Alimentazione anti infiammatoria

Numerosi stressors (agenti stressanti cronici) quali quelli
psichici, emotivi e socio-relazionali
fisici, ad esempio sedentarietà o sovraccarico lavorativo-sportivo, ecc.
metabolici, tra questi rilevante è una scorretta alimentazione, ma anche uno stile di vita dannoso, eccesso di farmaci, ecc.

sono in grado di determinare alterazioni nell’intero organismo (neurologiche-immunologiche-endocrine e metaboliche) con il coinvolgimento di vari apparati: cardio-circolatorio, osteo-articolare, neurologico, digestivo, ecc.
Tale quadro di alterata funzionalità organica è denominato
Infiammazione sistemica cronica di basso grado (ISC).

Tra le molteplici alterazioni conseguenti ad uno stato di stress cronico, possiamo citare:

importanti cambiamenti della composizione corporea, ad es. riduzione dell’acqua corporea totale, riduzione di alcuni ioni, come K, Mg, Ca, aumento di Na, ecc.

alterazioni metabolico-ormonali per attivazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrenalico: ad esempio aumento dell’ormone cortisolo, aumento di adrenalina e noradrenalina per stimolazione del sistema nervoso simpatico, riduzione degli ormoni tiroidei, del testosterone, dell’ ormone GH (della crescita), ecc.
con conseguenze quali l’insulino-resistenza, l’aumento della pressione arteriosa, malattie cardio-vascolari, diabete, …

riduzione della massa muscolare

riduzione delle riserve energetiche dell’organismo (glicogeno muscolare)

aumento del tessuto adiposo, specie del grasso addominale (il più pericoloso)

produzione di fattori pro-infiammatori (interlochine: IL 2, IL6, TNFalfa, …)

riduzione delle difese immunitarie

Al perdurare dello stress cronico, a cascata e in tempi variabili e progressivi, esiste la concreta possibilità di insorgenza di:

MUS (medically unexplained simptoms) ovvero una serie di sintomi aspecifici, detti anche “funzionali”, non ancora legati a malattie organiche, ma successivamente anche di vere e proprie
Malattie organiche croniche, come quelle cardio-vascolari, ictus, diabete, malattie auto-immuni (ad es. l’artrite reumatioide), malattie tumorali, invecchiamento precoce.

Principi per un corretta alimentazione
anti-infiammatoria e anti-age

Immaginiamo come possiate essere confusi in fatto di “dieta” quando quasi giornalmente, su riviste e altri media, appaiono diete presentate da “esperti” (?!) e basate su le più varie teorie (ma anche nessuna). Alcune veramente bizzarre, altre solo apparentemente accreditate scientificamente, ma raramente suffragate da valide ricerche scientifiche e studi con casistiche numericamente significative.
Si tratta non raramente di diete squilibrate (dannose) il cui scopo è per lo più la perdita di peso.
In realtà una dieta dovrebbe avere per scopo principale la salute dell’organismo, e solo in caso di obesità o sovrappeso, i due obiettivi (salute e perdita di peso) coincideranno, sempre e solo nel rispetto del primo.

I principi di alimentazione di seguito esposti sono basati su una ricerca scientifica di base multidisciplinare e su studi di relazione o interdipendenza tra composizione corporea e presenza di sintomatologie e/o malattie croniche (vedi bibliografia a fine pagina).

Gli elementi nutrizionali- chiave sono:

1) contenimento / redistribuzione del carico glicemico (zuccheri, carboidrati raffinati) determinato in base alla quantità e qualità di carboidrati presente negli alimenti: in sostanza pane, pasta, dolci e loro derivati, specie se non integrali. Da limitare in particolare al pomeriggio e sera in quanto mantengono alti i livelli di glucosio e insulina notturna favorendo l’insorgenza di diabete di tipo 2 e sindrome metabolica (ipertensione, malattie cardio-vascolari e cerebro-vascolari).
2) riduzione del carico acido renale potenziale (PRAL) ossia dell’acidità dovuta agli alimenti .
Tale acidità apportata viene corretta (tamponata) dal nostro organismo “rubando” ioni calcio, potassio, fosfati … da osso e muscolo che si indeboliranno (osteoporosi e ridotta muscolatura).
3) corretta distribuzione della quantità / qualità dei cibi nell’arco della giornata, in base ai fisiologici cicli giornalieri metabolico – ormonali dell’organismo (gli orari stabiliti dal nostro orologio biologico).
E’ buona norma fare un’abbondante colazione, un pranzo discreto, una cena limitata .

