorativo-sportivo, ecc.
metabolici, tra questi rilevante è una scorretta alimentazione, ma anche uno stile di vita dannoso, eccesso di farmaci, ecc.

sono in grado di determinare alterazioni nell’intero organismo (neurologiche-immunologiche-endocrine e metaboliche) con il coinvolgimento di vari apparati: cardio-circolatorio, osteo-articolare, neurologico, digestivo, ecc.
Tale quadro di alterata funzionalità organica è denominato
Infiammazione sistemica cronica di basso grado (ISC).

Tra le molteplici alterazioni conseguenti ad uno stato di stress cronico, possiamo citare:

importanti cambiamenti della composizione corporea, ad es. riduzione dell’acqua corporea totale, riduzione di alcuni ioni, come K, Mg, Ca, aumento di Na, ecc.

alterazioni metabolico-ormonali per attivazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrenalico: ad esempio aumento dell’ormone cortisolo, aumento di adrenalina e noradrenalina per stimolazione del sistema nervoso simpatico, riduzione degli ormoni tiroidei, del testosterone, dell’ ormone GH (della crescita), ecc.
con conseguenze quali l’insulino-resistenza, l’aumento della pressione arteriosa, malattie cardio-vascolari, diabete, …

riduzione della massa muscolare

riduzione delle riserve energetiche dell’organismo (glicogeno muscolare)

aumento del tessuto adiposo, specie del grasso addominale (il più pericoloso)

produzione di fattori pro-infiammatori (interlochine: IL 2, IL6, TNFalfa, …)

riduzione delle difese immunitarie

Al perdurare dello stress cronico, a cascata e in tempi variabili e progressivi, esiste la concreta possibilità di insorgenza di:

MUS (medically unexplained simptoms) ovvero una serie di sintomi aspecifici, detti anche “funzionali”, non ancora legati a malattie organiche, ma successivamente anche di vere e proprie
Malattie organiche croniche, come quelle cardio-vascolari, ictus, diabete, malattie auto-immuni (ad es. l’artrite reumatioide), malattie tumorali, invecchiamento precoce.

Principi per un corretta alimentazione
anti-infiammatoria e anti-age

Immaginiamo come possiate essere confusi in fatto di “dieta” quando quasi giornalmente, su riviste e altri media, appaiono diete presentate da “esperti” (?!) e basate su le più varie teorie (ma anche nessuna). Alcune veramente bizzarre, altre solo apparentemente accreditate scientificamente, ma raramente suffragate da valide ricerche scientifiche e studi con casistiche numericamente significative.
Si tratta non raramente di diete squilibrate (dannose) il cui scopo è per lo più la perdita di peso.
In realtà una dieta dovrebbe avere per scopo principale la salute dell’organismo, e solo in caso di obesità o sovrappeso, i due obiettivi (salute e perdita di peso) coincideranno, sempre e solo nel rispetto del primo.

I principi di alimentazione di seguito esposti sono basati su una ricerca scientifica di base multidisciplinare e su studi di relazione o interdipendenza tra composizione corporea e presenza di sintomatologie e/o malattie croniche (vedi bibliografia a fine pagina).

Gli elementi nutrizionali- chiave sono:

1) contenimento / redistribuzione del carico glicemico (zuccheri, carboidrati raffinati) determinato in base alla quantità e qualità di carboidrati presente negli alimenti: in sostanza pane, pasta, dolci e loro derivati, specie se non integrali. Da limitare in particolare al pomeriggio e sera in quanto mantengono alti i livelli di glucosio e insulina notturna favorendo l’insorgenza di diabete di tipo 2 e sindrome metabolica (ipertensione, malattie cardio-vascolari e cerebro-vascolari).
2) riduzione del carico acido renale potenziale (PRAL) ossia dell’acidità dovuta agli alimenti .
Tale acidità apportata viene corretta (tamponata) dal nostro organismo “rubando” ioni calcio, potassio, fosfati … da osso e muscolo che si indeboliranno (osteoporosi e ridotta muscolatura).
3) corretta distribuzione della quantità / qualità dei cibi nell’arco della giornata, in base ai fisiologici cicli giornalieri metabolico – ormonali dell’organismo (gli orari stabiliti dal nostro orologio biologico).
E’ buona norma fare un’abbondante colazione, un pranzo discreto, una cena limitata .

Si tratta di un’alimentazione che potremo definire anti-infiammatoria e cicardiana:

Schema alimentare base

rappresenta uno schema nutrizionale utilizzabile da una persona senza malattie (o senza una valutazione di eventuali carenze o necessità).

Colazione (6.30 – 8.30)

– pane o fette biscottate o biscotti o cereali (apporto di carboidrati complessi)
– frutta di stagione (o saltuariamente un dolce)
– caffè, latte o the (zuccherati)

Merenda (10.00 – 10.30)

– un frutto di stagione

Pranzo (12.30 – 13.30)

– pasta o pane o patate o legumi (una sola fonte di carboidrati ad alto indice glicemico)
– verdure cotte o crude condite a piacere (tranne patate o legumi)

Merenda (16.00 – 17.00)

– un frutto di stagione o un gelato alla frutta

Cena (19.00 – 20.30)

– verdure cotte o crude (non patate o legumi)
– carne o pesce o uova (a rotazione)

Importante

– quantità di acqua mediamente 1-2 litri al giorno. (una più precisa quantificazione è possibile con test BIA-ACC).
limitare a 1-2 volte alle settimana i formaggi (specie se stagionati) e ridurre al minimo o ad un uso occasionale gli insaccati (prosciutto, salame, ecc.)
limitare il più possibile le bevande analcoliche / alcoliche
– per ottenere il miglior risultato è opportuno rispettare gli orari indicati.

Una precisa ed “efficace” alimentazione potrà essere invece elaborata solo sulla base di dati personalizzati, non solo quelli antropometrici (peso, altezza), ma anche idratazione corporea, ionemia (sodio e potassio …), stato osseo (calcio, magnesio, fosfati, densità ossea), metabolico (glicogeno di deposito, matrice …), stato muscolare (massa, densità muscolare, eventuali infiltrazioni di grasso), tessuto adiposo globale, sottocutaneo e addominale, capacità aerobica (VO2 max…). Tali dati sono ricavabili da test specifici come il BIA-ACC (bioimpedenziometria clinica multifattoriale), da valutare unitamente a tests di funzionalità ed equilibrio del sistema nervoso autonomo (simpatico e parasimpatico), la variabilità della frequenza cardiaca e altre informazioni correlate a stress, infiammazione cronica e indici generali di salute, ottenibili tra l’altro dal test PPG (pletismografia digitale).