Si tratta di un’alimentazione che potremo definire anti-infiammatoria e cicardiana:

Schema alimentare base

rappresenta uno schema nutrizionale utilizzabile da una persona senza malattie (o senza una valutazione di eventuali carenze o necessità).

Colazione (6.30 – 8.30)

– pane o fette biscottate o biscotti o cereali (apporto di carboidrati complessi)
– frutta di stagione (o saltuariamente un dolce)
– caffè, latte o the (zuccherati)

Merenda (10.00 – 10.30)

– un frutto di stagione

Pranzo (12.30 – 13.30)

– pasta o pane o patate o legumi (una sola fonte di carboidrati ad alto indice glicemico)
– verdure cotte o crude condite a piacere (tranne patate o legumi)

Merenda (16.00 – 17.00)

– un frutto di stagione o un gelato alla frutta

Cena (19.00 – 20.30)

– verdure cotte o crude (non patate o legumi)
– carne o pesce o uova (a rotazione)

Importante

– quantità di acqua mediamente 1-2 litri al giorno. (una più precisa quantificazione è possibile con test BIA-ACC).
limitare a 1-2 volte alle settimana i formaggi (specie se stagionati) e ridurre al minimo o ad un uso occasionale gli insaccati (prosciutto, salame, ecc.)
limitare il più possibile le bevande analcoliche / alcoliche
– per ottenere il miglior risultato è opportuno rispettare gli orari indicati.

Una precisa ed “efficace” alimentazione potrà essere invece elaborata solo sulla base di dati personalizzati, non solo quelli antropometrici (peso, altezza), ma anche idratazione corporea, ionemia (sodio e potassio …), stato osseo (calcio, magnesio, fosfati, densità ossea), metabolico (glicogeno di deposito, matrice …), stato muscolare (massa, densità muscolare, eventuali infiltrazioni di grasso), tessuto adiposo globale, sottocutaneo e addominale, capacità aerobica (VO2 max…). Tali dati sono ricavabili da test specifici come il BIA-ACC (bioimpedenziometria clinica multifattoriale), da valutare unitamente a tests di funzionalità ed equilibrio del sistema nervoso autonomo (simpatico e parasimpatico), la variabilità della frequenza cardiaca e altre informazioni correlate a stress, infiammazione cronica e indici generali di salute, ottenibili tra l’altro dal test PPG (pletismografia digitale).

La riabilitazione di una persona soggetta a stress cronico (metabolico, fisico o psico-emotivo) e tendenzialmente in “avvicinamento” ad uno stato di infiammazione sistemica cronica low grade, con sintomatologia funzionale, o già in presenza di malattia cronica, si attua oltre che a livello nutrizionale anche con azione:
nutraceutica ovvero di integrazione all’alimentazione
attività fisica: spesso è necessario un aumento della massa muscolare e dell’efficienza aerobica per ottenere importanti risultati sui disturbi aspecifici di vari apparati (MUS) e su un’azione di prevenzione o involuzione delle patologie croniche, compresi i disturbi articolari
riduzione degli stress psico-emotivi (tecniche antistress, di respirazione, ecc.)
life style (gestione dello stile di vita): si tratta di adottare vari comportamenti, oltre al controllo dello stress emotivo, la cura della propria persona (abitudini di vita in generale, sessualità, fumo, igiene orale, ecc.), e prevenzione sanitaria (check-up periodici, densitometria ossea, ecc.).

Bibliografia
– Barclay AW, Petocz P, McMillan-Price J, Flood VM, Prvan T, Mitchell P, Brand-Miller JC, Glycemic index, glycemic load, and chronic disease risk–a meta-analysis of observational studies, Am J Clin Nutr. 2008 Mar;87(3):627-37;
– Larsson SC, Bergkvist L, Wolk A, Glycemic load, glycemic index and breast cancer risk in a prospective cohort of Swedish women, Int J Cancer. 2009 Feb 3
– Sulli A, Montecucco CM, Caporali R, Cavagna L, Montagna P, Capellino S, Fazzuoli L, Seriolo B, Alessandro C, Secchi ME, Cutolo M, Glucocorticoid effects on adrenal steroids and cytokine responsiveness in polymyalgia rheumatica and elderly onset rheumatoid arthritis, Ann N Y Acad Sci. 2006 Jun;1069:307-14;
– Riccardi G, Rivellese AA, Giacco R, Role of glycemic index and glycemic load in the healthy state, in prediabetes, and in diabetes, Am J Clin Nutr. 2008 Jan;87(1):269S-274S
– Hare-Bruun H, Flint A, Heitmann BL, Glycemic index and glycemic load in relation to changes in body weight, body fat distribution, and body composition in adult Danes, Am J Clin Nutr. 2006 Oct;84(4):871-9; quiz 952-3;
– Cutolo M, Villaggio B, Otsa K, Aakre O, Sulli A, Seriolo B, Altered circadian rhythms in rheumatoid arthritis patients play a role in the disease’s symptoms, Autoimmun Rev. 2005 Nov, 4(8):497-502;
– Chan O, Inouye K, Riddell MC, Vranic M, Matthews SG, Diabetes and the hypothalamo-pituitary- adrenal (HPA) axis, Minerva Endocrinol, 2003 Jun;28(2):87-102;
– Leal VO, Delgado AG, Leite M Jr, Mitch WE, Mafra D, Influence of renal function and diet on acid-base status in chronic kidney disease patients, J Ren Nutr. 2009 Mar;19(2):178-82;
– Wynn E, Lanham-New SA, Krieg MA, Whittamore DR, Burckhardt P, Low estimates of dietary acid load are positively associated with bone ultrasound in women older than 75 years of age with a lifetime fracture, J Nutr. 2008 Jul;138(7):1349-54;
– Gannon RH, Millward DJ, Brown JE, Macdonald HM, Lovell DP, Frassetto LA, Remer T, Lanham-New SA, Estimates of daily net endogenous acid production in the elderly UK population: analysis of the National Diet and Nutrition Survey (NDNS) of British adults aged 65 years and over, Br J Nutr. 2008 Sep;100(3):615-23. Epub 2008 Apr 8;
Murakami K, Sasaki S, Takahashi Y, Uenishi K; Japan Dietetic Students’ Study for Nutrition and Biomarkers Group, Association between dietary acid-base load and cardiometabolic risk factors in young Japanese women, Br J Nutr. 2008 Sep;100(3):642-51. Epub 2008 Feb 18;
– Welch AA, Mulligan A, Bingham SA, Khaw KT, Urine pH is an indicator of dietary acid-base load, fruit and vegetables and meat intakes: results from the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC)-Norfolk population study, Br J Nutr. 2008 Jun;99(6):1335-43. Epub 2007 Nov 28;
– Macdonald HM, New SA, Fraser WD, Campbell MK, Reid DM, Low dietary potassium intakes and high dietary estimates of net endogenous acid production are associated with low bone mineral density in premenopausal women and increased markers of bone resorption in postmenopausal women, Am J Clin Nutr. 2005 Apr;81(4):923-33;
responsabile web site: Dott. Paolo Bortolotto Medico Fisiatra - Padova

Registrant/Administration Carla Costabile C.F. CSTCRL61R50A166F Via Milano, 1 Selvazzano Dentro (Padova)
On web with SERVERPLAN-REG www.serverplan.com

Copyright 2002 - 2014 Restyling and updating © 2017 Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2017