La riabilitazione di una persona soggetta a stress cronico (metabolico, fisico o psico-emotivo) e tendenzialmente in “avvicinamento” ad uno stato di infiammazione sistemica cronica low grade, con sintomatologia funzionale, o già in presenza di malattia cronica, si attua oltre che a livello nutrizionale anche con azione:
nutraceutica ovvero di integrazione all’alimentazione
attività fisica: spesso è necessario un aumento della massa muscolare e dell’efficienza aerobica per ottenere importanti risultati sui disturbi aspecifici di vari apparati (MUS) e su un’azione di prevenzione o involuzione delle patologie croniche, compresi i disturbi articolari
riduzione degli stress psico-emotivi (tecniche antistress, di respirazione, ecc.)
life style (gestione dello stile di vita): si tratta di adottare vari comportamenti, oltre al controllo dello stress emotivo, la cura della propria persona (abitudini di vita in generale, sessualità, fumo, igiene orale, ecc.), e prevenzione sanitaria (check-up periodici, densitometria ossea, ecc.).

Bibliografia
– Barclay AW, Petocz P, McMillan-Price J, Flood VM, Prvan T, Mitchell P, Brand-Miller JC, Glycemic index, glycemic load, and chronic disease risk–a meta-analysis of observational studies, Am J Clin Nutr. 2008 Mar;87(3):627-37;
– Larsson SC, Bergkvist L, Wolk A, Glycemic load, glycemic index and breast cancer risk in a prospective cohort of Swedish women, Int J Cancer. 2009 Feb 3
– Sulli A, Montecucco CM, Caporali R, Cavagna L, Montagna P, Capellino S, Fazzuoli L, Seriolo B, Alessandro C, Secchi ME, Cutolo M, Glucocorticoid effects on adrenal steroids and cytokine responsiveness in polymyalgia rheumatica and elderly onset rheumatoid arthritis, Ann N Y Acad Sci. 2006 Jun;1069:307-14;
– Riccardi G, Rivellese AA, Giacco R, Role of glycemic index and glycemic load in the healthy state, in prediabetes, and in diabetes, Am J Clin Nutr. 2008 Jan;87(1):269S-274S
– Hare-Bruun H, Flint A, Heitmann BL, Glycemic index and glycemic load in relation to changes in body weight, body fat distribution, and body composition in adult Danes, Am J Clin Nutr. 2006 Oct;84(4):871-9; quiz 952-3;
– Cutolo M, Villaggio B, Otsa K, Aakre O, Sulli A, Seriolo B, Altered circadian rhythms in rheumatoid arthritis patients play a role in the disease’s symptoms, Autoimmun Rev. 2005 Nov, 4(8):497-502;
– Chan O, Inouye K, Riddell MC, Vranic M, Matthews SG, Diabetes and the hypothalamo-pituitary- adrenal (HPA) axis, Minerva Endocrinol, 2003 Jun;28(2):87-102;
– Leal VO, Delgado AG, Leite M Jr, Mitch WE, Mafra D, Influence of renal function and diet on acid-base status in chronic kidney disease patients, J Ren Nutr. 2009 Mar;19(2):178-82;
– Wynn E, Lanham-New SA, Krieg MA, Whittamore DR, Burckhardt P, Low estimates of dietary acid load are positively associated with bone ultrasound in women older than 75 years of age with a lifetime fracture, J Nutr. 2008 Jul;138(7):1349-54;
– Gannon RH, Millward DJ, Brown JE, Macdonald HM, Lovell DP, Frassetto LA, Remer T, Lanham-New SA, Estimates of daily net endogenous acid production in the elderly UK population: analysis of the National Diet and Nutrition Survey (NDNS) of British adults aged 65 years and over, Br J Nutr. 2008 Sep;100(3):615-23. Epub 2008 Apr 8;
Murakami K, Sasaki S, Takahashi Y, Uenishi K; Japan Dietetic Students’ Study for Nutrition and Biomarkers Group, Association between dietary acid-base load and cardiometabolic risk factors in young Japanese women, Br J Nutr. 2008 Sep;100(3):642-51. Epub 2008 Feb 18;
– Welch AA, Mulligan A, Bingham SA, Khaw KT, Urine pH is an indicator of dietary acid-base load, fruit and vegetables and meat intakes: results from the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC)-Norfolk population study, Br J Nutr. 2008 Jun;99(6):1335-43. Epub 2007 Nov 28;
– Macdonald HM, New SA, Fraser WD, Campbell MK, Reid DM, Low dietary potassium intakes and high dietary estimates of net endogenous acid production are associated with low bone mineral density in premenopausal women and increased markers of bone resorption in postmenopausal women, Am J Clin Nutr. 2005 Apr;81(4):923-33;

Tunnel carpale

SINDROME DEL TUNNEL CARPALE

E’ una sindrome da “intrappolamento” per compressione del nervo mediano entro il canale del carpo, ovvero una compressione in una sede anatomica ristretta (un’incavatura a livello della parte ventrale del polso).
Dentro questo canale passano anche strutture tendinee e vascolari.
E’ una malattia di frequente riscontro negli ambulatori specialistici, seppure è diagnosticata, al contrario, piuttosto raramente nella pratica medica generale.
– la causa è spesso sconosciuta anche se è frequentemente associata ad una tenosinovite aspecifica
– con una certa frequenza si associa a malattie metaboliche (diabete, gotta, ecc.)
– è nettamente più frequente nel sesso femminile, accentuandosi nella fase premestruale o comparendo in gravidanza.

Sintomi:
– parestesie (descritte in vario modo dal paziente come formicolio, bruciore, dolore vero e proprio, “braccio che si addormenta”, “sangue che non circola”, ecc.)
– interessamento della mano, in particolare le prime tre dita (ma talvolta il disturbo risale all’avambraccio o al braccio).
– la sintomatologia compare tipicamente alla seconda metà della notte (probabilmente per la maggiore imbibizione notturna dei tessuti e il rallentamento del ritorno venoso); in fase avanzata può essere presente anche di giorno
– quando l’interessamento del nervo mediano è maggiore può coesistere ipoestesia tattile (minor sensibilità del tatto), o sofferenza muscolare (riduzione della forza di presa e dell’uso della mano, specie nella manipolazione di piccoli oggetti)

Diagnosi:
– criteri clinici: spesso sono sufficienti alcune manovre attuate dal medico (come il test di Tinel e la manovra di Phalen) per riprodurre la sintomatologia spontanea
– esame elettromiografico (EMG: valuta un eventuale rallentamento della velocità di conduzione del nervo mediano e/o una sofferenza dei muscoli da esso innervati)

Terapia:
– fkt: nelle fasi iniziali e se attuata correttamente la laserterapia può essere molto utile
– terapia infiltrativa locale con cortisonici (da valutare attentamente, specie se ripetuta, per la possibilità di indurre alterazioni locali che complicherebbero un eventuale intervento chirurgico)
– terapia chirurgica (di “pulizia”delle guaine tendineee e di asportazione del tessuto infiammatorio che comprime il nervo mediano), riservata alle forme più gravi, persistenti e con evidenza di sofferenza muscolare.

Spalla A

TENDINITE E BORSITE

Sono probabilmente i disordini più frequenti della spalla che si presentano all’ambulatorio medico.
La causa è attribuibile, nella maggior parte dei casi, ad un uso eccessivo o ad un non corretto equilibrio dei muscoli che permettono i movimenti della spalla. Ciò determina l’infiammazione e il rigonfiamento della borsa (sacco a contenuto fluido che diminuisce l’attrito causato dal movimento della spalla) e/o di uno dei tendini della spalla stessa. Con maggior frequenza è interessato il tendine del muscolo sovraspinato.

Sintomi:
– dolore al movimento del braccio (talvolta con limitazione nei gesti della vita quotidiana, ad esempio pettinarsi, raggiungere la tasca posteriore dei pantaloni, allacciarsi il reggiseno, ecc.)
– spesso molto dolente di notte, ma anche di giorno (con un dolore descritto come sordo o angustiante)
– frequente l’irradiazione distale del dolore (è avvertito con la massima intensità nella parte esterna del braccio, a metà tra spalla e gomito)

Diagnosi:
– può essere sufficiente la valutazione del movimento del braccio, che risulta limitato e dolente in alcune delle direzioni cui è normalmente concesso
– Rx per evidenziare eventuali calcificazioni della cuffia dei rotatori (insieme dei muscoli che contribuiscono al movimento della spalla, ad esempio il sovraspinoso, il sottospinoso ecc.)

Terapia naturale:

– palestra: in fase acuta esercizi pendolari; in fase subacuta-cronica altri esercizi fisici (vedi palestra spalla)                                          – crioterapia (solo in fase acuta): applicazione di ghiaccio più volte al giorno (per una durata di circa 15’ ciascuna)

– taping elastico neuro-muscolare

– astensione dalle attività più gravose per la spalla o in rari casi ortesi di scarico del braccio per breve periodo

– infiltrazioni articolari / microinfiltrzioni sui trigger points o punti di agopuntura con farmaci omeopatici o omotossicologici
farmaci omeopatici e/o omotossicologici
– agopuntura / neuroriflessoterapia

–  esercizi posturali e/o di recupero del range articolare

– alimentazione anti-infiammatoria (personalizzata sulla base di tests strumentali non invasivi)

– riduzione degli stress cronici (fisici, metabolici, psico-emotivi) e delle alterazione del sistema nervoso autonomo (simpatico-parasimpatico) per contrastare un’eventuale infiammazione sistemica cronica di basso grado

La mancata correzione posturale, dei fattori alimentari, dell’esercizio fisico, e del controllo dello stress, pur in presenza di un miglioramento della sintomatologia, è spesso solo transitoria, e con buona probabilità i disturbi si ripresenteranno, così come potrà peggiorare lo stato generale di salute.

Terapia:

farmaci analgesici-antiinfiammatori (assunti per bocca o ad assorbimento locale, ad esempio cerotti, gel, ecc.): l’effetto è spesso limitato al solo periodo di assunzione del farmaco. Coesistono importanti effetti collaterali, specie per un uso cronico, in presenza di disturbi gastroenterici o cardiovascolari.
– infiltrazione di cortisonici: azione spesso transitoria; causano ulteriore deterioramento delle strutture ligamentose
– Fkt / terapia fisica (fase acuta): può risultare utile l’uso di laser, ultrasuoni, o altre energie fisiche;

importante la rieducazione funzionale (ginnastica assistita tesa al riequilibrio muscolare della cuffia dei rotatori)

LACERAZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI

(rottura totale o parziale della cuffia dei rotatori)
Con il termine di “cuffia dei rotatori” si intende l’insieme di muscoli che contribuiscono al movimento della spalla e che di questa fanno parte (ad esempio il sovraspinoso, il sottospinoso ecc.)

Può avvenire in seguito ad un trauma improvviso o per degenerazione (specie nell’anziano)

Sintomi:
– da un dolore severo comparso improvvisamente (talvolta con uno schiocco avvertito alla spalla)
– ad una progressiva debolezza e dolore al movimento (spesso nell’elevazione o nella rotazione esterna del braccio)
– talvolta quasi completa incapacità ad alzare il braccio (e principali movimenti)

Diagnosi:
– Rx
– Ecografia dei tessuti molli
– Risonanza magnetica nucleare

Terapia:
– riposo (ed eventuale ortesi di immobilizzazione della spalla-braccio)
farmaci analgesici-antiinfiammatori
– infiltrazione di cortisonici
– Fkt: laserterapia, correnti diadinamiche o interferenziali (specie in fase acuta o subacuta), rieducazione funzionale assistita
– Chirurgia riparativa se la lacerazione è importante o esistano particolari esigenze (attività sportiva, ecc.)

CAPSULITE ADESIVA (spalla congelata)

E’ una spalla cronicamente rigida e dolorosa, alla cui genesi non è solitamente riferito alcun trauma significativo. La causa è spesso una immobilizzazione prolungata: ad esempio un progressivo sempre più scarso utilizzo della spalla in quanto ciò provoca dolore (vedi altre lesioni della spalla), o per un uso prolungato di un’ortesi di immobilizzazione, ecc.

Sintomi:
– limitazione del movimento della spalla in una o più direzioni (fino al blocco quasi completo)
– dolore ai gradi estremi del movimento ancora concesso

Terapia:
– Fkt: estesa ed aggressiva
Farmaci analgesici-antiinfiammatori

LESIONE ACROMIO CLAVICOLARE

E’ solitamente dovuta ad una caduta o ad un urto diretto sulla punta della spalla.

1° grado (distorsione).
La rottura della capsula articolare è solo parziale e non c’è deformità del profilo della spalla.
Trattamento: ghiaccio, farmaci analgesici-antiinfiammatori e una breve immobilizzazione:

2° grado (sublussazione).
L’estremità distale della clavicola può sporgere lievemente verso l’alto.
Una radiografia sotto sforzo può dimostrare un ampliamento del normale spazio articolare.
Trattamento: ghiaccio, farmaci analgesici-antiinfiammatori ed un più lungo periodo di immobilizzazione (2-4 settimane).

3° grado (lussazione).
La rottura dei legamenti acromio-clavicolari e coraco-clavicolari è completa.
Il dolore è più intenso e compare già all’iniziale tentativo di abduzione della spalla (elevazione del braccio verso l’esterno)). La clavicola è sporgente rispetto alla controlaterale. La diagnosi è confermabile con Rx.

Trattamento: è solitamente conservativo mediante immobilizzazione. Con una certa frequenza può permanere una deformazione (sporgenza) del profilo della clavicola, pur riacquistando una normale funzionalità. Il trattamento chirurgico si rende necessario solo in un limitato numero di casi (atleta, lavoratore pesante, ecc.).

LUSSAZIONE DI SPALLA (gleno-omerale)

Sono solitamente lussazioni anteriori (95%), dovute ad un movimento di abduzione e rotazione esterna: ad esempio caduta sulla mano o sul gomito.

Sintomi :
Il dolore è molto intenso ed il paziente solitamente tiene il braccio fermo contro il corpo. Il profilo della spalla appare appiattito lateralmente e sporgente in avanti.

Trattamento:
è richiesta la riduzione d’urgenza in un pronto soccorso ortopedico, previo accertamento di eventuali fratture (con Rx) o lesioni nervose (con l’esame del medico). Segue l’immobilizzazione del braccio (fasciatura alla Desault o ortesi di immobilizzazione) per circa 20 giorni.
Utile per un completo ed armonico recupero articolare e muscolare una rieducazione funzionale assistita.

Tra le più frequenti complicanze tardive (specie in caso di non corretto trattamento) ci sono le recidive della lussazione stessa che possono avvenire per traumi modesti o per sollecitazioni anche irrilevanti (ad esempio il nuoto): in tal caso sarà necessaria una stabilizzazione chirurgica (per via artroscopica o a cielo aperto a seconda dei casi).

SINDROME DELLO SCALENO ANTERIORE

Consiste nella compressione e/o trazione di un fascio vascolo-nervoso (arteria succlavia e plesso nervoso brachiale) da parte del muscolo scaleno anteriore, alla base del collo (tra 3°-6° vertebra cervicale e 1° costa).
La causa della compressione può risiedere in uno spasmo di tale muscolo (ad esempio per sforzi eccessivi o prolungati, o, specie nell’anziano, per una irritazione di una radice nervosa da parte di processi degenerativi artrosici cervicali). Talvolta è presente una costa cervicale anomala.

Sintomi:
– sensazioni di formicolio e riduzione di forza del braccio e della mano
– dolore al braccio e alla mano, profondo e mal localizzato, accentuato al risveglio o dopo il mantenimento prolungato di una posizione seduta (ad esempio per lavori di cucito)

Diagnosi:
è essenzialmente basata sull’esame fisico del soggetto, cercando di riprodurre attraverso particolari posizioni e movimenti la sintomatologia riferita. Generalmente non sono presenti segni obbiettivi di riferimento (ipotrofie muscolari, assenza di riflessi, ecc.).

Terapia:
– Fkt: rieducazione funzionale e posturale (aumentare la flessibilità del collo, ridurre la curva lordotica cervicale), trazioni cervicali.
Farmaci miorilassanti

Palestra per l’osteoporosi

Palestra per l’OSTEOPOROSI

L’esercizio fisico appropriato, specie se in associazione ad una buona gestione personale della malattia (attuazione delle norme generali di prevenzione, corretta alimentazione, norme igieniche, nozioni ergonomiche, educazione posturale, ecc.), si è dimostrato infatti un valido aiuto nell’incremento della massa ossea.
Sulla base della nostra esperienza di fisiatri, accumulata sia in palestra, accanto al paziente, che attraverso lo studio della letteratura scientifica “dedicata”, abbiamo definito dei programmi preventivi e riabilitativi che, seppur qui standardizzati, riteniamo possano aiutarvi in questo scopo.

Presentate il programma di esercizi al vostro medico, in particolare quando la malattia è già in atto, e chiedete consiglio sugli stessi, in quanto solo una conoscenza personale del vostro stato di salute e di eventuali controindicazioni, attraverso una visita medica, possono permettere una precisa prescrizione: una valutazione fisiatrica sarà inoltre mirata ad accertare l’eventuale necessità di individualizzare i carichi di lavoro e le difficoltà esecutive dell’esercizio o della necessità di una fase di riabilitazione specifica precedente l’ingresso al protocollo di esercizi.

In termini generali noi consigliamo l’ingresso ad uno dei due programmi di esercizi dopo l’esecuzione di una visita medica specialistica e valutazione con bio-impedenziometria clinica BIA-ACC dei parametri fisiologici e delle variazioni della composizione corporea (informazioni sullo stato minerale osseo, tamponi ossei, acidità corporea extracellulare …).

PROGRAMMA 1
programma preventivo: indicato dopo valutazione medica ed esame BIA-ACC e PPG

o in alternativa quando alla MOC risulta un T-score > -2
(la malattia non è ancora presente, ma ci sono fattori di rischio)
– esercizi per la schiena
– esercizi per gli arti superiori
– esercizi per gli arti inferiori

PROGRAMMA 2
programma riabilitativo: indicato dopo valutazione medica ed esame BIA-ACC e PPG o eventuali altri esami

o in alternativa quando alla MOC risulta un T-score < -2

(la malattia è già presente; lo scopo è di rallentare la perdita ossea e di prevenire le fratture)

– esercizi per la schiena
– esercizi per gli arti superiori
– esercizi per gli arti inferiori

Modalità di esecuzione degli esercizi

L’attività motoria produce risultati positivi sullo scheletro osseo solo se viene svolta nel corso di un periodo di tempo sufficientemente lungo. E’ importante quindi che il paziente si applichi al programma terapeutico con costanza e continuità.
Per effettuare questi esercizi (in particolare per il programma 2) non occorre che il paziente si distenda sul pavimento, con i conseguenti problemi di equilibrio ogni volta che si alza e si sdraia, ma può essere sufficiente come piano d’appoggio un letto con materasso e rete duri.
Sono consigliate (salvo diverse indicazioni del proprio medico) tre sedute settimanali di 40-50′ circa o alternativamente una seduta quotidiana di circa 20 minuti.
Saranno necessari cicli semestrali, ripetibili od eventualmente intercalati da un’attività fisica più blanda, da valutare sulla base di eventuali successivi controlli densitometrici.
Può essere scelto il momento della giornata preferito dal paziente (escludendo le ore post-prandiali), e possibilmente un ambiente tranquillo e silenzioso, rendendo questo momento della vita quotidiana un’occasione di rilassamento e distensione.
Questo programma motorio non dovrà assolutamente essere visto come una costrizione e un dovere, ma come un appuntamento piacevole della giornata.
E’ importante eseguire gli esercizi lentamente in modo che i muscoli coinvolti vengano impegnati per più tempo, aumentando così le richieste aerobiche e incrementando l’afflusso ematico.
In linea generale il soggetto osteoporotico deve sempre evitare i movimenti rapidi e forzati, a causa dei quali un segmento scheletrico impoverito del proprio contenuto osseo, potrebbe subire dei danni.

Chi siamo

Chi siamo

Un team dedicato alla salute

09267430125069.5615625a88d81

NON lavoriamo il legno, né creiamo sculture,
ma cerchiamo comunque di ricavare il meglio da ogni uomo.

 

Siamo un team di medici, fisiatri, fisioterapisti ed altri specialisti della riabilitazione e del benessere che condividono gli stessi principi nella prevenzione, cura e visione generale della medicina:
crediamo nell’importanza dell’educazione e informazione sanitaria (attuata attraverso questo sito e direttamente in ambulatorio) per rendere accessibile a tutti la medicina più aggiornata, la medicina delle evidenze (Evidence Based Medicine) e la diffusione dei valori dell’etica in medicina.

La nostra attenzione è rivolta principalmente agli apparati osteo-articolari e di movimento, ma strettamente legati a questi sono i disturbi metabolici, nutrizionali, psico-emotivi e più genericamente i disturbi funzionali legati ad uno stile di vita scorretto.

 

DOTT. PAOLO BORTOLOTTO medico fisiatra, responsabile di redazione del sito fkt.it (curriculum)
Alta Formazione in Neuro-immuno-modulazione, Metabolismo, Nutrizione Clinica, Riabilitazione

se vuoi conoscere meglio la mia attività e cosa ispira il mio lavoro clicca su questi links:
team, mission, phylosophy, nature & technology.

IMG_3898 (2)
il mio lavoro in ambulatorio è in collaborazione con il:

 

DOTT. MICHELE SARTO fisioterapista, osteopata

1157637_10201050783966446_253527204_n

Altri specialisti hanno iniziato la loro collaborazione con il nostro sito, e presto verrano ad aggiungersi in modo “istituzionale” in queste pagine.

SE DESIDERI CONTATTARCI

Coxartrosi

Coxoartrosi

Generalità
E’ una delle più frequenti cause di dolore dell’anca.
La malattia determina:
– inizialmente un assottigliamento “per consumo” della cartilagine articolare (è il rivestimento delle superfici articolari che ha la funzione di facilitare lo scorrimento delle superfici stesse tra loro).
– formazione di osteofiti (becchi ossei) al margine dell’articolazione
– deformazione dell’articolazione nel suo insieme
– quando la cartilagine è completamente usurata le due superfici articolari si trovano direttamente a contatto tra loro, rendendo molto doloroso il movimento.

Cause
– familiarità: c’è maggior probabilità di sviluppare la malattia se ci sono altri membri della famiglia che hanno sofferto della malattia.
– obesità
– età avanzata
– sovraccarico prolungato dell’articolazione (attività lavorativa pesante)

Sintomi
– inizialmente può essere avvertita solo rigidità all’inguine, alla coscia e alla natica ai primi movimenti del mattino.
– in una fase successiva il dolore è spesso avvertito secondo un andamento a 3 fasi: è evidente al mattino al risveglio, diminuisce gradualmente durante la giornata e ricompare verso sera o in caso di impegno eccessivo dell’articolazione. Il riposo, in questa fase, farà diminuire il dolore quando è presente.
– la malattia può diminuire gradualmente la mobilità dell’anca (in rotazione, flessione ed estensione).
– il dolore e la diminuita attività fisica saranno causa di indebolimento della muscolatura dell’anca (ipotono-ipotrofia), in particolare dei muscoli glutei.

Diagnosi
– la descrizione dei sintomi e la modalità di insorgenza del dolore possono aiutare il vostro medico nella diagnosi.
– la limitazione di alcuni movimenti dell’anca provati dal vostro medico (come la rotazione interna e la flessione-rotazione esterna) saranno spesso indicativi.
– Rx per valutare l’eventuale diminuzione (e la sua entità) dello spazio articolare, la presenza di osteofiti o altre anomalie dell’articolazione.

Trattamento
– riposo (nelle fasi di riacutizzazione)
farmaci analgesici-antiinfimmatori
– riduzione del peso corporeo (nelle persone sovrappeso)
– fkt: rieducazione funzionale (esercizi specifici sia passivi che attivi) ed eventuale terapia fisica nelle fasi di riacutizzazione (laser Nd-Yag; laser IR di potenza; correnti analgesiche-antiinfiammatorie)
Nelle fasi avanzate della malattia:
– può essere necessario l’utilizzo di un bastone per agevolare la deambulazione.
– la chirurgia protesica (artroprotesi d’anca) quando il dolore e la mancata funzione non sono altrimenti eliminabili.

Artriti infiammatorie dell’anca

Generalità
vengono comprese in questo gruppo quelle forme di infiammazione articolare facenti parte di una malattia sistemica (non è considerata in questo gruppo invece la fase infiammatoria acuta di una malattia artrosica dell’anca).
Le più frequenti artriti infiammatorie dell’anca sono:
– l’artrite reumatoide: è una malattia sistemica (che interessa più organi) del sistema immunitario. Sono colpiti solitamente entrambi i lati: anca destra e sinistra, mano destra e sinistra ecc.
– la spondilite anchilosante: è una malattia cronica che interessa con maggior frequenza l’articolazione sacro-iliaca (tra osso sacro e osso pelvico), la colonna vertebrale dorsale e lombare e le articolazioni coxo-femorali (articolazioni dell’anca).
– il l.e.s. (lupus eritematoso sistemico): è una malattia auto-immunitaria sistemica (dovuta al mancato riconoscimento e conseguente aggressione delle proprie cellule) con interessamento di numerosi organi e tessuti.

Sintomi
– dolore localizzato all’inguine e coscia, soprattutto ai primi movimenti del mattino o dopo un’attività più impegnativa.
– rigidità articolare e, nei casi acuti, limitazione funzionale.

Diagnosi
– il vostro medico accerterà quali sono i movimenti limitati o dolenti, se c’è dolore in entrambe le anche o meno, se sono contemporaneamente interessate altre articolazioni.
– Rx per valutare lo stato dell’articolazione (riduzione dello spazio articolare, segni di degenerazione dell’articolazione ecc.)
– esami reumatologici ematici (prelievo di sangue): emocromo, ves, pcr, Waaler-Rose, rheuma-test, ecc.

Terapia
– i farmaci cortisonici sono dei forti antiinfiammatori spesso utilizzati come terapia “di fondo” per modificare l’evoluzione della malattia.
– anche altri farmaci possono rallentare l’evoluzione della malattia (come il metotrexate o la sulfasalazina) prescritti e monitorati nel tempo dal medico specialista (reumatologo).
– la fkt può essere necessaria per mantenere un buon tono muscolare e un “range” di movimento più ampio possibile: la rieducazione funzionale, per questo scopo, è solitamente effettuata lontano dalle fasi di riacutizzazione della malattia.
– la chirurgia ortopedica è utilizzata nelle fasi più avanzate della malattia, quando il dolore e l’inabilità non sono più controllate con la terapia medica e fisioterapica.

Osteonecrosi dell’anca

Generalità
E’ una malattia invalidante che si manifesta spesso, inizialmente, in modo subdolo.
E’ dovuta ad un’ostruzione, locale, dei vasi sanguigni che riducono gradualmente la nutrizione alla testa femorale (parte sferica superiore del femore che si articola con l’osso del bacino).
Senza vascolarizzazione la testa del femore và incontro a necrosi (morte), si frammenta e cede sotto la pressione del peso corporeo.
Conseguentemente anche la cartilagine soprastante degenera. L’incongruenza articolare che ne deriva, porta poi rapidamente ad una artrosi deformante.

Cause
Non è accertata la causa della malattia (ad eccezione di quella post-traumatica).
Se tuttavia sono presenti alcuni dei fattori di rischio qui sotto elencati, in presenza di dolore all’anca (dolore inguinale, gluteo o alla regione laterale dell’anca), sarà necessaria una visita dal vostro medico (fisiatra od ortopedico) di fiducia.
– esiti di frattura o lussazione dell’anca
– età tra 20-50 anni
– alcolismo
– uso di farmaci cortisonici
– artrite reumatoide, LES (lupus eritematoso sistemico)
– malattia di Crohn
– pancreatite cronica
– anemia falciforme
– malattia di Gaucher

Diagnosi
– visita specialistica per valutare la funzionalità dell’anca (il movimento) e la dolorabilità a questa connessa.
– Rx e RMN per valutare variazioni patologiche delle strutture ossee.

Trattamento
– se non c’è già stato un crollo della testa femorale, può essere eseguita una decompressione ed un innesto osseo per facilitare la formazione di nuovi vasi sanguigni e cellule ossee.
– Se c’è già stato un crollo della struttura ossea sarà necessario un innesto protesico (vedi artroprotesi).

Lussazione dell’anca

Generalità
l’articolazione dell’anca è costituita dalla testa del femore (la parte sferica superiore della testa femorale) e dall’acetabolo (parte a cupola dell’osso del bacino) che la accoglie e ne guida il movimento permettendo al tempo stesso una buona stabilità.
Per determinare una lussazione dell’anca (fuoriuscita della testa femorale dal suo alloggiamento) è necessario un trauma di forte intensità.
La lussazione dell’anca è una condizione molto rara negli anziani in quanto la stessa forza traumatica in essi provoca più facilmente una frattura del femore o del collo femorale.

Cause
la causa più frequente è l’incidente automobilistico, ma responsabili possono essere anche gli infortuni sul lavoro o la caduta da una scala.
Spesso sono associate altre lesioni (frattura del bacino, degli arti inferiori, della colonna vertebrale).
La lussazione più frequente è quella posteriore (la testa del femore scivola posteriormente rispetto al bacino).

Diagnosi
la lussazione dell’anca è una condizione molto dolorosa: il paziente non può spostare la gamba e qualora ci siano contemporanee lesioni delle strutture nervose, mancherà la sensibilità alla caviglia e al piede.
Nel caso di lussazione posteriore l’anca è fissa, flessa e ruotata all’interno (nella lussazione anteriore, più rara, l’anca sarà ruotata in fuori).
La lussazione dell’anca è un’emergenza ortopedica.
Il paziente non va spostato: va mantenuto al caldo con una coperta e sarà chiamato immediatamente il servizio medico di soccorso.
– il medico solitamente pone la diagnosi osservando la posizione delle gambe
– la Rx indica la presenza di eventuali fratture associate

Terapia
– se non ci sono fratture il medico esegue, previa anestesia, la riduzione incruenta dell’anca (mediante delle manovre di trazione, flessione e rotazione dell’arto).
– verrà eseguita successivamente una nuova Rx o una TAC (tomografia assiale computerizzata) per accertarsi del corretto posizionamento dell’’nca.
– il chirurgo ortopedico può ritenere necessaria l’applicazione di un apparecchio gessato pelvi-podalico per 30-40 giorni, o in alternativa (specie nei pazienti anziani) la trazione dell’arto a letto per 3-4 settimane.
– Segue la rieducazione motoria concedendo probabilmente la deambulazione con stampelle per un periodo che può raggiungere i 6 mesi (per evitare il carico ed una eventuale necrosi ischemica della testa femorale).
– Un eventuale danneggiamento della cartilagine articolare nel corso dell’evento traumatico, può causare una precoce insorgenza di malattia artrosica dell’anca.

Frattura dell’anca

Generalità
è una lesione traumatica dell’osso femorale nella sua parte superiore (frattura della testa o del collo femorale), molto frequente nell’anziano.
L’osteoporosi post-menopausale e l’età senile (in entrambi i sessi) sono i principali fattori predisponenenti. Più del 90 % delle ospedalizzazioni per frattura dell’anca riguarda persone con più di 65 anni, con una netta prevalenza nel sesso femminile (le donne hanno 1 probabilità su 7 di avere una frattura dell’anca nel corso della loro vita, mentre gli uomini hanno 1 probabilità su 17).
In presenza di osteoporosi la frattura dell’anca può avvenire anche per traumi di scarsa entità come banali cadute durante il cammino.
Le fratture dell’anca hanno spesso una prognosi seria, specie in relazione all’età avanzata di questi pazienti.
Alle fratture legate con la malattia osteoporotica vanno aggiunte quelle legate ai traumi stradali e ad altri incidenti.

Fattori predisponenti
– età: la frequenza aumenta progressivamente dopo i 65 anni
– sesso femminile: le donne hanno 2-3 volte più probabilità degli uomini di fratturarsi l’anca
– ereditarietà e costituzione: sono più frequenti in chi ha avuto un parente che in età anziana ha subito questo tipo di frattura nonchè nei soggetti magri e di costituzione esile.
– una dieta povera di calcio, l’assunzione eccessiva di alcool e l’abitudine al fumo sono fattori predisponenti alle fratture dell’anca
– deficit fisici: equilibrio instabile, debolezza, artrosi-artrite con difficoltà o dolore alla deambulazione, deficit visivo, malattie neurologiche (come il morbo di Parkinson o la Sclerosi a placche)
– deficit mentali: senilità, depressione, demenza (ad esempio malattia di Alzheimer) o deficit psico-sensoriali derivanti dall’uso di farmaci

Prevenzione delle cadute
– può risultare utile in questo senso sottoporsi annualmente ad una visita fisiatrica per valutare le
proprie condizioni fisiche ed eliminare eventuali difficoltà di deambulazione, limitazioni o algie
articolari, deficit di equilibrio.
– il vostro fisiatra od ortopedico vi consiglierà periodici controlli della densità ossea (densitometria
ossea o MOC) – vedi ambulatorio osteoporosi –
– ugualmente utile un periodico controllo della vista, cardiologico e della pressione arteriosa.
– mantenere una buona efficenza fisica attraverso la frequentazione di corsi di ginnastica “dedicata” (con esercizi per mantenere agilità, coordinazione, equilibrio e resistenza) ma anche una assidua attività fisica all’aria aperta e in acqua (piscina).
– eliminare tutti i rischi di caduta in casa e all’esterno (ad esempio eliminare i tappeti o usare le apposite reti antisdrucciolo al di sotto degli stessi, eliminare l’uso di scarpe con tacco alto, eliminare l’uso delle pattine o usare esclusivamente quelle con suola antisdrucciolo, preferire l’uso della doccia con gli appositi sostegni anzichè della vasca da bagno e usare delle stuoie antisdrucciolo per l’uscita , installare corrimani e altri dispositivi di sicurezza, mantenere una buona illuminazione nelle stanze, corridoi e scale, non lasciare cavi elettrici del telefono od altro liberi nel pavimento, ecc.).
– seguire una dieta con adeguato apporto di calcio, evitare un uso eccessivo di alcool e il fumo

Sintomi
il paziente avverte un dolore molto forte localizzato soprattutto all’inguine e non è in grado di alzarsi da terra. Ogni più piccolo movimento causa vivo dolore.
Dovrà essere chiamato al più presto il servizio medico d’urgenza. L’infortunato sarà portato al pronto soccorso dove nella maggior parte dei casi verrà disposto il ricovero e un eventuale intervento chirurgico di stabilizzazione della frattura o di protesi articolare.

Diagnosi
– generalmente l’arto fratturato appare ruotato all’esterno, avvicinato all’arto controlaterale e accorciato.
– La Rx conferma la diagnosi e dà una indicazione precisa della sede della frattura e degli eventuali spostamenti dei monconi di frattura.

Le fratture dell’anca possono essere divise, per semplificazione, in due gruppi (seppure con molte varianti al loro interno):
1) fratture del collo femorale
2) fratture trocanteriche
Tali fratture differiscono tra loro, oltre ovviamente che per il punto in cui si verifica la lesione, anche per il tipo di trattamento necessario e le relative complicanze.

Trattamento
Il trattamento delle fratture dell’anca varierà sia in relazione al tipo di frattura, sia in base all’età del paziente.
– fratture del collo femorale: è generalmente eseguito (nelle persone più giovani) un intervento di osteosintesi usando un “chiodo” o una “vite” fatti penetrare dalla superficie esterna del trocantere femorale fino al centro della testa femorale stessa.

Il paziente potrà muovere l’arto a letto dopo pochi giorni dall’intervento mentre la deambulazione , una volta applicato un gesso pelvi-malleolare, sarà permessa generalmente dopo 3-4 settimane utilizzando delle stampelle per evitare il carico sull’arto colpito. Tale tipo di deambulazione sarà protratta per un periodo che può arrivare ai 4-6 mesi.

Nelle persone di età più avanzata (generalmente oltre i 70 anni) è preferibile un intervento di sostituzione della testa femorale con una endoprotesi metallica (il cui gambo viene infisso nel canale midollare del femore) o con la sostituzione sia della testa femorale che del suo acetabolo (la parte dell’osso del bacino con cui la testa femorale si articola) realizzando una artroprotesi.

Con questo tipo di intervento è possibile muovere liberamente l’arto da subito ed iniziare la deambulazione senza apparecchio gessato già dopo pochi giorni. Ciò riduce in grande misura le complicazioni sia di carattere generale che locale cui andrebbe incontro questa categoria di persone (tromboflebite, embolia polmonare, piaghe da decubito ecc.).
L’uso di un “girello”, di stampelle o di un altro aiuto potrà essere necessario nelle fasi iniziali della deambulazione così come delle terapie di rieducazione funzionale (mobilizzazione, rinforzo muscolare, esercizi di equilibrio e training del passo).

fratture trocanteriche: sono ancora più frequenti delle precedenti, causate generalmente da una caduta sul fianco, anch’esse interessanti l’anziano (72 anni è l’età media) e il sesso femminile (in una percentuale superiore al 70%).
La prognosi è decisamente migliore rispetto alle fratture del collo femorale.
Nei giovani e negli adulti il trattamento è di solito incruento (immobilizzazione in apparecchio gessato pelvi-podalico per circa 30 giorni; deambulazione con stampelle già dopo pochi giorni).
Nelle persone anziane, allo scopo di ridurre l’immobilità derivante dall’apparecchio gessato e quindi i rischi delle complicanze a questa connessi, si interviene chirurgicamente fissando i due segmenti ossei per mezzo di viti-placca, chiodi-placca o ancor più semplicemente con dei chiodi endomidollari.

La stabilità della frattura data da tali mezzi di sintesi permette una deambulazione precoce con la possibilità di caricare già nei primissimi giorni.

Stanchezza cronica

STANCHEZZA CRONICA

E’ uno dei disturbi più frequenti portati a conoscenza del medico di medicina generale e molto spesso anche del fisiatra.
Si tratta della percezione di uno stato di affaticamento e debolezza non proporzionato all’attività svolta che si presenta, frequentemente o per lunghi periodi, in assenza di patologie organiche rilevate (per citarne alcune, ipotiroidismo, diabete, anemia, epatite cronica, malattie infettive come la mononucleosi, dipendenze da alcool o altre sostanze, miopatie, depressione, neoplasie).

In tali soggetti il sonno è poco ristoratore e al risveglio, il mattino, si avverte già una sensazione di stanchezza.
Frequenti sono i dolori muscolari e poliarticolari, spesso migranti.
Frequenti sono anche i disturbi gastrici (gonfiore e dolori addominali), intestinali (colon irritabile, meteorismo, ecc.), sintomi d’ansia e cefalee.

L’andamento della sintomatologia il più delle volte è stazionario o ricorrente, in più rari casi si osserva un acuirsi, anche dopo anni, per diventare una vera e propria malattia denominata “Sindrome da stanchezza cronica” in cui il sintomo stanchezza è il principale, non alleviabile in alcun modo e tale da impedire o ridurre fortemente le proprie attività occupazionali, sociali o personali, persistente per almeno 6 mesi.

Recentemente si è identificato nella stanchezza cronica il principale disturbo dei MUS (medically unexplained symptoms o sintomi vaghi e aspecifici) scatenati da stressor cronici (cattiva alimentazione, eccessiva o ridotta attività fisica, stress psico-emotivi …) e confluenti nello stato infiammatorio cronico sistemico di basso grado (ISC low grade).

L’ISC low grade causa riduzione della massa magra corporea – muscolare (> affaticamento, alterazione dei ritmi ormonali – in particolare aumento del cortisolo > processi infiammatori cronici), alterazione della composizione corporea.

La diagnosi del disturbo da stanchezza cronica e la prevenzione di un ulteriore aggravamento o di altri MUS si attua attraverso tests specifici e/o l’analisi della composizione corporea / valutazione medica con strumentazione validata dal Ministero della Salute.

La riabilitazione di questo disturbo si basa quindi su:
corretta alimentazione
attività fisica
riduzione degli stress psico-emotivi

Pubalgia

Pubalgia tendinite dei muscoli adduttori della coscia

Generalità
E’ l’infiammazione dell’inserzione tendinea dei muscoli adduttori della coscia (m. adduttore lungo e breve della coscia, pettineo, gracile) ed eventualmente delle borse sierose (borsite) tra questi presenti.
Compare prevalentemente in soggetti che praticano determinate attività sportive o lavorative (ad esempio calciatori, fantini, ecc.).

Diagnosi
– dolore in regione pubica con irradiazione del dolore stesso verso la parte anteriore-interna della coscia.
– Dolore alla pressione in sede di inserzione di questi muscoli al pube e in corso di determinati movimenti: flesso-abduzione (cioè flessione e apertura all’esterno della coscia) e nel movimento contrastato di adduzione (spinta della coscia verso l’arto opposto).
– Rx per valutare la presenza di eventuali calcificazioni in sede tendinea inserzionale.

Trattamento
– riposo dalle attività sportive
farmaci analgesici-antiinfiammatori per via generale o locale (spray, creme, ecc.)
– fkt: laser a puntale (a contatto) nella sede di inserzione tendinea, ionoforesi con fans, magnetoterapia, rieducazione funzionale per detendere le strutture muscolo-tendinee
– infiltrazione con cortisonici in assenza di risultati positivi con le precedenti terapie fisiche

Disturbi del sonno

DISTURBI DEL SONNO

I disturbi del sonno si possono manifestare principalmente nei seguenti modi:
– difficoltà ad addormentarsi
– risvegli notturni (anche quando dovuti a necessità fisiologiche)
– orari non fisiologici di addormentamento e di risveglio
– sonnolenza diurna
Nella grande maggioranza dei casi si tratta di disturbi funzionali (non legati a patologie organiche rilevabili), descritti come frequenti nella popolazione generale, a prescindere dall’età.

Le principali cause di tali disturbi sono:

alimentazione scorretta, in particolare cena eccessivamente calorica (abbondante), che dovrebbe essere invece quantitativamente inferiore al pranzo e alla colazione. Il corpo umano infatti, attraverso i suoi cicli ormonali, è programmato per un pasto serale particolarmente sobrio e ridotto.
Un eccesso in carboidrati serali causano innalzamenti glicemici notturni, risvegli e sudorazione notturna. Se tali comportamenti alimentari sono condotti con frequenza o per abitudine possono inoltre essere causa o compartecipi nell’insorgenza di vere patologie secondo il meccanismo: iperglicemia persistente > resistenza insulinica > diabete > infiammazione dell’endotelio vasale > aterosclerosi > malattie cardiovascolari > malattie cerebrovascolari (ictus ecc.)

stress psico-emotivo cronico: ipersecrezione di adrenalina e noradrenalina per stimolazione del sistema nervoso simpatico con disturbo del sonno e ipersecrezione di cortisolo con innalzamento della glicemia – vedi sopra)

scorretta distribuzione delle attività quotidiane: le varie attività (lavoro, sport, studio, ecc.), specie le più faticose, dovrebbero essere concentrate al mattino, sempre per evitare l’alterazione dei ritmi ormonali (cortisolo), mentre le meno intense dovrebbero essere riservate al pomeriggio. Alla sera è infine da evitare ogni attiva faticosa e stressante. Anche l’uso di computer, smartphone ecc. alla sera induce il proprio cervello a mantenere un’attività “vigile” in particolare per l’azione indotta dall’alta efficenza luminosa di tali devices elettronici.

Anche se apparentemente il vostro corpo sembra sostenere ritmi di vita e sonno scorretti, sappiate che nel tempo sicuramente il vostro corpo si farà sentire.
Il sonno deve essere al minimo di 6-7 ore ininterrotte per notte (meglio 8) affinché ci sia un completo recupero delle energie.
Buona norma sarebbe, per permettere un corretto metabolismo, coricarsi entro le 23 / 23.30 e alzarsi al mattino entro le 8 (pur avendo il tempo di prolungare il tempo di riposo).

Una corretta respirazione, appresa con tecnica di biofeedback respiratorio dopo test PPG, può risultare un’ottimo aiuto nell’insonnia, così come tecniche di rilassamento guidato, meditazione, musicoterapia, neuro-riflessoterapia agopunturale, terapia omeopatica (da valutare a seconda delle necessità nel singolo individuo).

La riabilitazione si basa quindi su corretta alimentazione, attività fisica e riduzione degli stress psico-emotivi.